La rivoluzione veste Prada

La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Questi erano – come ben sanno tutti coloro che hanno letto 1984 di George Orwell – i tre principi che, in Oceania, ispiravano l’agire del ministero della Verità. E proprio a questo – a una versione sbrindellata e cialtrona, ma altrettanto sinistra del “Grande fratello” – […]

Il perché della frode

Frode, la chiamano. Ma più corretto sarebbe chiamarla – parafrasando quel che Woodrow Wilson disse della Prima Guerra Mondiale – la frode che fa finire tutte le frodi. E questo, ovviamente, non perché il regime “bolivarian-chavista”” abbia infine scoperto, dopo tante truffaldine scelleratezze, i piaceri dell’onestà, ma perché, grazie a quest’ultima frode, non resta ormai, […]

Di frode in frode

“Tun-tun”… Ieri notte le ruvide nocche degli agenti del Sebin – formalmente un’agenzia di controspionaggio ma, di fatto, la polizia politica della dittatura – hanno bussato alle porte dei due più noti prigionieri politici venezuelani: Leopoldo López e Antonio Ledezma, entrambi (il primo da appena una settimana, il secondo da più di un anno) agli […]

“Tun-tun”, tirannia alla porta

“Operazione tun-tun” l’hanno chiamata. A partorirla è stata, non a caso, la fervida mente dell’uomo (o per meglio dire dell’energumeno) che, nel Gotha chavista, più da vicino ricorda – per mentalità, cultura, linguaggio e, persino, per aspetto fisico – la tradizionale figura del “gorilla” militare sudamericano. Quest’uomo è capitan Diosdado Cabello, attuale vice-presidente del Partido socialista unido de […]

…e dittatura fu

Un golpe “più grottesco di quello di Carmona”. Credo valga la pena partire da qui, da questa frase pronunciata giorni fa dalla Fiscal General Luisa Ortega Díaz, per illustrare la tragicommedia che, in queste ore, si va rappresentando in Venezuela. Giusto per rinfrescare la memoria dei pochi lettori che non hanno piena familiarità con la […]

7.000.000 volte “no”

Qualcuno lo ha chiamato “plebiscito”. Altri lo hanno definito un “referendum”. Altri ancora hanno optato per il termine “consulta popolare” o, con sardonici accenti, dal lato del governo, “consulta interna all’opposizione”. E non pochi (governo escluso) hanno finito per usare, alternandoli senza distinzione alcuna, tutti e tre i termini. Ma certo è che – al […]

Ritorno alla preistoria

“Tra sei mesi, o tra sei anni, o sia quando sia, Cuba sarà libera. E quando lo sarà, il popolo dell’isola dirà che la transizione cominciò qui, in questo teatro, con un presidente che ha fatto quel che si deve fare perché torni la libertà nell’isola schiavizzata di Cuba…”.È stato Marco Rubio, senatore della Florida […]

leggi tutto 0 Comments

Trump, un uomo piccolo

Il giorno della cerimonia inaugurale di Donald Trump – quella stessa cerimonia che lui stesso, ignorando i numeri fatti, in un primo ridicolo esempio di narcisistica grandeur definì “la più grande di sempre” – non è alle nostre spalle che da cinque mesi scarsi. Ma tale è fin qui stata – in particolare via Twitter […]

leggi tutto 0 Comments

Nutellatov

Difficile di questi tempi trovare qualcosa che in Venezuela abbia un, sia pur remoto, fuggevole dolce sapore. Tutto appare a prima vista amaro, triste, disperato. L’economia è a pezzi, i negozi vuoti, gli ospedali in rovina. Da ormai quasi due mesi le proteste riempiono le piazze di gente, bandiere e morti ammazzati nelle sempre più […]

leggi tutto 0 Comments

Burla costituzionale

Si chiama “Asamblea Nacional Constituyente”. E, volendo concedere al chavismo un credito storico che assolutamente non merita, la si potrebbe definire una riedizione in chiave di farsa, o di tragicommedia tropicale, di quel celeberrimo “tutto il potere ai soviet” che – in anni lontani ed in ancor più lontani panorami politici – dette il là […]

leggi tutto 0 Comments

Peggio la toppa…

Come si usa dire: peggio la toppa dello strappo. Lo scorso 30 marzo, come certo ricorderete, il Tribunal Supremo d Justizia – sulla carta l’equivalente della Corte Costituzionale, ma di fatto l’ufficio legale del governo “bolivariano” del Venezuela – aveva emesso un paio di sentenze (la n.155 e la n. 156, per la cronaca) con […]

leggi tutto 0 Comments

Colpo di grazia

Per molti era già morta. E certo è che, se ancora non aveva del tutto attraversato le putride acque dello Stige, si trovava da tempo in uno stato comatoso tanto profondo che assai difficile era distinguerlo dal rigor mortis. Ma tutto questo non ha, ormai, nessuna importanza. Perché, quale che fosse il suo stato di […]

leggi tutto 0 Comments

Peggio di lui nessuno

Non si sa se esistano. E, se esistono, assai probabile è che una delle vecchie cabine telefoniche – struggente ricordo di tempi meno complicati – sia più che sufficiente ad ospitarne una molto ipotetica assemblea plenaria. Una cosa di loro si può tuttavia dire: oggi come oggi, quando sono a malapena trascorsi i primi due […]

leggi tutto 0 Comments

Trump horror show

Fu un pessimo profeta, Barack Hussein Obama (uno che, con quel nome, avrebbe oggi serie difficoltà a passare i controlli d’immigrazione). Ma nell’errore è riuscito a regalarci, per negazione, quella che è forse la più compiuta – ed effettivamente profetica – definizione della stagione politica appena apertasi. Donald Trump, disse Obama lo scorso maggio quando […]

leggi tutto 0 Comments

Fatti suoi

Sta firmando decreti su decreti, il neo-presidente Usa Donald J. Trump. E così – nel riportarne i contenuti titolava ieri […]

Don, caudillo made in USA

“…La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. E […]

Una tira l’altra

Ci fu negli Usa un tempo – un tempo che sempre più assomiglia a quello del “c’era una volta” delle […]

Figlio d’orango

Molti dei “trumpisti” (pre-marcia o acquisiti) che hanno con i loro commenti onorato il mio precedente post, hanno a quanto […]

Trumpstan

“America becomes a Stan”, recitava giorni fa, sul New York Times, un commento del premio Nobel per l’economia Paul Krugman. […]