“Giocano con un mostro”

0
72

Alvaro García Linera, già vicepresidente con Evo Morales, alla luce anche del recente tentativo di golpe, lucidamente analizza, in una intervista con BBC-News – le origini e le possibili, tragiche conseguenza dello scontro, all’interno del partito di governo, tra l’ex e l’attuale presidente, Luís Arce

Álvaro García Linera guarda, a distanza e con preoccupazione, la lotta interna che divide in due il Movimento al Socialismo (MAS).

L’ex vicepresidente boliviano (2006-2019) definisce la ribellione armata di mercoledì 26 giugno a La Paz come un “ammutinamento militare che ha cercato di trasformarsi in colpo di Stato”.

“È pericoloso l’ammutinamento dei militari contro il potere civile e questa volontà di diventare attori politici”, dice alla BBC Mundo il leader politico e intellettuale di sinistra.

Dopo la rivolta di una parte dell’esercito ordinato dal generale Juan José Zúñiga, in cui un gruppo di soldati e veicoli militari ha tentato di prendere il controllo di Plaza Murillo, l’attrito politico tra Arce e Morales è aumentato.

Luis Arce ha ingannato e mentito al popolo boliviano e al mondo. È deplorevole che si usi un argomento così delicato come la denuncia di un colpo di stato”, ha detto pochi giorni dopo l’ex presidente.

“Evo Morales, non sbagliarti ancora una volta! Chiaramente quello che è successo il 26 giugno è stato un colpo di stato militare fallito in Bolivia. Leggi tutto Non schierarti dalla parte del fascismo che nega quanto accaduto!” rispose Arce.

Anche se non lo esclude, per García Linera sono poche le possibilità di raggiungere un accordo tra Arce e Morales entro il 2025, a causa del gran numero di rimostranze pubbliche e accuse incrociate dell’ultimo anno e mezzo.

“Si sono già scatenati odi molto personalizzati”, dice una delle figure principali del Movimento al Socialismo, che ha appena pubblicato il libro “La democrazia come torto” (Clacso, 2024). Garcia Linera assicura che, se questa “guerra fratricida” dovesse continuare, il MAS potrebbe presentarsi diviso alle elezioni del prossimo anno e ciò potrebbe portare a un’eventuale sconfitta.

Da La Paz, García Linera parla con la BBC Mundo dei fatti accaduti questa settimana scorsa.

Luis Arce definì i fatti avvenuti in piazza Murillo come un “tentativo di colpo di stato”. Evo Morales denunciò un “autogolpe”. Che cosa è successo?

Fu un ammutinamento militare da parte di un comandante che, nel corso delle ore, tentò di trasformarsi in un colpo di Stato. Quello che abbiamo visto è stato piuttosto improvvisato, ma è innegabile che è stato un ammutinamento militare contro il suo comandante e il potere civile costituito.

La cosa pericolosa sono i militari che fanno politica, i militari che si ribellano. Questo fa paura. È un pericolo l’ammutinamento dei militari contro il potere civile e questa volontà di diventare attori politici.

I militari che si sono alzati in armi volevano la destituzione di Arce?

In linea di principio, la richiesta del comandante [Juan José Zúñiga] a Luis Arce era di non rimuoverlo. Arce aveva deciso, dopo diversi giorni di silenzio, di destituirlo. Per questo motivo, questo comandante si è ammutinato per ignorare questa decisione perché sentiva che era un atto di slealtà del presidente nei suoi confronti.

Arce aveva incoraggiato il comandante ad assediare Evo Morales. Di fronte al rifiuto di Arce di revocare la destituzione, ciò che fa il comandante è radicalizzare il suo punto di vista e chiamare al volo più unità militari.

Rinchiuso nel suo carro armato, [Juan José Zúñiga] chiamò per quanto militare gli venisse in mente, politici dell’opposizione, cercò più sostegno militare e civile in quello che tentò di diventare un colpo di Stato. Ma tutto era troppo improvvisato per finire in qualcosa di più forte.

Perché crede che non ci sia accordo tra Evo e Arce sulla lettura dei fatti?

Perché ognuno sta vedendo come ottenere il profitto nella sua battaglia contro l’altro. Luis Arce lotta per impedire che Evo Morales sia candidato. Evo Morales cerca di indebolire Luis Arce per rendere possibile la sua candidatura.

Il guaio è che in questa lotta intestina, molto egoista, molto meschina, stanno giocando con i mostri. Da una parte e dall’altra, stanno giocando con i militari e questo è molto pericoloso.

Non si può banalizzare la presenza militare in politica. Non si può banalizzare il male, diceva Hannah Arendt. È una cosa molto pericolosa. Ancor più in Bolivia, che ha un record nel mondo di colpi di stato.

Credo che la differenza tra i due nasca da uno sguardo molto ottuso delle loro lotte personali, senza capire che stanno giocando col fuoco.

Pensa che quello che abbiamo visto la scorsa settimana rafforzi o indebolisca il governo?

Il risultato è un governo più debole. Nonostante Arce stia facendo molte cose buone, questo è un governo che non è più credibile nelle sue azioni e che ha perso la fiducia della gente.

Mi sembra che ciò sia dovuto al fatto che l’economia non funziona bene. Per questo è stato facile installare l’idea di un “autogolpe” nell’opinione pubblica. Al di là delle persone che cercano deliberatamente di farlo, il fatto di parlare di “autogolpe” è una banalizzazione del male e di capire cosa sta succedendo.

