Home Sud America Cile 4 settimane che sconvolsero il Cile

4 settimane che sconvolsero il Cile

0
Santiago, 26 de noviembre de 2021. Gabriel Boric recibe a la expresidenta del Colegio Médico, Izkia Siches, quien a partir de este viernes se integra a su comando. Jonnathan Oyarzun/Aton Chile

In un articolo per El País di Madrid, Rocío Montes e Federico Rivas Molina tornano a raccontare le quattro settimane di campagna che, in Cile, hanno portato alla vittoria del 35enne Gabriel Boric e di un Cile nuovo ed inedito che riduttivo sarebbe definire “di sinistra”. “Il presidente eletto del Cile, Gabriel Boric che ha vinto le elezioni di domenica scorsa – scrivono i due giornalisti – è passato da un 25% di sostegno al primo turno al 55% al secondo, con un milione di voti in più di José Antonio Kast, suo rivale di estrema destra. Il suo trionfo è stato il risultato di un insolito pragmatismo che ha rotto tutte le previsioni. E non solo perché è riuscito a invertire il secondo posto che ha ottenuto il 21 novembre, cosa che non era mai successa in Cile. Nelle quattro settimane tra le due convocazioni e durante le quali Boric è riuscito a rigirare il voto per ottenere la vittoria alle presidenziali, un’ampia svolta nella storia politica si è rivelata cruciale”.

“Da candidato che prometteva di cambiare tutto – continua l’articolo – Boric è passato ad un altro molto più moderato aspirante presidenziale; ha cambiato i vestiti casual per una camicia con giacca, e ha cessato di parlare ai “compagni e compagne” per rivolgersi ai “cileni e alle cilene”. Boric è stato convincente nel sostenere, soprattutto parlando alle donne e ai più giovani, che una vittoria del suo avversario ultraconservatore avrebbe messo a rischio i diritti acquisiti. E ‘stato, il suo, un successo: la sinistra rastrellato voti tra i minori di 30 anni e guadagnato comodamente tra i meno di 50. È riuscito anche a far uscire di casa il 55% dei cileni, la percentuale più alta dall’introduzione del voto volontario nel 2012.

In questo successo, scrivono Rocío Montes e Federico Rivas, “è stata fondamentale l’incorporazione nella campagna di Izkia Siches, un medico di 35 anni, la stessa età di Boric-, leader della corporazione Medical College, che ha lasciato il suo posto quattro giorni dopo che la sinistra è rimasta due punti sotto Kast in primo giro (25%, contro il 27% del leader del Partito Repubblicano). Pamela Figueroa, accademica dell’Università di Santiago, dice che “l’arrivo di Siches è stato strategico”. “Incorpora una donna che è leader e viene dal mondo sociale, e questo le fa ampliare la sua base di sostegno. Boric diventa più della sua coalizione”, spiega Figueroa….

Continua a leggere l’articolo in spagnolo….

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Exit mobile version