No menu items!
20.9 C
Buenos Aires
Monday, April 15, 2024
HomeSud AmericaPeruElezioni? Quali elezioni?

Elezioni? Quali elezioni?

Dopo il grottesco tentativo di golpe di Stato di Pedro Castillo e la destituzione del medesimo – da non pochi bollata come un contro-golpe – Dina Boluarte, trovatasi per caso alla guida del Paese, aveva promesso nuove elezioni a tempi brevi per superare lo stato di caos e violenza nel quale era precipitato il Perù. Ma, a quanto pare, si trattava soltanto di parole. Un articolo di Renzo Gómez Vega per El Paísi di Madrid.

La banda presidenziale è spesso un simbolo di potere che non lascia scappare chi la detiene. Il 12 dicembre 2022, cinque giorni dopo aver assunto la carica di presidente del Perù, Dina Boluarte aveva assicurato di “aver interpretato nel modo più ampio la volontà della cittadinanza” e che per questo aveva deciso “raggiungere un accordo con il Congresso per anticipare le elezioni generali entro aprile 2024” . Questo giovedì ha chiarito che rimarrà al potere fino al luglio 2026, cioè fino a esaurimento del periodo iniziato nel 2021 da Pedro Castillo, oggi in carcere per un tentativo fallito di autogolpe.

Alla fine di gennaio, dopo che decine di manifestanti avevano perso la vita durante le proteste e la governabilità era già fortemente contestata, il successore di Castillo aveva invitato il Legislativo a riconsiderare le nuove elezioni e aveva sottolineato che, non lo avesse fatto, l’Esecutivo avrebbe presentato un disegno di legge. “Congressisti, dovete capire la vostra responsabilità storica […]. Diciamo al Perù intero, con la più alta responsabilità: ‘ce ne andiamo tutti”, li aveva esortati energicamente. Aveva anche stabilito una data approssimativa per l’apertura del processo elettorale. “Il primo turno dovrebbe essere la seconda domenica di ottobre, e il secondo turno, a dicembre”, aveva aggiunto.

Questa stessa dirigente si è rimangiata le sue parole questo pomeriggio dopo una riunione con il suo Consiglio dei ministri. “La stampa in generale sa che la questione dell’anticipo delle elezioni è chiusa. Continueremo a lavorare in modo responsabile e nel rispetto dello Stato di diritto, della democrazia e della Costituzione, fino al luglio 2026 , ha detto con tono pacato. Mentre il mese scorso Boluarte aveva detto a un medium locale che la sua intenzione era quella di “governare secondo la Costituzione“, questa è la prima volta che afferma senza esitazione il suo piano di rimanere al potere nei prossimi tre anni.

Boluarte è arrivata al potere dopo la destituzione di Castillo, che cercò di dare un autogolpe di Stato. L’ex presidente è finito in prigione e in quanto vicepresidente, Boluarte è diventata la prima presidente donna della storia del Perù. Boluarte è stata accolta con intense proteste nelle strade, che la polizia ha represso. Si sono contate decine di morti che istituzioni come l’ONU hanno attribuito all’eccessivo uso della forza da parte della polizia. Anche se è stata molto contestata, sia a livello nazionale che internazionale, la presidente è rimasta al suo posto e, per le sue dichiarazioni più recenti, non ha intenzione di abbandonarla in breve tempo.

Proprio mercoledì, Boluarte ha rilasciato dichiarazioni controverse quando alcuni giornalisti, all’uscita del suo incontro con il presidente ecuadoriano Guillermo Lasso, l’hanno messa in discussione sull’intenzione della società civile di mobilitarsi nuovamente per riprendere le proteste. “Da dicembre a febbraio siamo stati come vigili del fuoco, spegnendo quasi 500 manifestazioni violente. In questo momento faccio appello a queste persone che stanno annunciando di nuovo la terza ripresa di Lima: Quante altre morti vogliono?  Per l’amor di Dio!”, ha detto la governatrice, in quello che è stato interpretato da molti come una minaccia per coloro che decidono di uscire.

Lo scorso marzo, la Commissione per la Costituzione del Congresso non ha ottenuto i voti necessari per approvare la proposta dell’Esecutivo di anticipare le elezioni generali entro dicembre 2023. Si è trattato del secondo tentativo fallito. In precedenza, si era già ipotizzato che si sarebbero svolti nell’aprile 2024. Nessuno dei due scenari, tuttavia, si svolgerà. Negli ultimi mesi erano già stati cancellati dalla discussione in Aula e nei media. Se non ci sarà un cambio di copione, né il Congresso né Dina Boluarte manterranno la loro promessa. Se ne vanno tutti, per il momento, come slogan di un giorno.

Leggi l’articolo originale, in spagnolo, su El País di Madrid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0