No menu items!
19.3 C
Buenos Aires
Saturday, April 20, 2024
HomeSud AmericaBrasileIl crimine si fa Stato

Il crimine si fa Stato

Quando si tratta di criminalità organizzata, in Brasile o in altri paesi dell’America Latina, le cronache normalmente si soffermano su episodi di violenza: omici, regolamenti di conti, rapine. Ma l’arresto di un alto magistrato nello Stato del Mato Grosso do Sul rivela molto profondi livelli di penetrazione nei più vitali gangli dello Stato. Come ben spiegato in quest’articolo che, scritto da Constance Malleret, è stato pubblicato dalla World Policy Review


All’inizio di febbraio, la polizia brasiliana ha perquisito l’abitazione di Divoncir Maran, un giudice d’appello nello stato del Mato Grosso do Sul, come parte di un’indagine di corruzione. Lo stesso giorno, Maran è stato sospeso dal suo incarico e deve ora rispondere dell’accusa d’aver insabbiato il rocedinmmento a carico d’un importante trafficante di droga, Gerson Palermo, agli arresti domiciliari dalla prigione dove stava scontando una condanna di decenni nel 2020. Un altro giudice ha annullato l’ordine il giorno seguente, ma era troppo tardi: Palermo, membro dell’organizzazione criminale del Primeiro comando da Capital, PCC, era già fuggito e da allora è latitante.

La sospensione di Maran non ha fatto notizia in Brasile, dove i gruppi della criminalità organizzata tendono ad attirare l’attenzione per episodi violenti come rapine di banche, drammatiche e sparatorie urbane con bande rivali o la polizia. Ma la presunta corruzione del magistrato è forse più preoccupante come segno della crescente influenza delle principali organizzazioni del narcotraffico del Brasile, che hanno costantemente accumulato ricchezza e potere negli ultimi anni.

“Questi gruppi si stanno sviluppando in modo tale da diventare sempre più simili alle mafie, con una crescente capacità di influenzare l’economia e la politica”, afferma Bruno Paes Manso, autore di diversi libri sugli attori criminali brasiliani.

Il traffico transnazionale di droga in Brasile è dominato dal Primo Comando della Capitale, noto con il suo acronimo portoghese PCC, e dal suo rivale nazionale, il Comando Rosso, o CV. Entrambi emersero come bande carcerarie nella seconda metà del XX secolo, rispettivamente a San Paolo e a Rio de Janeiro. Entrambi hanno decine di migliaia di membri in tutto il paese e sono responsabili dello spostamento della maggior parte della cocaina consumata in Brasile e in Europa.

Il PCC in particolare è considerato uno dei più potenti gruppi di crimini organizzati nel mondo da U.S. autorità. Secondo una stima, le entrate derivanti dalla sola cocaina ammontano a 4,8 miliardi di dollari l’anno. Oltre a controllare i principali punti di traffico lungo i confini del Brasile e intorno ai suoi porti, il PCC ha un punto d’appoggio nei paesi produttori di cocaina e di transito in Sud America. Lavora anche con gruppi criminali di altri continenti, in particolare le mafie italiane e balcaniche, ed è coinvolto nel contrabbando, traffico di armi e, sempre più, le economie illecite in Amazzonia, come l’estrazione dell’oro….

Clicca qui per leggere l’intero articolo, in inglese, sulla World Policy Review….

Previous article
Next article

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0