Argentina, ricca e affamata

0
57

L’Argentina – il paese che, a suo tempo, fu il granaio del mondo – è un paese che ha fame. Ed ancor più fame – nonostante, anzi, grazie alle messianiche e “libertarie” promesse del suo nuovo pittoresco presidente – avrà nei giorni a venire. In questo articolo pubblicato da El País di Madrid, Martín Caparrós spiega le ragioni di una tragedia il cui “peggio” ancora deve arrivare.


Lo chiamavano il granaio del mondo. In quei giorni che l’attuale presidente rimpiange, più di un secolo fa, quando, secondo lui, “l’Argentina era la prima potenza mondiale” o “il paese più ricco del mondo”, il meccanismo era chiaro: le pampa generose sputavano cereali e carni che venivano esportate a mucchi. Quindi i pochi proprietari di quei campi e di quelle mucche erano milionari. L’Argentina, già allora, non era un paese ricco: era un paese con pochi ricchi, nel migliore stile emiratino; i magnati argentini erano, in quei giorni, sceicchi tanto pregiati e disprezzati come i loro analoghi mediorientali, ed andavano a Parigi quel che guadagnavano. Nel frattempo, nel loro paese, molti morivano di fame.

Una vergogna globale

Ora questa ricchezza, che è stata così sperperata, non è più concentrata nei  proprietari della terra, ma è nelle mani di chi estrae ed esporta i suoi frutti, ma il meccanismo rimane lo stesso: l’Argentina resta un paese che vive dell’esportazione di ciò che offre il suo suolo e il suo sottosuolo. Solo che ora ha 25 volte più abitanti di allora, e molti altri soffrono la fame.

La fame è una vergogna globale, e non ha più nemmeno scuse tecniche: mezzo secolo fa, nel momento storico più importante che la storia abbia mai registrato, il mondo ha raggiunto, per la prima volta, la capacità di nutrire tutti i suoi abitanti. Ora la nostra specie è in grado di produrre cibo per 12 miliardi d’anime in un mondo popolato da 8 miliardi. Eppure quasi un miliardo di questi otto non hanno il cibo  ciò di cui hanno bisogno. E l’Argentina è un caso estremo di questa vergogna estrema: in un paese che è fondamentalmente dedito alla produzione di cibo, che presumibilmente può essere prodotto per 400 milioni di persone, quattro o cinque dei suoi 45 milioni di abitanti soffrono la fame. I suoi ragazzi, soprattutto.

L’ingiustificabile ha una spiegazione a piè di pagina: l’Argentina, come la stragrande maggioranza, non produce cibo per sfamare la sua popolazione ma per arricchire i suoi produttori. Per questo, invece di coltivare il cibo di cui tanti argentini hanno bisogno, questi argentini producono, fondamentalmente, soia per i maiali cinesi o carne per i barbecue alla moda; ciò che rimane è venduto, ovviamente, ai prezzi di Pechino o di Parigi. È un chiaro esempio delle ragioni della fame nel mondo: il cibo non viene prodotto per nutrire le persone, ma per arricchire i loro padroni che spesso guadagnano molto di più se si dedicano ai mercati più ricchi -sovraccarichi, dispendiosi, dove un terzo del cibo finisce nella spazzatura.

L’aporia della mucca lo mostra con chiarezza schematica. Se un agricoltore raccoglie, diciamo, 10 chili di cereali si confronta con due opzioni: può vendere un chilo a ciascuna delle 10 famiglie, che quel giorno mangeranno, oppure può vendere i 10 chili, per più soldi, a un allevatore che li darà a una mucca che li ruminerà e li trasformerà in un chilo di carne che sarà venduta, per molti più soldi, a, diciamo, due famiglie ricche che mangeranno mezzo chilo ciascuna. Così, con le sfumature di ogni caso, si concentra la ricchezza alimentare).

Per chi governa è un problema risolto

È per questo che in Argentina, ora, c’è molta fame. E fame c’è stata, con alti e bassi, negli ultimi 30 anni. I governi argentini non sembrano occuparsi seriamente della questione. Io – e qui mi scuso per il ricordo personale –  avevo lavorato molto sull’argomento, così un giorno del 2018, quando l’allora presidente Macri mi invitò per un confronto, gli proposi una “campagna nazionale contro la fame”; lui mi disse che non era necessaria, che l’avevano già controllata con le mense popolari. L’anno successivo, in un incontro con l’allora presidente eletto Fernández, gli proposi la stessa cosa. La mia proposta era che questa campagna fosse davvero una mobilitazione massiccia degli argentini per risolvere la questione, una rinuncia all’assistenzialismo clientelare che ha sostenuto e sporcato tanti governi.

