No menu items!
19.6 C
Buenos Aires
Sunday, April 14, 2024
HomeSud AmericaArgentinaIl “dopo-Fernández” è comiciato

Il “dopo-Fernández” è comiciato

Alberto Fernández ha annunciato che non cercherà un secondo mandato. E in campo peronista - con Cristina Kirchner condannata a sei anni per corruzione e Sergio Massa, ministro di un’economia disastrata, al culmine dell’impopolarità – è cominciata l’ardua ricerca d’un candidato credibile. Un’analisi di World Policy Review.

Venerdì scorso, il presidente argentino Alberto Fernandez ha annunciato che non cercherà la rielezione in ottobre, lasciando la corsa presidenziale già aperta del paese ancora più incerta. Per essere sicuri, Fernandez non era nemmeno una scommessa sicura per vincere la nomina del suo partito giustizialista, la formazione leader della coalizione peronista più ampia dell’Argentina. L’inflazione nel paese si aggira intorno al 100 per cento, con il tasso di povertà al 39 per cento. Diverse persone con cui ho parlato in una recente visita di due settimane nel paese hanno espresso qualche perplessità sul fatto che non ci sia stata una rivolta sociale di massa del tipo per cui l’Argentina è nota, sebbene gli stretti legami tra i peronisti e i sindacati argentini e la società civile progressista potrebbero essere una spiegazione. In ogni caso, l’annuncio di Fernandez non fu una sorpresa.

Il suo ritiro lascia ora un vuoto in cima a un campo peronista profondamente diviso. Da quando ha assunto l’incarico nel 2019, i suoi scontri con Cristina Fernandez, l’ex presidente che, nonostante il suo attuale ruolo nominale di vicepresidente rimane di fatto il leader del movimento peronista, sono stati l’acqua per le voci. Alberto rappresentò una corrente più moderata del campo peronista polimorfo, mentre Cristina ne espose le versioni più populiste e personaliste. Le sue lunghe difficoltà legali, che i suoi sostenitori caratterizzano come un “colpo di stato giudiziario” motivato politicamente, sono diventati un tema centrale del messaggio del movimento e del governo, soprattutto da quando è stata condannata con l’accusa di corruzione l’anno scorso. Anche se Cristina ha escluso la sua candidatura, la sua presa sulla fedeltà della base peronista la rende la Kingmaker nella selezione del candidato del partito.

Con entrambi Fernandezes fuori dalla corsa, l’alternativa più ovvia è Sergio Massa, che è attualmente ministro dell’economia dell’Argentina. Ma è incerto se Massa, un peronista moderato che ha fondato il suo partito per una candidatura presidenziale fallita nel 2015, farà appello agli elettori lealisti. E la sua associazione con le attuali condizioni economiche del paese potrebbe rivelarsi un handicap…..

Leggi l’intero articolo, in inglese, in World Policy Review

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0