No menu items!
29 C
Buenos Aires
Thursday, February 22, 2024
HomeSud AmericaEcuadorLasso, dalla banca al banco (degli imputati)

Lasso, dalla banca al banco (degli imputati)

Un ritratto di Guillermo Lasso, il banchiere che ha riportato al potere la destra in Ecuador. E che, finito sotto accusa per corruzione, ha infine sciolto il Parlamento decretando (costituzionalmente) la cosiddetta “muerte cruzada”. Un articolo di El Pais di Madrid.

La vita professionale di Guillermo Lasso si riassume in una serie di promozioni nel mondo bancario e degli affari che lo hanno delineato come un uomo di successo. Questo ha messo il cartello presidenziale, in linea con i politici-manager che sono spuntati in tutto il mondo assicurando quanto fosse formidabile gestire lo Stato come una società per azioni. Dopo due tentativi infruttuosi di prendere il potere, ha raggiunto la terza nel 2021, sconfiggendo il correismo, che era nei suoi momenti più bassi. Ha ereditato un paese profondamente indebitato, con le casse vuote. Era il momento del banchiere.

Tuttavia, nulla è andato come previsto. In soli due anni è stato messo alle strette dal Congresso ecuadoriano, che fino ad oggi lo ha sottoposto a un processo politico per un presunto caso di appropriazione indebita. Il processo era un gioco incerto che poteva finire nella sua rimozione. Ma quest’uomo con la faccia rotonda e gli occhiali quadrati, 67 anni, si è aggrappato all’ultima molla che gli era rimasta, non voleva lasciare nulla al caso e ha attivato quella che è conosciuta come la morte crociata. Senza ulteriori indugi, ha decretato lo scioglimento del Parlamento e ha immediatamente attivato la convocazione di elezioni legislative e presidenziali a cui egli stesso può candidarsi se vuole. Lasso non ha lasciato nulla all’improvvisazione, il che raccomanda qualsiasi libro di imprenditorialità in un momento di crisi.

L’Ecuador come Paese-Impresa. Ma qualcosa non ha funzionato

L’Ecuador è stato il suo edificio per uffici in questi due anni. I funzionari, i suoi dipendenti; gli ecuadoriani, i suoi azionisti. È arrivato assicurandosi di conoscere la formula per creare posti di lavoro e far riprendere al paese la strada della produttività. La stessa cosa che, secondo lui, aveva fatto quando dirigeva la Banca di Guayaquil, uno dei più grandi del paese. Non è successo né l’una né l’altra cosa. Il paese sta vivendo un’enorme crisi di sicurezza che ha paralizzato le altre necessità. Le carceri sono diventate un buco controllato da bande in cui vengono decapitati e smembrati coloro che non rispettano la legge imposta con la forza. I cartelli della droga hanno cominciato a controllare istituzioni e dominare parte del territorio, in un processo simile a quello che hanno vissuto paesi come il Messico e la Colombia.

Lasso è stato costretto a iniziare a lavorare all’età di 14 anni per pagare i suoi studi e contribuire a una casa che comprendeva 10 fratelli più grandi di lui. È profondamente conservatore sul piano morale e neoliberale sul piano economico; sono due verità alle quali si aggrappa come se fosse la vita a farlo. La gente vede in lui e nella sua famiglia il modello idilliaco dell’élite di Guayaquil, una delle principali città del paese, insieme a Quito, la capitale. Vive nella cittadella, nella zona residenziale più esclusiva della città di Samborondón. Di tutti i candidati che si sono presentati alle ultime elezioni, lui era quello che pagava più tasse, quasi 700.000 dollari [circa 645.500 euro] all’anno. Ha fatto piegare le sopracciglia a qualcuno quando ha promesso di abbassare le tasse.

Ma si dimostrò molto astuto. Per vincere non gli bastava l’elettorato di destra, che non aveva messo un presidente in 20 anni. Contrariamente a quello che era il suo ideale, ha teso la mano alla comunità LGBTI e ha abbracciato la depenalizzazione dell’aborto in caso di stupro. Lasso era aperto ad ascoltare tutti e, dicevano i maleducati, voleva arrivare come fosse alla presidenza. Nulla gli era impossibile, nemmeno cambiare i suoi ideali. Arrivò e rimase nell’élite economica ecuadoriana senza avere un cognome e senza un titolo universitario appeso alle pareti del suo ufficio. È la copia sputata di un uomo fatto da sé.

Leggi il resto dell’articolo, in spagnolo, su El Pais di Madrid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0