No menu items!
22.9 C
Buenos Aires
Wednesday, April 17, 2024
HomeCaribeCubaCuba, soldati in affitto?

Cuba, soldati in affitto?

Stando a quanto pubblicato da media russi, le forze armate starebbero reclutando, a pagamento, soldati cubani per combattere in Ucraina. Il meccanismo sarebbe il medesimo fin qui usato per i medici. La Russia paga l’affitto direttamente al governo di Cuba, il quale, a sua volta passa una minima parte dell’incassato, come salario, ai soldati “affittati”. Ai soldati reclutati verrebbe inoltre garantito anche un rapido accesso alla cittadinanza russa. Il che parebbe smentire il sopra descritto coinvolgimento del governo cubano. In ogni caso, ecco quel che riporta un articolo di Infobae.

È passato quasi un anno e mezzo da quel 24 febbraio 2022 in cui Vladimir Putin ha dato il via libera all’esercito russo per invadere la vicina Ucraina. Il risultato, ad oggi, non è affatto quello previsto dal capo del Cremlino, che stimava che in poche settimane avrebbe avuto il controllo di Kiev. Oggi le sue truppe sono esauste, hanno fallito nel tentativo di raggiungere la capitale, e in questi giorni stanno affrontando una brutale controffensiva delle forze ucraine per recuperare il terreno perduto. Il presidente russo sa che per rimanere al potere ha bisogno di una vittoria. Per questo negli ultimi mesi ha fatto appello a diverse strategie dell’ultimo minuto per rafforzare le sue forze armate indebolite. Un esercito che, inoltre, è sempre più lontano dai mercenari del Gruppo Wagner, il cui capo, Yevgeny Prigozhin, non nasconde più le sue differenze e le sue obiezioni con il ministro della Difesa, Sergei Shoigu. Nel bel mezzo di questo complesso panorama, il governo ora sfrutta la sua alleanza con Cuba per reclutare militari.

Il mese scorso i media della regione di Kazan hanno riferito che emigranti cubani hanno iniziato a arruolarsi nelle fila dell’esercito russo. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, gli aspiranti cercano di beneficiare della legislazione promulgata dal Cremlino che consente agli stranieri che prestano servizio militare di richiedere la cittadinanza russa con la via rapida. Una legislazione che Putin è stato costretto a promuovere dopo il massiccio esodo di giovani russi con il decreto firmato dal capo di Stato per costringere i cittadini tra i 18 e i 27 anni a unirsi all’esercito per combattere in Ucraina.

Inoltre, sempre secondo i rapporti locali, i cittadini stranieri che hanno firmato un contratto con l’esercito riceveranno un pagamento una tantum di 195.000 rubli (2.419 dollari) e i residenti della regione di Ryazan, altri 200.000 (2.482 dollari) dal bilancio regionale. Coloro che partecipano alla guerra in Ucraina, nel frattempo, avranno diritto a pagamenti mensili di 204.000 rubli (2.531 dollari).

Il Ryazan Vedomosti ha riferito che alla fine di maggio i cubani sono stati inviati nella zona dell'”operazione militare speciale”, termine con cui il Cremlino si riferisce all’invasione dell’Ucraina.

La stampa russa ha anche citato il maggiore Dmitry Zaitsev, capo della selezione per il servizio militare, che ha fatto riferimento a questi casi. Egli ha spiegato che gli invii di reclute sono “quotidiani” e ha affermato che dall’inizio dell’anno sono state trasferite più di 450 persone. Tuttavia, non ha specificato quanti cubani fanno parte di quel gruppo.

Pur riconoscendo che il pagamento è un buon incentivo per i mobilitati, Zaitsev ha affermato che la principale motivazione per coloro che decidono di unirsi all’esercito russo per combattere in Ucraina è “aiutare la Madre Patria in tempi difficili“.

“I giovani hanno espresso il desiderio di partecipare al Nuovo Ordine Mondiale nel territorio dell’Ucraina. Vale la pena notare che, dopo ciò, i residenti di Cuba potranno ottenere la cittadinanza della Federazione Russa”, aggiunge le informazioni diffuse dai media locali.

Ma la verità dietro questo reclutamento di soldati cubani non sarebbe legata a un sentimento di amore e fedeltà alla “Madre Patria” russa, ma a un’oscura e segreta alleanza tra due regimi alleati.

