No menu items!
11.4 C
Buenos Aires
Sunday, July 21, 2024
HomeSud AmericaBrasileBolsonarro, otto anni dietro la lavagna

Bolsonarro, otto anni dietro la lavagna

L’ex presidente ha ancora una possibilità di ricorso: quello che quasi certamente presenterà al Tribunale Supremo Federale (TSF). Ma, nell’attesa di quest’ultimo passo, Bolsonaro è fuori da qualsivoglia contesa elettorale – inclusa ovviamente quella presidenziale – fino al 2031. Cinque contro due la decisione dei giudici. Jair Messiah paga in questo modo le frottole raccontate mesi fa, di fronte al corpo diplomatico straniero, in merito alla natura fraudolenta del sistema elettorale brasiliano. Un articolo della rivista Veja

Il Tribunale Superiore Elettorale (TSE) ha dichiarato l’ex presidente Jair Bolsonaro inammissibile in qualsivoglia contesa elettorale per otto anni. I giudici hanno votato 5-2 per la condanna dell’ex capitano per abuso di potere politico e abuso dei media praticato in un incontro con gli ambasciatori stranieri, ossasione nella quale, nel luglio del 2022, ha attaccato il sistema elettorale senza prove nel luglio. Bolsonaro può ancora fare appello nella STF.

Il quinto ministro a votare, Cármen Lúcia ha già iniziato il suo discorso dicendo che avrebbe accompagnato il relatore Benedito Gonçalves e sostenuto l’azione contro Bolsonaro. Ha detto che l’ex presidente ha commesso gravi attacchi ai ministri della STF e della TSE usando falsità. Il ministro Nunes Marques, d’altra parte, ha votato per l’assoluzione del politico quando ha respinto il ricorso. L’ultimo a parlare è stato Alexandre de Moraes, che ha anche seguito il relatore e ha votato per la condanna.

Contrariamente a quanto i bolsonaristi si aspettavano, Raul Araújo non ha chiesto un parere e all’inizio del suo voto si è discostato dal relatore, accogliendo con favore le domande della difesa circa l’uso del ‘progetto di colpo di stato’ trovato nella casa dell’ex ministro della Giustizia Anderson Torres. Il ministro ha detto che è possibile discutere nuovamente la questione, anche se la TSE ha deciso di includere il documento all’unanimità nel mese di febbraio, perché la “questione rimane aperta”. Dopo una lunga esposizione, Araújo ha respinto questa tesi e votato contro la condanna di Bolsonaro. Secondo lui, l’evento aveva un carattere elettorale, ma l’ex presidente ha affrontato questioni come il voto stampato e che “ogni cittadino è libero di dubitare”. “In una democrazia non c’è limite al diritto fondamentale di dubitare.”

Il voto successivo è stato di Floriano de Azevedo Marques. A differenza del collega precedente, il ministro ha ritenuto valida l’inclusione della ‘bozza del colpo di stato’ nell’analisi. Per lui, il discorso di Bolsonaro all’evento con gli ambasciatori aveva “un chiaro obiettivo elettorale, o degradando l’immagine del suo più grande avversario, o cercando di creare empatia con l’elettorato, presentandosi come un candidato perseguitato e anti-sistema”. Marques ha anche detto che non era un atto regolare dell’agenda presidenziale, dal momento che è stato fatto in improvvisazione. “È arrivato molto vicino a un discorso di manifestazione”, ha detto.

Il ministro ha anche detto che il discorso dell’ex presidente all’evento “eccelleva per la diffusione della disinformazione e delle accuse false o improvvisate” e che “da qualsiasi linea di analisi, mirava a portare beneficio elettorale”. Il magistrato ha detto che c’era “abuso di potere politico”, perché l’indagato mobilitato significa “emulare la sua strategia elettorale, a proprio vantaggio, agendo in modo anormale e immorale e, molto, serio”. “L’abuso e l’abuso di autorità sono chiari”, ha detto. Infine, il ministro ha licenziato Bolsonaro e ha licenziato Braga Netto.

Quarto a votare, André Ramos Tavares ha detto, così come il collega precedente, che c’era “deviazione di scopo che caratterizza l’abuso di potere” e ha difeso che c’era gravità nella condotta, concludendo il voto per l’ineleggibilità dell’ex presidente.

Il primo a votare, martedì 27, è stato il relatore Benedito Gonçalves, che ha inviato messaggi duri e ha detto che c’era la responsabilità diretta e personale di Bolsonaro di praticare “comportamenti illeciti a beneficio della sua candidatura per la rielezione”.

La causa contro il “ticket” dell’ex presidente, formata anche da Walter Braga Netto, è stata presentata da PDT.

L’ex presidente ha ancora una possibilità di ricorso: quello che quasi certamente presenterà al Tribunale Supremo Federale (TSF). Ma, nell’attesa di quest’ultimo passo, Bolsonaro è fuori da qualsivoglia contesa elettorale – inclusa ovviamente quella presidenziale – fino al 2031. Cinque contro due la decisione dei giudici. Jair Messiah paga in questo modo le frottole raccontate mesi fa, di fronte al corpo diplomatico straniero, in merito alla natura fraudolenta del sistema elettorale brasiliano.

Clicca qui per leggere, in portoghese, l’articolo di Veja

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0