Il macigno dell’eternità

“Fidel rumbo a la eternidad”, Fidel verso l’eternità, titolava sabato scorso il Granma, annunciando l’ultima tappa del viaggio che in quattro giorni – ripercorrendo a ritroso quello che, nel gennaio del 1959, era stato il percorso della “caravana de la libertad” – ha infine portato le ceneri del “comandante en jefe” dall’Avana a Santiago de […]

Cuba ai tempi di Trump

Obama non parteciperà ai funerali di Fidel Castro, recitano i titoli dei giornali di stamane. E difficilmente una notizia – se tale si può definire l’annuncio della Casa Bianca –  avrebbe potuto essere più scontata. Già nel marzo scorso, quando Obama aveva sigillato, con una visita-lampo all’Avana, la sua nuova politica d’apertura verso Cuba, le […]

Se fue Fidel

“Presto compirò i 90 anni, mai avevo pensato di arrivarci e mai mi sono sforzato di arrivarci. È stato un capriccio del destino. Presto toccherà anche a me, il turno arriva per tutti”. Questo disse Fidel Castro Ruz lo scorso aprile, nel Palacio de Convenciones dell’Avana, rivolgendosi – “forse per l’ultima volta”, come precisò – […]

Trumpzilla alla Casa Bianca

Molti (e tra questi chi scrive) avevano, lungo questa interminabile campagna elettorale, pensato che fosse un incubo, una di quelle storie che – avete presente l’interminabile serie dedicata al diabolico Freddy Krueger di Elm Street? – tante volte ci hanno regalato i più classici film dell’orrore. Il “mostro” sembra – una, due, dieci volte nell’incedere […]

Un Nobel salvapace

Chissà: forse ha ragione Ingrid Betancourt – che della guerriglia colombiana fu, lungo sette durissimi anni di prigionia, una delle vittime più internazionalmente conosciute – quando afferma che, per equità, il premio Nobel avrebbero dovuto assegnarlo a tutte le parti coinvolte nei negoziati di pace. Ovvero: al presidente Juan Manuel Santos ed a Rodrigo Londoño […]

No alla pace

“La nostra lunga notte di dolore e di violenza è finita” aveva annunciato il presidente Juan Manuel Santos lo scorso 26 di settembre di fronte ai dignitari del mondo intero convenuti a Cartagena per assistere alla cerimonia della firma del trattato di pace tra il governo colombiano e le Farc (Fuerzas Armadas Revolucionarias Colombianas). Ed […]

…e Don perse la faccia

Guidata da due timonieri che – sia pur per molto diverse ragioni – battono ogni record di impopolarità, la malandata barcaccia delle elezioni presidenziali Usa continua a navigare in acque inesplorate (”uncharted waters”, come vanno da queste parti ripetendo politologi e sondaggisti). E quel che accadrà di qui a novembre resta più che mai imprevedibile. […]

leggi tutto 0 Comments

Bullshit for president

Su un punto, almeno, tutti sembrano concordare: la corsa per la Casa Bianca questa volta è, essenzialmente, una gara d’impopolarità. O, più esattamente: è una competizione tra due candidati che tutti i sondaggi inequivocabilmente indicano – e da ben prima che le primarie avessero inizio – come a torto o a ragione ritenuti sul piano della […]

leggi tutto 0 Comments

Stupid power

“We’ve got to stop being the stupid party“, dobbiamo smetterla di essere il partito degli stupidi. Questo disse Bobby Jindal, governatore della Louisiana, durante il tradizionale winter meeting, la riunione d’inverno del Republican National Commitee. Era il 25 gennaio del 2013 e la sonora sconfitta elettorale di Mitt Romney, il candidato repubblicano contrapposto al presidente […]

leggi tutto 0 Comments

I love you, Vlad

Più la campagna presidenziale in corso negli Stati Uniti va avvicinandosi alla meta, e più impellente va per tutti facendosi, minuto dopo minuto, la classica e alquanto retorica domanda: sogno o son desto? Son, anzi, siam desti, ovviamente. Desti e attoniti di fronte a un processo politico che ogni giorno di più assomiglia, se non […]

leggi tutto 0 Comments

Lettera a un “dictatorzuelo”

Giunto ormai sulla soglia del diciottesimo anno di governo ‘chavista’, il Venezuela si spegne. Si spegne nel più letterale senso del termine perché – causa un perverso combinarsi d’inettitudine, di corruzione e di avverse condizioni climatiche – il paese non riesce a produrre che una frazione dell’elettricità di cui ha bisogno. Si spegne economicamente e […]

leggi tutto 0 Comments

Dilma fu

Un golpe? No. Quello che all’alba di stamane ha ‘afastado’, appartato, Dilma Rousseff dalla presidenza del Brasile è sicuramente il risultato d’una manovra politica infame e per molti aspetti grottesca. Anzi, peggio: è l’esatto contrario di quel che afferma d’essere. Ovvero: non un momento di lotta alla corruzione, ma l’ultimo spasimo d’un sistema corrotto, un […]

leggi tutto 0 Comments

Chi è senza peccato…

Le chiamano ‘pedaladas fiscais”, pedalate fiscali. Ed i sondaggi ci raccontano come solo una ristrettissima minoranza dei brasiliani che, in queste ore, vanno manifestando, pro e contro l’impeachment, sappia davvero (nei minimi dettagli o anche soltanto per grandi linee) in che cosa consista questo alquanto oscuro (ed ancor più controverso) delitto amministrativo. Eppure sarà proprio […]

leggi tutto 0 Comments

Una voce dalle caverne

Nei giorni scorsi, nel commentare il significato e la portata della ‘storica’ visita di Obama a Cuba, non pochi avevano fatto notare come la totale assenza di Fidel Castro in ciascuna delle fasi – protocollari o meno – dell’evento, a tutti gli effetti fosse la prova provata dell’ormai pressoché totale irrilevanza politica di quello che, […]

leggi tutto 0 Comments

..coltivo una rosa bianca…

Le nere, nerissime nuvole degli attentati di Bruxelles ricoprivano, martedì mattina, anche i cieli tropicali di Cuba. Ed è sotto […]

Lula, a volte ritornano

Luiz Inácio ‘Lula’ da Silva è tornato (da ministro, anzi, da super-ministro) al governo del Brasile. O meglio: è tornata […]

Lula, ultimo atto

A São Bernardo do Campo tutto era cominciato, sul finire degli anni ‘70, quando, con i grandi scioperi dei metalmeccanici […]

Más Evo? Gracias, no

‘Bolivia cambia, Evo cumple’. La Bolivia cambia, Evo mantiene le promesse. Fu con questo alquanto baldanzoso slogan che, agli albori […]

Albert e Nicolás

Nicolás Maduro, presidente del Venezuela, ed Albert Einstein, universale simbolo d’intelligenza, potrebbero a prima (e, per la verità, anche a […]