No menu items!
20.9 C
Buenos Aires
Thursday, June 13, 2024
HomeSud AmericaParaguayParaguay: un “colorado”, tanto per cambiare

Paraguay: un “colorado”, tanto per cambiare

Santiago Peña, un tecnocrate senza grande esperienza politica, ha vinto le presidenziali del Paraguay con il 42 per cento dei voti, nonostante su di lui gravasse l’ombra cupa del suo mentore, l’ex-presidente Horacio Cartés, uno dei più corrotti politici d’un paese, il Paraguay, che dalla corruzione è da sempre soffocato. Ora per Peña viene la parte più difficile: governare - Un articolo di American Quarterly

La vittoria sorprendentemente facile di Santiago Peña nelle elezioni presidenziali del Paraguay Domenica ha assicurato un altro mandato di cinque anni per il partito politico più longevo del Sud America, ma il vincitore dovrà affrontare numerose sfide, tra cui le relazioni con Taiwan, divisioni nei suoi ranghi e U.S. controllo sulla presunta corruzione nel partito.

Il quarantaquattrenne ex ministro delle finanze ha ricevuto il 42% dei voti, nonostante le sanzioni e accuse di corruzione contro il suo mentore, l’ex presidente Horacio Cartes. I paraguaiani hanno concesso al Partito Coloradoanche la maggioranza dei 45 membri del Senato, de degli80 membri della camera bassa. Ma vincere la presidenza potrebbe rivelarsi l’ostacolo più facile per Peña. Affronterà un paese che non è convinto della sua leadership: l’assenteismo era vicino al 40% e dovrà lavorare con un Congresso molto frammentato, comprese le divisioni all’interno del suo stesso partito.

José Carlos Rodríguez, uno scienziato politico del Consiglio latino-americano delle scienze sociali, ha detto che Peña inizia con un serio problema di immagine all’interno del Partito Colorado stesso. “Il problema non è Santiago Peña come persona o anche un politico. Il problema è che lui è visto come sotto il pollice di (ex Presidente) Horacio Cartes, senza capitale politica propria nel partito o il suo futuro il governo”, ha detto Rodríguez. Peña era il ministro delle finanze di Cartes quando è stato presidente dal 2013 al 2018.

Peña dovrà navigare con attenzione, con qualsiasi passo falso tenendo gravi conseguenze in patria e all’estero. La delegazione congressuale del Partito del Colorado è divisa, con una parte fermamente dietro Cartes, mentre un gruppo alleato con il presidente in carica Mario Abdo vuole un cambiamento generazionale. Abdo, in un’intervista prima del voto, ha detto che il partito Colorado era in crisi.

Cartes, che è stato eletto presidente del Partito Colorado nel mese di dicembre, ha tentato di cambiare la costituzione nel 2017 per consentire la sua rielezione, ed è ora sotto il microscopio degli Stati Uniti. governo per il presunto riciclaggio di denaro e collegamenti al terrorismo. Egli nega illecito. Il U.S. State Department lo scorso luglio ha designato Cartes come un individuo significativamente corrotto. Questo è stato seguito nel mese di gennaio dagli Stati Uniti. Tesoro, che è andato dopo le imprese di Cartes, tra cui la sua fabbrica di tabacco di punta presumibilmente utilizzato per riciclare denaro e collegare la sua operazione di Hezbollah. Alfredo Boccia, medico e commentatore politico del quotidiano Ultima Hora, ha detto che le sanzioni del Dipartimento di Stato non sono state prese troppo sul serio dal Partito Colorado, motivo per cui Cartes è stato eletto presidente del partito a dicembre. Ha detto che le sanzioni del Tesoro, tuttavia, “hanno fatto un buco nel flusso di denaro contante di Cartes” e hanno aperto la possibilità di estradizione negli Stati Uniti, che sarebbe stato un punto di svolta per il partito e Peña. “Cartes è terrorizzato dalla possibilità di estradizione, che sarebbe il terzo passo. Penso che vedremo presto movimento per cercare di ottenere questa opzione fuori dal tavolo”, ha detto.

Le elezioni hanno messo a fuoco altre due questioni internazionali che potrebbero anche essere molto controverse se l’opposizione li persegue al Congresso. Quest’anno il Paraguay e il vicino Brasile rinegozieranno il trattato che disciplina Itaipú, la seconda centrale idroelettrica al mondo con una capacità di generare 14.000 MW di elettricità. Il Paraguay vende la maggior parte della sua quota di produzione di energia di Itaipú al Brasile, secondo esportatore del paese dopo la soia. Peña ha evitato la questione durante la campagna, dicendo solo che era fiducioso che il Brasile avrebbe negoziato in modo equo. Le decisioni su Itaipú non riguarderanno solo i tassi ricevuti per il potere, ma anche come viene utilizzata l’energia, e potrebbero portare ai maggiori investimenti stranieri nella storia del paese. Due progetti, uno diretto dalla canadese NeoGreen Hydrogen e un altro dalla britannica Atome Energy, vogliono usare Itaipú per produrre idrogeno verde. Creerebbero una catena del valore per le risorse che attualmente non esistono in Paraguay e nuovi flussi di reddito.

In cantiere c’è anche il progetto da 1,8 milioni di ton/anno, Paracel, che ha investitori tedeschi, svedesi e locali. L’investimento totale potrebbe raggiungere i 3 miliardi di dollari, rendendolo il più grande investimento privato in Paraguay. Veronica Serafini, economista presso Cadep, un istituto di ricerca economica, ha detto che la diversificazione economica è fondamentale per le prestazioni economiche del paese in futuro. “Il basso effetto moltiplicatore e la volatilità del nostro prodotto interno lordo sono il risultato di un modello altamente concentrato su poche merci con poco valore aggiunto e pochi mercati di esportazione”, ha detto. Il Fondo monetario internazionale (FMI) prevede una crescita economica del 4,5% quest’anno per il Paraguay, dopo una diminuzione dello 0,3% del PIL lo scorso anno.

Peña ha sconfitto il candidato dell’opposizione Efraín Alegre, che ha fatto una campagna per cambiare i legami diplomatici da Taiwan alla Cina per aumentare le esportazioni e gli investimenti. Il Paraguay è l’ultimo paese del Sud America ad avere relazioni diplomatiche con Taiwan. Solo altri due paesi nelle Americhe continentali, Guatemala e Belize, hanno …

Leggi lintero articolo, in inglese, su American Quarterly

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0