No menu items!
19.3 C
Buenos Aires
Saturday, April 20, 2024
HomeCaribeHaitiLa tragedia di Haiti: sotto la violenza, niente…

La tragedia di Haiti: sotto la violenza, niente…

Che cosa sta accadendo a Haiti? In quale nuova e cruenta fase è entrata l’infinita tragedia dell’unica nazione nata da una vittoriosa – e per questo mai perdonata – rivolta di schiavi? E che cosa – quale domani – si profila dietro l’orrore della guerra per bande che oggi scuote il paese? A queste domande prova a rispondere, Jon Lee Anderson, in un articolo pubblicato dal New Yorker…


Nel 2010, un enorme terremoto ha colpito Haiti, uccidendo più di duecentomila persone e devastando la capitale, Port-au-Prince. Quando arrivai in loco, due giorni dopo, proveniente dalla Repubblica Dominicana, percorsi in auto una strada disseminata di macerie ee all’improvviso vidi un grande gruppo di persone a pochi isolati di distanza, che si muoveva rapidamente nella mia direzione. Mentre si avvicinavano, mi resi conto che erano diverse dozzine di uomini e che brandivano coltelli e altre armi. Immediatamente invertii la rotta e fuggì.

Più tardi, seppi che quegli uomini erano molto probabilmente evasi dalla prigione principale della città, crollata nel terremoto, e poi abbondonatisi in sacheggi ed ogni genere di violenza di saccheggi e caos generale. Ci furono anche segnalazioni di rappresaglie e accuse di esecuzioni extragiudiziali da parte della polizia (che il governo ha negato). I corpi dei potenziali sospetti iniziarono ad apparire in tutta la città. Un giorno, fuori dal cimitero principale della città, ho trovato un uomo che sanguinava copiosamente, ma ancora vivo. Era stato scaricato lì, con i corpi di altre tre vittime.

Nelle mani di “Barbecue”

Mi sono ricordato di quelle scene la scorsa settimana, dopo la notizia che la maggior parte dei detenuti nelle due principali prigioni di Haiti, più di quattromila uomini, erano stati liberati in attacchi guidati da un leader della banda haitiana, Jimmy Chérizier, noto come Barbecue, un ex poliziotto sulla quarantina che ora è un sedicente rivoluzionario. I combattenti di Barbecue, insieme ad altri delle bande alleate, armati di armi automatiche, hanno attaccato anche i due aeroporti di Port-au-Prince e sparato ad aerei e guardie di polizia e di sicurezza. In una serie di conferenze stampa estemporanee, Barbecue, che permantemente indossa un basco alla Che Guevara, ha giurato di condurre il paese alla guerra civile se il primo ministro, Ariel Henry, non si fosse dimesso.

Henry, un neurochirurgo mite e politico di centro-destra d’una settantina d’anni, non si trovava nel paese, tuttavia. Era volato a Nairobi pochi giorni prima per stringere la mano al presidente keniota, William Ruto, in un accordo sostenuto dagli Stati Uniti per inviare un migliaio di poliziotti kenioti ad Haiti, come parte di una missione multinazionale approvata dalle Nazioni Unite, che Henry aveva richiesto per la prima volta in ottobre, 2022, per aiutare a ristabilire l’ordine. (Nonostante la stretta di mano, la missione è stata bloccata. L’amministrazione Biden aveva inizialmente promesso duecento milioni di dollari in finanziamenti, ma il Congresso ha rilasciato solo una piccola parte di tale importo; c’erano anche ostacoli legali in sospeso nei tribunali kenioti.)

Lunedì sera, dopo un dramma durato una settimana, durante il quale Henry ha fatto una breve comparsata, prima di riapparire a Porto Rico, dove rimane – il primo ministrao  che si sarebbe dimesso dopo che un consiglio di transizione era stato istituito. Barbecue aveva in precedenza minacciato un “genocidio” se Henry fosse tornato ad Haiti, ed è corsa voce che l’amministrazione Biden e diversi altri governi regionali avessero esercitato pressioni su Henry per dimettersi e aiutare a trovare un leader di transizione accettabile. In precedenza il Lunedi, il U.S. Segretario di Stato, Antony Blinken, era volato in Giamaica per discutere con i leader delle nazioni caraibiche CARICOM su come stabilizzare la situazione. Henry non ha indicato una data in merito ad una consegna del potere. Martedì, il governo keniota, citando l’annuncio di Henry e la recente esplosione di violenza ad Haiti, ha annunciato che il dispiegamento delle sue forze di polizia sarebbe stato sospeso.

