No menu items!
18.2 C
Buenos Aires
Friday, April 19, 2024
HomerassegnaBiden 2024, questi i numeri

Biden 2024, questi i numeri

Con un video di appena tre minuti, l'82enne Joe Biden ha, come tutti s’attendevano, annunciato la sua ri-candidatura per le presidenziali del prossimo anno. Ma quali sono le sue reali possibilità di successo? Ce lo spiega la pagina “538”, specializzata in statistiche elettorali.

Dopo mesi di previsioni e tonnellate di aspettative accumulate, il giorno è finalmente alle porte: il presidente Biden ha annunciato che sta cercando un secondo mandato nel 2024.

L’annuncio arriva dopo mesi di presa in giro dall’amministrazione Biden – prima doveva accadere da qualche parte intorno al Martin Luther King Jr. Day, che sarebbe allora caduto “non molto tempo dopo” lo Stato di febbraio dell’Unione. Ovvero: all’inizio di aprile. Ma alla fine, l’annuncio di oggi è stato per lo più sorprendente perché la maggior parte dei presidenti cercano la rielezione, e spesso vincono quando vanno per esso. Detto questo, nei sondaggi messi in campo durante i primi anni di Biden, molti elettori democratici hanno detto di essere pronti ad andare avanti, un sentimento quasi certamente stimolato dalle preoccupazioni per l’età di Biden (ha 80 anni ora, e sarebbe quasi 82 il giorno delle elezioni) e i suoi bassi consensi.

Il problema, ovviamente, è che un’ovvia alternativa a Biden non è emersa. E in un certo senso, sarà facile per lui sostenere che è stato un presidente di successo che merita altri quattro anni di carica. Ma le preoccupazioni che hanno reso la propria base ambivalente su un secondo termine Biden sono suscettibili di tormentare la sua candidatura, troppo.

Così camminiamo attraverso i primi due anni di Biden alla Casa Bianca – il buono, il cattivo e il brutto – e dare un’occhiata alle sue probabilità sia nelle primarie e le elezioni generali.

Forse nessuna misura cattura meglio il bene, il male e il brutto della presidenza di Biden del suo rating di approvazione. Gli americani erano relativamente in alto su Biden quando è stato eletto, ma non è durato a lungo. È entrato in carica con un 53% di approvazione e il 36% di disapprovazione, secondo il tracker di approvazione presidenziale di FiveThirtyEight, e non è stato difficile capire perché: gli americani erano in gran parte insoddisfatti dell’ex presidente Donald Trump. Pochi mesi dopo la sua inaugurazione, Biden firmò il popolare American Rescue Plan, un pacchetto di aiuti che includeva aiuti agli stati per aiutare a combattere la pandemia del coronavirus e 1.400 dollari di pagamenti diretti a certi americani.

Ma la buona volontà è fragile in un ambiente politico sempre più polarizzato, e gli americani hanno iniziato a inacidire Biden dopo solo pochi mesi. A partire da agosto 2021, il suo rating di approvazione è sceso precipitosamente e la sua disapprovazione è aumentata bruscamente. Era una sorta di tempesta presidenziale perfetta: la variante delta del coronavirus stava aumentando, la ricaduta economica della pandemia stava iniziando a venire a fuoco e la risposta pasticciata dell’amministrazione al ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan stava facendo notizia. Più tardi quell’inverno, divenne anche più chiaro che le principali parti della piattaforma elettorale di Biden – come l’approvazione di leggi per proteggere i diritti di voto e per riformare la polizia – erano condannate, E l’omnibus Build Back Better Act di Biden ha subito una battuta d’arresto dopo che West Virginia Sen. Joe Manchin ha rifiutato di sostenere una prima versione con un prezzo multimiliardario, citando preoccupazioni su come avrebbe influenzato l’inflazione…..

Leggi l’intero articolo, in inglese, su 538

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0