Ecuador, colpa di Correa?

0
64

Quando, come e per colpa di chi l’Ecuador è precipiato nel vortice del narcotraffico e della violenza. Nel proclamare lo stato d’emergenza e nell’invocare l’ombra lunga e sinistra di Bukele e della sua politica di terra bruciata in Salvador – il presidente Noboa punta l’indice contro l’ex presdidente Rafael Correa, responsabiile della abolizione di molte delle leggi anti-narcotrafico. Ma stanno davvero così le cose? Quel che è certo è che gli aiuti in armi che Noboa ha invocato non sono fin qui arrivati – né probabilmente arriveranno – dagli Stati Uniti. Ecco quel che scrive in proposito, su Foreign Policy, Richard Holwill.

Da diversi mesi, le bande della droga in tutto l’Ecuador vanno eseguendo una serie di attacchi violenti, scuotendo il paese fino al midollo. Il tasso di omicidi in Ecuador è salito del 500 per cento da un minimo storico nel 2016, e ora si attesta a 45 omicidi ogni 100.000 cittadini. L’anno scorso, le bande hanno ucciso un candidato alla presidenza anti-mafia ed hanno anche preso di mira giudici, pubblici ministeri, giornalisti e cittadini comuni.

A gennaio, la situazione in Ecuador ha raggiunto un culmine scioccante quando un gruppo pesantemente armato ha invaso una trasmissione televisiva in diretta per rivendicare il primato sul governo, dicendo, “Siamo in diretta in onda in modo che tu sappia di non scherzare con la mafia!” In risposta, il presidente Daniel Noboa ha annuciato che il paese era entrato in uno stato di “conflitto armato interno”, ordinando alle forze armate di rispondere a quella che e ha definito una “dichiarazione guerra.”

L’epicentro della violenza è Guayaquil, la più grande città dell’Ecuador e suo porto principale. La metropoli costiera è emersa come il principale punto di imbarco per le bande di droga per spedire cocaina dall’Ecuador al Nord America e in Europa. Molte delle bande sono allineate con i cartelli in Messico e Colombia che vantano rivalità di lunga data. Per esempio, si dice che Los Lobos e il loro principale rivale, Los Tiguerones, abbiano legami con diversi cartelli messicani che si combattono a vicenda. Le bande ecuadoriane hanno importato le guerre per il territorio dei loro affiliati messicani. Si uccidono a vicenda e combattono il governo allo stesso tempo.

La narco-violenza su larga scala è nuova in Ecuador, che è stata tradizionalmente un’isola di relativa calma tra i due principali paesi produttori di cocaina della Colombia e del Perù. Lo sprofondare di Quito nel caos è un caso di inettitudine politica iniziato durante la presidenza 2007-2017 di Rafael Correa, di ispirazione progressista e nazionalista.

Nel 2009, Correa ha interrotto la cooperazione anti-narcotici con gli Stati Uniti, non rinnovando la concessione per una base militare degli Stati Uniti in Ecuador. Il tutto come parte della sua cosiddetta “Rivoluzione dei Cittadini”, o Revolución Ciudadana. Su questa base Corea patteggiato con le bande: se si astenevano dalla violenza, avrebbe concesso loro lo status legale di “gruppi giovanili urbani” e “gruppi comunitari”, designazioni ecuadoriane per le organizzazioni non governative. In una recente intervista con un programma radiofonico argentino, il ministro degli interni di Noboa, Mónica Palencia, ha definito i patti di Correa la “resa del paese.” Ha dato la colpa dell’attuale caos in Ecuador all’ex presidente.

Il successore di Correa (e un tempo vicepresidente), Lenín Moreno, che era meno ideologico e più pragmatico di Correa, ha cercato di ripristinare le politiche anti-narcotici pre-Correa. Ma la narco-corruzione aveva già iniziato a infiltrarsi nel governo ecuadoriano, mentre le organizzazioni criminali penetravano ministeri chiave mentre Moreno riorganizzava inefficacemente le funzioni di polizia e di accusa.

Poi è arrivata la devastazione operata da COVID-19, che ha precipitato una crisi economica in Ecuador. L’economia del paese si è contratta di quasi l’8 per cento nel 2020 e il tasso di povertà è salito al 33 per cento, secondo il Congressional Research Service. Le organizzazioni criminali sono state in grado di consolidare il loro controllo dei porti dell’Ecuador e convertirli in hub per il trasporto globale di narcotici. E decine di migliaia di persone erano senza lavoro o opportunità educative e disperate per soldi, rendendoli vulnerabili agli sforzi di reclutamento delle gang. Entro il 2021, quasi 50.000 ecuadoriani erano membri di gruppi criminali, secondo il Financial Times. In un paese di meno di 18 milioni di persone, questo è un numero sorprendente.

Nelle elezioni presidenziali del 2021, gli elettori ecuadoriani rifiutarono sconfissero il candidato del partito di Correa e invece elessero Guillermo Lasso, un banchiere conservatore di Guayaquil. Una lunga serie di accuse ed il pericolo di un impeachment spinsero però Lasso a indire un’elezione immediata nel 2023. Fu allora che gli elettori scelsero Noboa, un uomo d’affari istruito negli Stati Uniti che aveva solo 35 anni.

Ora, Noboa si è impegnato a “neutralizzare” le bande dell’Ecuador. Molti osservatori hanno interpretato la promessa di Noboa come un segno che potrebbe emulare le politiche di sicurezza pugno di ferro attuate dal presidente Nayib Bukele in El Salvador. Tra queste vi sono l’incarcerazione di massa, la sospensione del giusto processo e la militarizzazione della sicurezza civile. Il governo salvadoregno dice che il numero di omicidi è sceso di quasi il 70 per cento in 2023, prestito El Salvador il più basso tasso di omicidi nelle Americhe a parte il Canada.

Tuttavia, ciò che ha funzionato in El Salvador potrebbe non funzionare in altri paesi. Questo è in non piccola parte perché-come il Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS) ha trovato-Bukele’s “mano dura” approccio ha richiesto il governo salvadoregno di istituire un esteso stato di emergenza che comprendeva la sospensione del giusto processo e ha portato ad un numero crescente di denunce per i diritti umani. CSIS afferma che, in molti casi, Bukele ha anche negoziato patti con le bande per mantenere basso il numero di omicidi, mentre chiudendo un occhio agli abusi più minori di questi gruppi. (Il governo di Bukele nega di fare tali patti.)

Allo stato attuale, Noboa gode di un 80% di approvazione e di pieno sostegno all’Assemblea Nazionale sulle politiche di sicurezza; anche i legislatori correísti hanno sostenuto la decisione di Noboa di concedere poteri militari per rafforzare la polizia nelle strade dell’Ecuador durante lo stato di emergenza. Ma questo supporto potrebbe non durare. Noboa deve affrontare una pressione immensa per ridurre la violenza, e rapidamente. La sua piattaforma elettorale includeva un programma che chiamò “Piano Phoenix” per aiutare l’Ecuador a risorgere dalle ceneri della violenza. Tra le altre misure, Noboa spera di emendare la costituzione dell’Ecuador per legalizzare lo spiegamento militare contro “le organizzazioni criminali transnazionali.” Gli ecuadoriani voteranno su cinque possibili modifiche costituzionali in un referendum del 21 aprile…..

Clicca qui per leggere l’intero articolo, in inglese, su Foreign Policy

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.