No menu items!
17.6 C
Buenos Aires
Saturday, April 20, 2024
HomeAmericheAvanza la destra più a destra della destra

Avanza la destra più a destra della destra

In Brasile c’è Jair Messiah Bolsonaro, battuto da Lula da Silva nelle ultime presidenziali, ma ormai diventato parte, come un incurabile cancro, del sistema politico. In Argentina cresce la stella di Javier Milei. In Colombia quella di Maria Fernanda Cabal. Ed in Cile José Antonio Kast va profilandosi - sulle ceneri dell’esperimento progressista di Gabriel Boric, già uscito sconfitto in due successivi referendum costituzionali, ed all’ombra mai completamente dissipata di Augusto Pinochet e della dittatura militare – come il prossimo presidente della Repubblica. A che cosa si deve questa irresitibile ascesa della destra più a destra della destra in pressoché tutti i paesi dell’America Latina? Un articolo di El País di Madrid

La fotografia politica del momento in America Latina è quella d’un apparente paradosso. Un processo di cambiamento provocato da un presidente di sinistra che è al potere da poco più di un anno e che, da subito al vaglio delle urne, dà un risultato in linea di principio incompatibile con tale trasformazione. Quello che è successo in Cile domenica scorsa è diventato uno specchio dei peggiori fantasmi dei principali governi della regione, dalla Colombia all’Argentina, passando per Brasile e Messico, tutti guidati da politici di sinistra. Il Partito Repubblicano, una formazione di estrema destra, ha spazzato via le elezioni per il Consiglio Costituzionale che redigerà una nuova proposta di Carta fondamentale. Guidato da José Antonio Kast e fondato solo nel 2019, ha ottenuto quasi 3,5 milioni di consensi a livello nazionale, il maggior numero di voti ottenuto da un partito politico dal ritorno alla democrazia nel 1990.

Destra tradizionale, addio…

Il voto, che supera di gran lunga la tradizionale destra formata da tre partiti, l’UDI, RN ed Evópoli, ha dato a questa forza 23 seggi su 51 dell’organo costituente, anche se i repubblicani sono sempre stati contrari a sostituire la legge di legge redatta nel 1980 sotto la dittatura di Pinochet e riformata 64 volte in democrazia. Un risultato che suscita domande pertinenti tanto in Cile quanto nel resto dell’America Latina. Cosa è successo? Perché l’opposizione a un governo progressista si nutre d’una politica di estrema destra o, come nel caso argentino, d’un cocktail di trumpismo e populismo? Nel 2021 Kast ha perso al secondo turno contro Gabriel Boric. Tuttavia, lo scorso settembre, i cileni hanno già dato il primo impulso a un progetto politico che è riuscito a interpretare la domanda di una società che vuole più ordine e sicurezza, secondo i sondaggi. Otto mesi fa, il 62 per cento dei cittadini ha respinto la proposta di una nuova Costituzione di una convenzione segnata dalla sinistra e dai gruppi indipendenti, in un plebiscito con voto obbligatorio e alta partecipazione. È stato uno slancio chiave per il Partito Repubblicano e il suo leader che, a differenza della destra tradizionale, si è mostrato implacabile di fronte al governo di Boric, la cui popolarità è al minimo e non supera 30%

Kast ha sbandierato il disagio della cittadinanza che, nello scoppio sociale del 2019, era stata la principale causa dell’ascesa della sinistra. Oggi, il disagio si spiega con almeno tre crisi: quella della sicurezza pubblica, per l’aumento della criminalità organizzata e della violenza, quella economica e quella che si è scatenata, specialmente nel nord del paese, con l’immigrazione irregolare che affligge le città. Non è chiaro se i risultati delle elezioni di domenica in Cile apriranno la strada a Kast per le prossime elezioni. È ancora prematuro, nel 2024 si terranno le elezioni comunali e dei governatori e nel 2025 le elezioni presidenziali e parlamentari. Ma il Partito Repubblicano si trova in una posizione di vantaggio rispetto ai cambiamenti politici che stanno arrivando.

Questa forza dell’estrema destra ostenta la sua differenza rispetto alla destra tradizionale soprattutto in questioni come il matrimonio tra persone dello stesso sesso, l’aborto e i suoi elettori sono attratti da un discorso arreso alle idee di patria e famiglia. Tuttavia, la sua sfida politica principale sarà la sua performance nello stesso Consiglio costituzionale, che debutta il 7 giugno, un organo che i repubblicani rifiutavano e nel quale ora dovranno negoziare con le altre forze.