In un libro pubblicato nel 2014 sostenni che si trattava di “convocare un grande movimento nazionale” per porre fine alla fame in Argentina. In un paese disperso, leggermente smarrito, il tentativo avrebbe offerto, di fronte a tante promesse vaporose, un obiettivo chiaro; di fronte a tanta frustrazione, uno che potremmo mantenere. Si tratterebbe d’un cammino a tappe: per cominciare, migliaia di volontari farebbero un grande sondaggio nazionale per determinare la realtà della situazione -e cominciare a muoversi: mesi di argentini che parlano con argentini, incontrandosi, raccontandosi. Una volta raccolti i dati necessari si farebbero incontri e assemblee e programmi per pensare, tra molti, cosa fare. Esperti presenterebbero i loro piani, politici i loro, persone, molte persone, li discuterebbero. E finalmente, dopo le decisioni comuni, migliaia e migliaia di persone si metterebbero in marcia per porre fine una volta per tutte alla fame nel sogno del mondo. Era il modo di darci un obiettivo ed era, allo stesso tempo, la possibilità di creare qualche potere in atto, condiviso, che potrebbe espandersi. Era la possibilità di fissarci un obiettivo che potremmo realizzare: recuperare la fiducia nelle nostre forze.”

La burla della “Carta alimentare”

Alcuni sanno che ciò che è rimasto di quell’iniziativa è stata una “Tavola della Fame” sovrastrutturale che, lanciata nel dicembre 2019, ha fatto molto poco prima di disfarsi. Tra la pandemia e la negligenza del governo, la sua traiettoria è stata breve e fallimentare, e coloro che la sostengono in qualche modo sono rimasti molto delusi. La sua unica misura seria è stata l’esatto contrario di quello che ho proposto: una “Scheda Alimentare” che consente a ogni beneficiario di acquistare cibo per circa 30 euro al mese, assistenzialismo puro e duro e poco. Anche se un portavoce del governo attuale, che insiste sul fatto che il governo precedente è stato il peggiore della storia, ha detto pochi giorni fa che “La Carta Alimentare è per noi la politica più efficiente nel garantire che non ci sia un argentino che muoia di fame: arriva direttamente nelle tasche di 3,8 milioni di persone senza alcun intermediario”.

È evidente che tale politica non è efficiente: non svolge il suo compito. I calcoli variano, ma sono diversi milioni quelli che muoiono di fame: diversi milioni. Non hanno cibo perché non hanno soldi, non hanno soldi perché non hanno più lavoro, o perché i loro datori di lavoro pagano 200 euro al mese. E il modo più comune per alleviare questa disperazione sono le “mense popolari”: iniziative di vicini, partiti, parrocchie e altri raggruppamenti dove poche donne cucinano per molte famiglie il cibo che ottengono. Ci sono, in Argentina, più di 44.000 mense popolari registrate, quasi altrettante come scuole pubbliche, e ricevevano vitigni dallo Stato per sfamare circa cinque milioni di persone. Da quando lo Stato è caduto nelle mani dei suoi nemici, quasi tutte le mense hanno smesso di ricevere cibo, con il pretesto di arrivare al “deficit zero”: se lo Stato non adempie ai suoi obblighi più urgenti, più basilari, potrebbe riuscirci.

Milei, ovvero: la fame come espressione di libertà

Negli 80 giorni di governo del signor Milei, con gli stipendi congelati, i prezzi del cibo sono aumentati del 70-80 per cento. Ci sono sempre più persone che non possono permettersi il cibo; ci sono sempre più persone che fanno la fila alle porte delle mense; ci sono sempre più persone che devono chiudere perché non hanno nulla da offrire; ci sono sempre più persone che non mangiano. La situazione è disperata, ma il governo non è disperato. Questo venerdì il suo presidente ha inaugurato la stagione legislativa con un discorso di 72 minuti che non ha incluso la parola “fame”. Quando gli parlano di “emergenza alimentare”, il governo parla di sciocchezze, inventa combattimenti o patti forzati per distrarre l’attenzione da questo disastro: il cibo impagabile, le mense chiuse, la distribuzione di cibo fermata. Il granaio del mondo ha fame e il suo governo non si occupa: la sua ideologia non include garantire che le persone mangino. L’assistenzialismo non è una soluzione; il suo abbandono può essere un crimine.

Il governo non agisce; la società non agisce. Milioni di persone smettono di ricevere il loro cibo e non sanno come reagire, non reagiscono; nemmeno i loro connazionali. L’aggressione più diretta, più brutale che uno Stato può infliggere ai suoi cittadini non riceve…

Clicca qui per leggere l’articolo originale, in spagnolo, su El Pais

Da leggere sullo stesso tema anche questo servizio pubblicato, nel 2018, da BBC-News

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.