Cinquemila morti…and counting

Negli ultimi anni, Barbecue e i capi delle gang rivali hanno surclassato la polizia e, in alcuni casi, li hanno cooptati e hanno preso il controllo della maggior parte di Port-au-Prince e di diversi distretti periferici. Si sono impegnati in frequenti battaglie sul territorio e hanno commesso diversi massacri e centinaia di rapimenti; nel 2023, quasi cinquemila persone, molte delle quali civili, sono state uccise nella violenza delle bande, il doppio rispetto al 2022. La scorsa settimana, le bande hanno incendiato molte stazioni di polizia nella capitale e si sono trasferite nel porto attraverso il quale viene importato gran parte del cibo del paese. Jean-Martin Bauer, direttore del Programma Alimentare Mondiale ad Haiti, mi ha detto che “un episodio di fame di massa prolungata ha travolto quasi la metà della popolazione di Haiti dal 2020”, e ha aggiunto che “oltre un milione di haitiani sono a un passo dalla carestia.”

Henry è comunque un Primo Ministro non eletto. Il presidente Jovenel Moïse lo nominò alla carica, poco prima che Moïse fosse assassinato, nel luglio 2021, in una torbida cospirazione notturna che coinvolgeva mercenari colombiani e funzionari della sicurezza haitiani corrotti, molti dei quali sono stati arrestati e hanno confessato il loro coinvolgimento. (I colombiani erano tra i pochi detenuti che non sono fuggiti quando le porte delle prigioni sono state aperte questa settimana, apparentemente timorosi di essere trovati per le strade dagli uomini di Barbecue.) Henry ha da allora formalmente e malamente governato, ultimamente citando, con una certa giustificazione, l’instabilità diffusa nella capitale come il principale ostacolo allo svolgimento di nuove elezioni nazionali.

Interventi esteri? Peggio la toppa dello strappo

Con il passare del tempo, un ampio spettro della società civile haitiana ha chiesto le dimissioni di Henry e inveito contro la sua richiesta di un intervento internazionale. (Barbecue ha anche promesso di combattere contro qualsiasi forza straniera ad Haiti.) Gli oppositori sostengono che gli orripilanti risultati di interventi precedenti esclude ogni ulteriore tentativo di imporre l’ordine ad Haiti con la forza, e alcuni denunciano l’intervento come una nozione neo-coloniale che è tanto immorale quanto antiquata. Le operazioni precedenti hanno incluso un’invasione da parte degli U.S. Marines, nel 1915, seguita da due decenni di occupazione militare, e più recentemente una missione di peacekeeping U.N. di tredici anni, MINUSTAH, che si è conclusa nel 2017 ed è stata segnata da scandali come un’epidemia di colera probabilmente riconducibile alle forze di pace nepalesi, che hanno causato la morte di migliaia di haitiani, e diffuse accuse di abusi sessuali.

Il più forte dei critici di Henry è stato Barbecue, che sembrava aver goduto di un rapporto amichevole con Moïse, un esportatore di banane trasformato politico di centro-destra, utilizzando la sua banda per frenare le proteste anti-Moïse provenienti da baraccopoli associate al partito della sinistra dell’ ex presidente Jean-Bertrand Aristide. (Nella poverissima Haiti, le bande e le baraccopoli da loro controllate, sono tradizionalmente alleate con i politici che concludono lucrativi accordi lucrativi con i leader delle gang in cambio del loro sostegno elettorale). Durante il mandato di Moïse, Barbecue iniziò a prendere possesso di porzioni sempre più grandi della capitale, e, quando Moïse fu ucciso, partecipò a un corteo funebre in suo onore, e presto iniziò ad aumentare le tensioni con Henry.

Clicca qui per leggere l’intero articolo, in inglese, su The New Yorker

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0