Lula è risorto, ma Bolsonaro non è morto

La vittoria di Kast può essere letta come sintomo della riconfigurazione dell’opposizione ai governi di sinistra iniziata in Brasile e che abbraccia paesi come la Colombia, l’Argentina e, in misura molto minore, il Messico. L’annientamento della destra classica, infatti, è un fenomeno in cui il Brasile è stato pioniere. L’estremista di destra Jair Bolsonaro ha perso le ultime elezioni presidenziali per la minima cosa che è venuta dal gestire dal negazionismo una pandemia che ha ucciso 700.000 dei suoi connazionali e veniva misurata alle urne con il leader indiscusso della sinistra brasiliana. Bolsonaro, con le sue minacce golpistiche, la sua diplomazia isolazionista e la sua misoginia, è stato sconfitto alle elezioni del 2022 nonostante abbia ottenuto più voti di quanti ne abbia raccolti nel 2018, quando era ancora una speranza di cambiamento, un promettente sconosciuto, per buona parte dell’elettorato. Ciò riflette la potenza del movimento politico che guida e quanto sia radicato l’odio per il Partito dei Lavoratori.

La spettacolare risurrezione di Luiz Inácio Lula da Silva e la sua vittoria alle urne mettono in ombra alcuni fatti che conviene non perdere di vista: questa forza conservatrice sul piano morale, in grande sintonia con i leader delle Chiese evangeliche, e liberale in economia che chiamiamo bolsonarismo ha fulminato la destra tradizionale che dalla fine della dittatura si è alternata al potere con la sinistra. Tra Lula e Bolsonaro, la maggioranza dell’elettorato moderato di destra preferisce l’ex militare.

Il PSDB (il Partito della Social Democrazia Brasiliana) di Fernando Henrique Cardoso è a pezzi, è insignificante al Congresso e per la prima volta è stato strappato al potere nello Stato di San Paolo. La sconfitta fu inflitta da un ex militare e stimato funzionario che non si era mai presentato alle elezioni, Tarcisio di Freitas, ex ministro di Bolsonaro. Dal futuro di Bolsonaro e da chi gli succederà alla testa dell’opposizione se sarà radiato, dipenderà se quella metà dell’elettorato brasiliano continuerà ad abbracciare un programma ultra-stile Bolsonaro o preferisce tornare nelle acque più tranquille dei conservatori di sempre.

Alla ricerca del nuovo Uribe

In Colombia, la destra ha tardato a reagire alle elezioni del 2022, in cui per la prima volta è stata sconfitta da un ex guerrigliero di sinistra, il presidente Gustavo Petro. Inoltre, ha perso la rappresentanza al Congresso ed è rimasto senza una leadership chiara, dopo che l’ex presidente Álvaro Uribe, per anni il politico più popolare del paese, coinvolto in uno scandalo giudiziario senza fine, ha visto crollare la sua popolarità. La foto di un suo incontro privato con Petro le elezioni ha segnato una sorta di tregua tra due rivali politici che non si è rotta.

Orfana del suo leader per 20 anni, la destra colombiana sembra muoversi verso posizioni più estreme, come quelle incarnate dalla senatrice uribista María Fernanda Cabal, vicina ai militari in pensione e che questo ha detto del governo Petro: “Il comunismo è questo che stiamo vivendo”. Un’affermazione che non è stata ascoltata da altri dirigenti di destra. Giovedì scorso, un colonnello in pensione ha detto del presidente: “Cercheremo di fare del nostro meglio per defenestrare un ragazzo che era un guerrigliero”. E la senatrice ha difeso la dichiarazione, mentre l’ex candidato presidenziale di destra Federico Gutierrez ha manifestato il suo ripudio: “Respingo categoricamente qualsiasi allusione che possa essere fatta da qualcuno in relazione a un presunto colpo di Stato”.

Nel più recente sondaggio sulla leadership dell’opposizione, Gad3, un’impresa specializzata in sondaggi, chiede quale tra sette possibili leader, tra cui un ex presidente e un ex candidato presidenziale, sia il preferito. Cabal ha conquistato il primo posto, con il 16,5% delle preferenze degli intervistati, con tutti gli altri al di sotto del 7%.

Leggi l’intero articolo, in spagnolo, su El País di Madrid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0