Tuluá, cento dollari a morto

0
100

Dal cuore della Colombia (Valle del Cauca), un’altra terribile storia di violenza. La racconta Juan Pablo Vásquez su El País di Madrid

Non c’è giorno in cui il giornalista Robert Posada, 40 anni, non senta la mancanza di Marcelo, il suo boston terrier di 12 anni. Lo vede molto poco dal suo ritorno a Tuluá. Dopo 15 mesi di esilio, ha ritenuto che la cosa migliore fosse che il cane continuasse sotto le cure del veterinario a cui era stato affidato prima del viaggio. Due settimane fa gli ha fatto visita ed è ancora sconvolto dall’addio. “Mi ha seguito fino alla porta. Voleva venire con me. A volte penso che sia meglio non vederlo perché mi fa male licenziarmi”, dice voltando lo sguardo dietro la spalla dal sedile del passeggero. La scena rivela perché non può stare con Marcelo. Un furgone blindato con tre scorta dell’Unità Nazionale di Protezione (UNP) ti porta nel centro della città di 230.000 abitanti. È una delle vittime più visibili dell’ondata di violenza che si vive nel cuore del dipartimento della Valle del Cauca.

Un agente di transito ucciso, un altro ferito e sei taxi incendiati è stato il saldo dello scorso sabato 10 febbraio. Si trattò di una raffica di crimini perpetrata dai membri della banda dell’Immacolata come ritorsione per la cattura, il giorno prima, di uno dei loro capi, Mauricio Marín, alias Nacho. Ulteriori indagini rivelarono che l’ordine di seminare terrore proveniva dalla prigione. La inviò Andrés Felipe Marín, alias Pipe, fratello di Nacho. Le autorità hanno arrestato quattro persone, tra cui due giovani di 14 e 17 anni. Uno di loro ha detto di aver promesso 400.000 pesos (100 dollari) per ogni omicidio e 140.000 pesos (35 dollari) per ogni auto bruciata. Non sono fatti nuovi o isolati. Una settimana prima, sabato 3, la polizia aveva disinnescato un’auto carica di esplosivo nelle vicinanze del municipio.

È mercoledì 14 febbraio, e il camion anti-esplosione usato in quell’episodio è ancora parcheggiato nella piazza principale di Tuluà. Sulle strade circostanti sono state installate recinzioni di sicurezza, intervallate a destra e a sinistra, che costringono i veicoli a muoversi lentamente a zigzag. “Tutto questo è stato fatto per evitare che un sicariato venisse commesso e fuggisse facilmente”, osserva Robert. Il furgone che lo trasporta frena pochi metri più avanti. L’uomo scende, entra nel municipio, attraversa un metal detector e sale nel suo ufficio. Un poliziotto con un giubbotto antiproiettile sorveglia l’ingresso. Una dozzina di funzionari, all’interno, svolgono i loro compiti rinfrescati dall’aria condizionata. Nessuno lo dice ad alta voce, ma hanno paura di essere lì, a lavorare. La paura che genera la situazione aumenta quando si ha come capo una persona minacciata di morte. Lo hanno detto alcuni sindacati dei lavoratori comunali a Robert, che ha le comunicazioni sulla scrivania….

Clicca qui per leggere l’intero articolo, in spagnolo, sul El País

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.