No menu items!
18.2 C
Buenos Aires
Friday, April 19, 2024
HomeSud AmericaArgentinaPer un pugno di Yuanes

Per un pugno di Yuanes

Per la prima volta l’Argentina, nel pieno di una crisi marcata da u’inflazione superiore al 100%, ha usato la moneta cinese per saldare la sua quota di debito (2,700 milioni di dollari) con il fondo monetario Internazionale). Ecco quel che scrive in proposito El Clarín.

Il Fondo Monetario Internazionale ha annunciato questo venerdì che l’Argentina ha pagato le scadenze corrispondenti e che i negoziati per il futuro del programma “continuano ad avanzare”, in mezzo a “una situazione difficile”.

Il ministero dell’Economia ha riferito da parte sua che il pagamento di US$2,7 miliardi in scadenza questo venerdì è stato fatto “senza usare dollari” e che è stato concretizzato attraverso DSP (diritti speciali di prelievo, la valuta del Fondo) e yuan. È la prima volta che l’Argentina usa la valuta cinese per pagare il FMI. Hanno inoltre annunciato che, con l’obiettivo di concordare lo staff level agreement (l’accordo tecnico per rinnovare il programma), un team economico guidato da Leonardo Madcur e Gabriel Rubinstein si recherà a Washington “all’inizio della prossima settimana”. Non si è ancora parlato di un possibile viaggio del ministro Sergio Massa.

In una dichiarazione, il direttore delle Comunicazioni dell’agenzia, Julie Kozack, ha affermato che “il personale del FMI e le autorità argentine continueranno a lavorare insieme nei prossimi giorni, con l’obiettivo di raggiungere un accordo sulla quinta revisione del programma sostenuta dal Fondo”. La portavoce ha rilasciato il comunicato dopo che giovedì c’è stata una “riunione informale” del direttorio esecutivo. È un segno che la chiusura è più vicina.

“Le discussioni tecniche continuano su un pacchetto di politiche per salvaguardare la stabilità economica, nel contesto di una situazione difficile, in parte colpita dalla siccità storica. Le discussioni sono incentrate sul rafforzamento delle politiche macroeconomiche per sostenere l’accumulo di riserve e migliorare la sostenibilità fiscale, proteggendo allo stesso tempo i più vulnerabili’, ha aggiunto.

“Le autorità argentine continuano a tenere il passo con i loro obblighi finanziari nei confronti del Fondo”.

Il Fondo aveva annunciato la scorsa settimana che il governo aveva raggruppato due scadenze che ammontavano a 2,7 miliardi di dollari e che sarebbero state pagate questo venerdì per evitare di cadere in arrears, o ritardare l’adempimento.

Di fronte alla drammatica mancanza di dollari da parte della Banca centrale, il governo aveva già lasciato trapelare che avrebbe preso una decisione drastica: utilizzare 1.700 dollari in diritti speciali di prelievo (DSP, la valuta del FMI) e il resto sarebbero stati yuan provenienti dallo swap con la Cina, parte dei 10 miliardi di dollari che ha a disposizione. L’Argentina cerca di pagare come può le scadenze mentre per ora si “avanza” con i negoziati per ricalibrare il programma , anche se tutto arriva con un grande ritardo. Massa aveva detto settimane fa che il suo team tecnico sarebbe andato a Washington quando tutto era quasi pronto, perché non voleva che il FMI “le corriera el arco” (metafora calcistica che sta per “cambiare le dimensioni o la posizion e della porta, ovvero, i termini della discussione o le regole del gioco). Il viaggio di Madcur e Rubinstein sembra essere un segno dell’imminente chiusura. Il ministro sarebbe venuto nella capitale degli Stati Uniti quando

tutto si fosse realizzato.

Nel Ministero dell’Economia si illudono che il Fondo avrà più di 4 miliardi di dollari per la quota di luglio. Vuole che gli anticipino i versamenti che dovrebbe ricevere entro la fine dell’anno, quasi 10 miliardi per alleggerire le riserve. Il FMI non vuole dare una tale somma di denaro per far sì che il dollaro venga tenuto sotto controllo nel bel mezzo dell’esplosione elettorale.

Anche il FMI osserva con attenzione il panorama politico in Argentina. Una volta chiuse le liste, non ci sono candidati kirchneristi puri che possano complicare il futuro di un accordo. Massa è un interlocutore che conoscono e di cui si fidano perché è disposto a fare tagli, anche se non una brusca svalutazione in piena campagna. È possibile che presto emerga un accordo “light” o transitorio, che assecondi un po’ gli obiettivi e avanzi le spese affinché la situazione non esploda, ma con la certezza che chi vince il programma dovrebbe essere rinegoziato dopo dicembre.

Anche se il nostro paese ha il sostegno degli Stati Uniti, lo staff deve andare al consiglio di amministrazione con un programma che può essere approvato dai più riluttanti come Germania e Giappone, che sono stanchi delle continue richieste dell’Argentina. Per l’FMI, il piano dovrebbe includere aggiustamenti e svalutazione, cosa che il governo resiste a fare in piena fase elettorale.

Clicca qui per leggere, in spagnolo l’articolo originale su El Clarín.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0