Mercoledì 14 maggio l’organizzazione non governativa Prisoners Defenders ha approfittato della sua relazione mensile sulla situazione dei prigionieri politici a Cuba per mettere in guardia contro questa cooperazione militare tra Mosca e L’Avana, che rappresenterebbe un intervento diretto della dittatura di Miguel Díaz-Canel nella guerra in Ucraina.

L’ONG per i diritti umani sull’isola ha ricordato che il regime castrista fin dall’inizio dell’invasione ha sostenuto pubblicamente la Russia di Putin, e ha persino elogiato le annessioni illegittime del Donbass. Ma questo stretto rapporto negli ultimi mesi si sarebbe esteso con l’invio di soldati cubani per collaborare con le truppe russe indebolite. “Per concludere questa nuova alleanza con la Russia, Cuba sta già inviando soldati in Ucraina“, afferma Prisoners Defenders nel suo recente rapporto.

A metà maggio l’addetta militare cubana, Monica Gomez, ha firmato una serie di accordi con i suoi pari della Bielorussia, paese alleato di Putin che ospita anche armi nucleari russe ai suoi confini. L’asse principale di questi accordi si concentra, secondo quanto riferito da Minsk, “sull’addestramento del personale militare cubano nella Repubblica di Bielorussia” e sulla “promozione della cooperazione militare tra i due paesi”.

“L’esercito cubano è uno dei pochi al mondo che potrebbe non aver bisogno di ricevere la formazione delle truppe di Alexander Lukashenko, a meno che la formazione non sia finalizzata ad entrare in combattimento usando le moderne armi fornite dalla Russia“, nota il rapporto dell’ONG, anche se riconosce che “ha tutta la logica” nella situazione attuale, e dopo che gli stessi media russi si sono fatti eco dei militari cubani inviati a combattere in Ucraina.

Ma Prisoners Defenders mette in rilievo una particolarità: “Basta avere a portata di mano la Legge di Cuba per sapere che nessun militare cubano può lasciare l’isola ed entrare in questo conflitto senza essere stato inviato dal suo governo con il passaporto ‘ufficiale’. Cioè, sono soldati ‘affittati’ alla Russia dal governo di Cuba, Altrimenti non possono lasciare l’isola per legge”.

L’attivista cubano-spagnolo Javier Larrondo è presidente della ONG che ha sede a Madrid. In dialogo con Infobae ha fatto riferimento a questo reclutamento di soldati cubani e ha spiegato perché non si tratta di un semplice arruolamento volontario come riportato da diversi media russi.

“L’invio di mercenari al conflitto dell’Ucraina non lo vedremo né ufficializzato né riconosciuto da Cuba, perché nel momento in cui ciò sarà ufficializzato per Cuba significherebbe la rottura delle relazioni con un sacco di paesi”, ha affermato. La legge cubana indica che un militare non può lasciare l’isola “se non ha il permesso esplicito dei suoi superiori”: “Allora, cosa fanno dei cubani giovani, militari, arruolandosi se in teoria non potrebbero lasciare Cuba? Secondo: chi vi paga il biglietto? Come fanno quei militari che chiedono 50 dollari a pagare un biglietto di 1500 dollari? Dovrebbero vendere le loro case per andare a combattere in Ucraina”.

Anche se Larrondo ha chiarito che ci sono poche informazioni sui dettagli di questo oscuro accordo, ha osservato che, secondo le esperienze con altre missioni inviate da Cuba all’estero, “Ne consegue che ha firmato con la Russia un accordo attraverso il quale le invia mercenari per 2.000 dollari, di cui il governo si prenderà il 75-95% di questi salari”. “È una scommessa deduttiva, ma con la conoscenza delle leggi cubane, e con la conoscenza della realtà, Si tratta della formazione di militari cubani in Bielorussia e del fatto che non ci sono persone della classe media che possono prendere un biglietto e un albergo in Russia per andare a combattere in Ucraina perché vogliono uccidere gli ucraini”.”Questo mercenarismo dobbiamo attribuirlo a chi accetta questa operazione, che è il governo”, ha aggiunto.

Ha commentato, da parte sua, che i giovani soldati cubani non hanno il diritto di rifiutare di unirsi alle forze russe: “Sono militari, non hanno modo di rifiutarsi di andare. Se si rifiutano o parlano, hanno rappresaglie loro e le loro famiglie. Le rappresaglie sono esemplificative per l’intero esercito. Fanno vedere al resto dei loro compagni cosa fa il regime quando qualcuno viola le regole interne”.

Leggi l’intero articolo, in spagnolo, su Infobae

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0