No menu items!
11.7 C
Buenos Aires
Monday, July 22, 2024
HomesidebarapprofondimentiA sinistra o a destra?

A sinistra o a destra?

Cos’è la destra, cos’è la sinistra, cantava Giorgio Gaber. E proprio questo è quel che, con molto meno poesia, sembra chiedersi questo articolo di The Economist, nel ripercorrere l’esperienza dei governi latinoamericani – in larga parte di sinistra – che hanno retto le sorti dei più grandi paesi del continente nei primi tre lustri del XXI secolo. I numeri non sono esattamente quelli d’un trionfo. Né propriamente trionfali appaiono, con una destra che avanza un po’ dovunque, le prospettive per l’immediato futuro. Ecco quel che scrive il settimanale britannico…

Nel corso dell’ultimo anno circa una maggioranza di latino-americani sono entrati in un seggio elettorale per segnare con una croce i nomi dei candidati che più rappresentano il cambiamento. Di conseguenza,  presidenti di sinistra sono saliti al potere in Brasile, Cile e Colombia, in aggiunta a un gruppo di affermati di capi di Stato in Argentina, Bolivia, Messico e Perù, senza contare i rappresentanti delle autocrazie “socialiste” a Cuba, in Nicaragua e in Venezuela. In tutta l’America Latina, 12 paesi su 19 sono ora gestiti da governi di sinistra. Essi rappresentano il 92% della popolazione della regione e il 90% del suo PIL. Questo gruppo è un gruppo eterogeneo.  Tutti però promettono grandi risultati. Possono mantenere la promessa? Mentre il mondo si muove verso un maggiore intervento statale, l’esperimento dell’America Latina offre diverse lezioni ammonitrici.

Negli ultimi decenni la regione ha avuto una tendenza a sinistra. La cosiddetta marea rosa che caratterizzò il Continante dal 1998 al 2015, era in gran parte guidata da un mix di democratici di sinistra e demagoghi. Generose elargizioni sociali e politiche redistributive furono sostenute da un boom delle materie prime. Hugo Chávez, il presidente autocratico di sinistra del Venezuela dal 1999 al 2013, ha avuto la spavalderia-sostenuto da abbondanti entrate petrolifere-per dare Barack Obama, allora presidente degli Stati Uniti, una copia di “Open Veins of Latin America” di Eduardo Galeano nel 2009. Il libro di Galeano, pubblicato per la prima volta nel 1973, si oppone all’intervento nella regione da parte degli Stati Uniti e di istituzioni come il FMI, insieme a “mercanti, banchieri, marines, tecnocrati, berretti verdi, ambasciatori e capitani d’industria”. È diventato un bestseller.

Ora la svolta a sinistra è stimolata dalla sensazione che la regione sia rimasta indietro. Il boom delle materie prime è svanito e la crescita economica è rimasta stagnante. Secondo Goldman Sachs, una banca, la crescita annua del PIL nel LA7 (Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Messico e Perù) è stata in media del 3,4% tra il 2011 e il 2013 e solo dello 0,9% tra il 2013 e il 2019. Quest’anno Goldman Sachs calcola che sarà l’1%. In confronto, il FMI prevede che l’Asia orientale crescerà del 4,3% quest’anno. Nell’ultimo decennio il PIL pro capite in America latina è rimasto sostanzialmente stabile in termini reali.

La disuguaglianza rimane ostinatamente alta. “Questo è ciò che caratterizza l’America Latina”, dice Carolina Tohá, ministro degli Interni del Cile. “Ha raggiunto democrazie con livelli di disuguaglianza che non sarebbero mai stati possibili in Europa.”

Secondo gli intervistati, molti nella regione continuano ad amare la globalizzazione. In Brasile, Colombia, Perù e Messico, la maggioranza degli intervistati ad un recente sondaggio condotto da Ipsos Mori, un sondaggista, afferma che ha beneficiato il loro paese. Nondimeno, gli elettori stanno diventando meno parziali alla democrazia. Ciò è particolarmente il caso fra i giovani. Quelli tra i 16 e i 40 anni hanno più probabilità dei loro anziani di pensare che non ci sia differenza tra un sistema democratico e uno autoritario, secondo Latinobarometro, un sondaggio regionale. Nel 2021 Colombia, Perù, Brasile e Cile sono stati i migliori marcatori nell’indice “System is Broken” di Ipsos, che si basa su dichiarazioni degli intervistati come “abbiamo bisogno di un leader forte che sia disposto a infrangere le regole”. Anche Messico e Argentina erano al di sopra della media globale. (Nel sondaggio dal 2022 il sentiment in tutti questi paesi era leggermente migliorato.)

Un risultato di questa disillusione a bassa crescita con le norme democratiche è uno spostamento a destra. In El Salvador Nayib Bukele, un moderno caudillo che ha rinchiuso il 2% della popolazione adulta nell’ultimo anno per reprimere la criminalità, è immensamente popolare. Prima della recente svolta di sinistra del Brasile, Jair Bolsonaro, un populista di destra, è stato presidente dal 2019 al 2022. Bolsonaro ha perso le elezioni contro Luiz Inácio Lula da Silva, un membro della sinistra dal 2003 al 2010, con solo 1,8 punti percentuali. Ha ancora molti sostenitori che pensano che l’elezione sia stata rubata da Lula (come è noto). In Cile una recente elezione di un organo per riscrivere la costituzione, un’idea sostenuta da Gabriel Boric, il 37enne socialdemocratico salito al potere lo scorso anno, è stata dominata da un partito di estrema destra. Ma anche se il pendolo politico oscilla avanti e indietro, per ora sembra che la sinistra stia vincendo…

Leggi l’intero articolo, in inglese, su The Economist….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0