No menu items!
21.1 C
Buenos Aires
Friday, July 23, 2021
HomecaverneDagli amici mi guardi Iddio...

Dagli amici mi guardi Iddio…

Una notizia falsa (o una fake news come si usa dire) ha nei giorni scorsi, con la forza di uno tsunami, conquistato i cuori ed i cervelli di pressoché tutti coloro che, nel Belpaese, considerano se stessi i più puri “difensori di Cuba”. La notizia – riportiamo qui la versione di Fanpage, ma centinaia sono i siti che hanno seguito l’onda stracciandosi le vesti per l’indignazione – recitava così: nell’ultima riunione del Consiglio per i Diritti Umani dell’Onu, con sede a Ginevra, l’Italia ha detto “sì” all’embargo contro Cuba. Il tutto con un ovvio seguito di scalmanate considerazioni sul “tradimento” e sulla vergognosa ingratitudine verso un paese che, solo qualche mese fa, ha mandato i suoi medici in aiuto all’Italia devastata dalla prima ondata di Covid-19.

utto falso. La mozione presentata a Ginevra dalla Cina e dallo Stato Palestinese chiedeva una genericissima condanna per tutte le sanzioni economiche oggi in atto a livello planetario, senza neppure nominare il caso cubano. Sicché definirlo “un voto contro Cuba” e “a favore dell’embargo” altro non è, in ultima analisi, che un modo per cancellare la assoluta specificità storica e pratica delle sanzioni USA contro Cuba. Ormai da alcuni decenni quelle sanzioni – sanzioni che, nel ’96, sono diventate legge negli Usa (violando il diritto internazionale) – vengono regolarmente condannate, pressoché all’unanimità, dall’Assemblea Generale. E questo – è fin troppo facile prevedere – è quel che di nuovo accadrà la prossima volta che saranno sottoposte al voto. La legge Helms-Burton è una mostruosità giuridica – Jimmy Carter la definì la più stupida legge mai approvata negli USA – che, chiuso il capitolo della Guerra Fredda, si giustifica solo alla luce di meschini calcoli di politica interna (leggi: garantirsi il voto della comunità cubana della Florida, statisticamente minuscola ma decisiva negli equilibri elettorali Usa).

Scandalizzarsi oggi per il voto dell’Italia significa in sostanza due cose. La prima: regalare all’embargo USA amici e sostenitori che non lo sono affatto. La seconda: mettere sullo stesso piano le sanzioni contro i militari di Myanmar e l’antica vergogna del “bloqueo”. Due cose che non vanno propriamente a vantaggio di Cuba. Come recita il vecchio proverbio: dagli amici mi guardi Iddio, che dai nemici mi guardo io…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0