Il governo ha perso quel capitale di credibilità che aveva all’inizio della sua gestione, a causa di una serie di misure sbagliate, che finiscono per far pagare a Luis Arce.

C’è chi dice che è stato un disperato tentativo di Arce di unire il suo partito. Lei la vede in questo modo?

No, perché la divisione riguarda qualcosa di più strutturale. Voglio dire, la forza statale di Luis Arce deve unirsi alla leadership sociale di Evo Morales.

Questo si ottiene unendo le due persone, cioè il Presidente e il condottiero, non si ottiene facendo appello alle basi.

Avrebbe potuto funzionare tempo fa, ma ora non potrebbe funzionare. Questo si risolve decidendo chi sarà il candidato alla presidenza nel 2025.

È solo un litigio per la candidatura o ci sono altri motivi?

Così semplice e terra-terra è il problema: chi sarà il candidato.

Luis lotta per essere il candidato, oltre a cercare di mantenere parte del voto di Evo. Mentre la scommessa di Evo è di essere lui il candidato, ma ha capito che ha bisogno anche da parte degli elettori di Luis.

Per questo, la settimana scorsa, Evo ha proposto due ponti. Uno è andare alle primarie per vedere chi ha più voti e chi esce secondo sostiene il primo. Il secondo ponte è fare un congresso del MAS unificato.

La risposta è stata il silenzio da parte di Luis. Cioè, il più interessato a costruire qualche tipo di ponte è Evo. Anche se fa guerra a Luigi d’altra parte, banalizzando questo ammutinamento militare o bloccando l’approvazione dei crediti nell’Assemblea.

I canali di dialogo tra Evo e Arce sono esauriti?

Non possiamo mai dire che sono esauriti. Fino all’ultimo giorno delle iscrizioni delle candidature, ci sarà sempre una porta aperta. Ma è chiaro che è una porta sempre più piccola, quasi molecolare, a causa della quantità di rimostranze, di accuse.

Si sono già scatenati odi molto personalizzati che complicano, ancora di più, uno sguardo strategico e persino pragmatico per evitare di perdere il potere. Se questa guerra fratricida continua, se sono divisi nel 2025, il MAS perde il potere.

Evo Morales è stato radiato dalla Corte Costituzionale…

Secondo la Costituzione, Evo potrebbe candidarsi. L’interpretazione libera che hanno dato gli amici della Corte costituzionale cerca di limitare questo, ma se si legge lo spirito della Costituzione, è chiaro che un presidente può essere candidato più volte.

Ma ora ciò che conta è l’ultima sentenza della Corte costituzionale. L’appoggio politico che ha Luis del Tribunale Elettorale farà sì che, se non cambierà idea, Evo sia escluso dalla candidatura.

Lo sapremo a fine anno.

E in termini politici? Le sembra che Evo possa tornare ad essere candidato comprendendo che è una figura così polarizzante?

Oggi Evo è il candidato più forte del MAS.

Gli ultimi sondaggi hanno mostrato un crollo accelerato di Luis Arce, in generale, a causa dei problemi economici della sua gestione e di un’amministrazione molto inefficiente. Evo Morales è meglio di Arce.

Comunque, non sono più le larghe maggioranze di anni fa. Mentre Evo ha una migliore posizione temporanea come candidato, è chiaro che non ha più il sostegno che aveva cinque o dieci anni fa.

Quindi, se vanno separatamente, il MAS perde le elezioni nel 2025. In effetti, entreremo in un sistema di partiti di minoranza, ci lasceremo alle spalle un sistema a larga maggioranza che è durato 19 anni.

Quindi, è possibile che il MAS si presenti diviso…

Se il MAS è diviso, perde le elezioni. Se è unito, ha la possibilità di arrivare al primo giro, con l’aspettativa di vincere in seconda. Ma molto probabilmente si presenterà diviso.

Dal lato dell’opposizione, non ci sono nemmeno candidature forti. Avremmo quindi un sistema di piccole minoranze in Aula, che costringerebbero a siglare accordi parlamentari per ottenere maggioranze circostanziali.

Per questo motivo, il prossimo governo sarà inevitabilmente debole, sarà costretto a scendere a patti per approvare leggi, in momenti in cui è necessaria una serie di misure per affrontare i problemi economici che il paese sta vivendo.

Perché crede che Evo Morales non si fidi di qualcun altro per la carica di presidente? Perché vuole tornare a essere presidente?

Bisognerebbe chiederlo a lui. Io posso solo speculare su un paio di idee, semplici speculazioni. Uno è che, a mio parere, Evo risente molto del modo in cui usciamo nel 2019, attraverso un colpo di Stato, e questo non lo considera giusto.

L’altra riguarda un tema un po’ più profondo. Gli indigeni in Bolivia non avevano mai avuto accesso in 540 anni a posizioni di potere così importanti nel mio paese. Quando Evo Morales ci riesce, appare una sorta di forza storica che lo porta a non perdere quella presenza così importante che ha raggiunto.

Queste sono riflessioni speculative, perché sono cose di cui non ho mai parlato con lui.

Clicca qui per leggere l’intera intervista, in spagnolo, su BBC-News

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.