No menu items!
17.6 C
Buenos Aires
Saturday, April 20, 2024
HomeNord AmericaU.S.A.Trump-light, o la politica migratoria di Joe Biden

Trump-light, o la politica migratoria di Joe Biden

Alla fine di marzo, la morte di decine di migranti per un incendio nel centro di reclusione dell’INM dal lato messicano della frontiera, ha messo in luce la sostanziale, tragica continuità tra la politica migratoria – xenofoba e crudele – praticata da Donald Trump e quella, meno crudele ma altrettanto letale, perseguita da Joe Biden. Come spiega in questo articolo la World Policy Review

Il 27 marzo, un incendio è scoppiato all’interno d’una struttura di detenzione messicana per migranti, uccidendo 40 persone che lì erano detenute. L’incidente è uno dei più raccapriccianti esempi di abusi commessi contro i migranti al confine Messico-U.S. negli ultimi anni. Quando l’incendio è iniziato nella struttura, che è gestita dal National Migration Institute del Messico, il personale di sicurezza INM ha visto fumo e fiamme riempire le celle. Eppure, come hanno mostrato le telecamere di sicurezza, si sono allontanati dall’incendio, lasciando gli uomini chiusi dentro. È stato così che le 40 persone sono morte, e che altre decine sono state ricoverate in ospedale con ustioni .

Quegli esseri umani erano migranti dall’America centrale e meridionale, con la maggior parte di loro diretti verso gli Stati Uniti nella speranza di riunirsi con i propri cari o trovare lavoro per sostenere la famiglia che era rimasta indietro in altri paesi. Giunti alla frontiera erano stati arrestati dalle autorità messicane per mancanza di uno status documentato, nonostante alcuni di loro fossero effettivamente in possesso di autorizzazione per stare nel paese. Gli arrestati facevano parte della fiorente popolazione di migranti e richiedenti asilo bloccati dentro e intorno città di confine messicane, perché i punti di entrata negli Usa in gran parte rimangono chiusi alle richieste di asilo. Molti migranti e richiedenti asilo che attraversano i punti di ingresso ufficiali sono soggetti a espulsione sommaria nel Messico settentrionale, a prescindere dalla valutazione del loro stato di rifugiati. E questo ai sensi del titolo 42, una misura invocata dagli Stati Uniti, in tempo di pandemia, per espellere migliaia di migranti dal paese per motivi di salute pubblica.

Questo tragico caso ha ancora una volta esposto il fallimento degli Stati Uniti. E del Messico in materia di migrazione e controllo delle frontiere. L’emisfero occidentale sta vivendo un aumento dei flussi migratori, spinto in misura considerevole dalla repressione, dalla persecuzione, dalla criminalità, dai conflitti, dalla povertà e dall’emergenza climatica. In questo contesto, migliaia di individui e famiglie sono intrappolati tra la continua, in virtù del titolo 42, della chiusura del confine meridionale del confine degli Stati Uniti e i pericoli che devono affrontare dal lato messicano del confine. Questi pericoli includono il rischio di essere travolti in incursioni come quelle che hanno portato alla detenzione di molte delle vittime dell’incendio. Le detenzioni dei migranti hanno raggiunto numeri record durante l’amministrazione del presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador, o AMLO.

le restrizioni imposte ai percorsi di migrazione legale e di asilo, unitamente alla minaccia di detenzione che migranti e richiedenti asilo devono affrontare per mano delle autorità, costringerli a viaggiare attraverso rotte più pericolose in Messico così come al confine del paese con gli Stati Uniti. Questi percorsi li espongono a pericoli come rapimenti, violenza sessuale e sparizioni.

Oltre alle minacce alla loro sicurezza da parte di individui e gruppi non statali, i migranti in Messico affrontano anche violazioni dei diritti umani da parte delle istituzioni statali. Descrivono le continue estorsioni da parte delle forze di sicurezza messicane che li minacciano di detenzione o violenza, mentre le indagini hanno fatto luce sull’entità della corruzione all’interno del INM. I migranti avrebbero dovuto affrontare l’estorsione presso la struttura gestita da INM dove si è verificato l’incendio mortale, con il personale ha detto di aver regolarmente chiesto tangenti dai migranti come condizione per il loro rilascio dalla detenzione. Coloro che non sono in grado di pagare le tangenti possono affrontare condizioni deplorevoli e abusi che possono essere una tortura. I bambini migranti vengono spesso deportati nei loro paesi d’origine senza una valutazione adeguata delle loro condizioni individuali.

L’incendio ha avuto luogo sullo sfondo di un momento cruciale per gli Stati Uniti. immigrazione e politica di sicurezza di frontiera: il Titolo 42 il prossimo 11 maggio. Il presidente Joe Biden ha annunciato che scomparirà insieme allo stato d’emergenza per il COVID-19. Di conseguenza, le frontiere degli Usa saranno, almeno in teoria riaperti alle domande di asilo, che teoricamente consentirebbe ai richiedenti asilo di entrare negli Stati Uniti, anziché di rimanere imbottigliati a tempo indeterminato nelle città messicane del nord. Ma chiedere asilo alla frontiera potrebbe non essere meno impegnativo a causa di una serie di proposte politiche avanzate dall’amministrazione Biden.

Sotto Biden, U.S. funzionari hanno dato la priorità a una riduzione dogni costo della migrazione verso nord al confine con il Messico. Anche se l’amministrazione Biden si è opposta contenzioso da parte degli stati controllati dai repubblicani destinati a preservare il titolo 42, ha negoziato un accordo con i funzionari messicani per ampliare la lista delle nazionalità ammissibili per l’espulsione dagli Stati Uniti. in Messico sotto la politica.

Mentre i richiedenti asilo possono tecnicamente prendere un appuntamento attraverso un U.S. governo creato app smartphone per richiedere un’esenzione che consentirebbe loro di entrare negli Stati Uniti, i difetti tecnici dell’applicazione e il piccolo numero di appuntamenti disponibili hanno lasciato molti asilo-cercatori bloccati in Messico. Inoltre, Washington ha ampliato un programma di libertà provvisoria umanitaria per ammettere fino a 30.000 migranti al mese da Venezuela, Nicaragua, Cuba e Haiti. Anche se questo è un passo positivo, gli ostacoli per la qualificazione per questo percorso, in particolare il requisito di avere un passaporto e un U.S. sponsor-tenerlo fuori dalla portata per la maggior parte dei candidati.

Nel frattempo, gli elevati livelli di migrazione continuano senza sosta. Gli incroci del perfido Darien Gap, che collega la Colombia a Panama, sono aumentati del 55% da febbraio a marzo 2023. Dopo un pericoloso viaggio verso nord, i migranti in arrivo che sarebbero soggetti alle disposizioni del Titolo 42 vengono regolarmente bloccati o rimpatriati nelle città di confine messicane note per la violenza. Dal gennaio 2021, Human Rights First, un’organizzazione statunitense per i diritti umani, ha rintracciato oltre 13.000 casi di rapimento, stupro, omicidio e altri crimini violenti commessi contro i migranti bloccati dall’attraversamento degli Stati UnitiConfine con il Messico o tornò in Messico sotto il titolo 42…..

Leggi l’intero articolo, in inglese, sulla World Policy Review

sullo stesso tema da leggere anche: dal New York Times

Biden Said He’d Veer From Trump on Immigration. The Reality Is More Complicated.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0