No menu items!
14.5 C
Buenos Aires
Wednesday, June 19, 2024
HomeSud AmericaVenezuelaVenezuela, salari bassi, altissima tensione

Venezuela, salari bassi, altissima tensione

Lo scorso Primo Maggio, festa del lavoro, Nicolás Maduro ha solennemente annunciato misure che – battezzate “bonus di guerra economica” - erano a suo dire destinate ad alleviare la drammatica riduzione del potere d’acquisto dei salari. Ma l’annuncio è stato accolto - ovunque, anche tra i sindacati di più pura fede chavista – come una burla. E la protesta ha cominciato a riempire le piazze. Un articolo di El País di Madrid.

La rabbia per i bassi salari è in aumento in Venezuela, anche tra le stesse fila chaviste. Gli attesi annunci di miglioramenti salariali da parte del governo di Nicolás Maduro lo scorso 1º maggio hanno aumentato la pena della maggior parte delle leghe operaie e dei fronti di lavoro. Migliaia di lavoratori del settore pubblico e privato, insegnanti, medici e infermieri, pensionati e pensionati hanno protestato in questi giorni, in cui qualificano gli annunci del governo come “beffe”.

Il primo maggio, giorno del lavoro, in una manifestazione di fronte ai suoi sostenitori, Maduro ha annunciato l’aumento di un buono salariale di 30 dollari (chiamato “Bonus di guerra economica”), e l’aumento dei cestaticket a 40 dollari, ma non ha aumentato il salario minimo mensile, che con il suo valore di cinque dollari è il più basso in America Latina. Il salario minimo mensile venezuelano è stato più volte il più alto della regione fino almeno al primo decennio del XXI secolo.

“Con questo decreto di Maduro si viola tutta la legislazione sul lavoro del paese”, afferma Jaqueline Richter, avvocato del lavoro e accademico dell’Università Centrale del Venezuela. “Il 90% del reddito del lavoratore è ora costituito da obbligazioni, non da obbligazioni medie né per le vacanze, né per la fine dell’anno, né per le prestazioni. La cosa più grave è che questi aumenti distruggono il sistema di sicurezza sociale del paese. Nemmeno i dittatori del Cono Sud degli anni ’70 hanno osato dissalare il lavoro in questo modo”, aggiunge

Pedro García, attivista pensionato, e membro della direzione del Comitato Nazionale del Conflitto, istanza ombrello che raggruppa le organizzazioni sindacali scontenti, afferma che la piattaforma alla quale appartiene discute con i suoi amici sui prossimi passi da compiere, e non escludono una sequenza scaglionata di interruzioni del lavoro. “Il mondo del lavoro è in fermento, il fastidio è grande. Pensionati e pensionati stiamo preparando una giornata di protesta per questo 15 maggio”, avverte.

“Gli aumenti annunciati da Maduro sono una bufala”, afferma María Alejandra Díaz, avvocato del lavoro, ex consigliere e militante chavista. “Fino al mese scorso, stavano pagando 44 dollari al cambio, e ora il reddito vale la metà.” Diaz ha criticato con durezza che Miraflores si scuserà, prima, delle difficoltà esistenti con le sanzioni internazionali, e che ora lo faccia invocando le conseguenze della recente epurazione anticorruzione che ha portato in carcere diversi collaboratori dello stesso Maduro.

I portavoce dell’Alto Governo sostengono che l’Esecutivo sta facendo enormi sforzi per migliorare il reddito salariale nell’economia venezuelana devastata, e che la composizione delle sanzioni internazionali contro il paese e l’assedio dell’amministrazione di Maduro hanno ostacolato questi obiettivi……

Leggi l’intero articolo, in spagnolo, su El Pais

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0