No menu items!
19 C
Buenos Aires
Monday, March 4, 2024
HomeSud AmericaArgentinaArgentina, il peggio è alle porte

Argentina, il peggio è alle porte

Con un governo (peronista) debole e diviso e con elezioni ormai prossime (dalle quali quasi certamente ne uscirà un o ancor più debole), difficile è immaginare come l’incombente mostro della iperinflazione possa essere domato…Un'analisi di RANE Worldview

In Argentina, il rischio di iperinflazione aumenterà nei prossimi sei mesi, mentre il governo debole e diviso di Buenos Aires lotta per attuare politiche che abbassano i prezzi e ristabiliscono la fiducia pubblica nella valuta del paese. Il contesto macroeconomico dell’Argentina è peggiorato in modo significativo negli ultimi mesi. A marzo, l’inflazione interannuale ha raggiunto il 104% (dal 102% di febbraio al 98,8% di gennaio), mentre l’inflazione mensile ha raggiunto il 7,7% (dal 6,6% di febbraio al 6% di gennaio). Secondo i primi rapporti, sia i tassi di inflazione interannuali che mensili nel paese aumenteranno ulteriormente quando i dati di aprile saranno pubblicati all’inizio di maggio. Nel contgempo, il divario tra il tasso di cambio ufficiale dell’Argentina e il tasso non ufficiale continua ad allargarsi. Il 25 aprile, il tasso di cambio non ufficiale ha raggiunto 500 pesos per dollaro, da circa 390 pesos per U.S. per dollaro a fine marzo (al contrario, il tasso di cambio ufficiale è 222 pesos per dollaro). Il tasso di cambio non ufficiale – il cosiddetto “dollaro blu – è sceso a 474 pesos in aprile 26, ma solo dopo che la banca centrale argentina è stato costretta a vendere circa $49 milioni di euro per portare il tasso di cambio verso il basso.

Per anni, l’Argentina ha implementato rigorosi controlli sui capitali che limitano gravemente l’accesso pubblico al dollaro. Inoltre, il governo argentino ha creato diversi tassi di cambio nel corso degli anni, a seconda dell’attività in questione (ad esempio, gli esportatori agricoli, gli operatori finanziari e gli argentini che utilizzano le loro carte di credito all’estero sono tutti imposti tassi di cambio diversi).
Queste variazioni dei controlli sui capitali e dei tassi di cambio hanno portato all’emergere di un mercato illegale molto attivo in cui le famiglie, le imprese e gli investitori acquistano dollari per risparmiare, spendere e investire in un contesto di inflazione molto elevata e di peso sempre più svalutato. Infatti, molte transazioni (che vanno da beni immobili per l’acquisto di elementi di tecnologia) sono in realtà condotte in dollari. Di conseguenza, il tasso di cambio non ufficiale è diventato un barometro della salute dell’economia argentina, ma ha anche un impatto sull’inflazione, mentre le imprese e le famiglie aggiornano le loro aspettative per l’evoluzione dei prezzi in base alle fluttuazioni del tasso di cambio illegale.

Tre leader, uno meno credibile dell’altro

Il deterioramento dell’ambiente economico argentino si sta verificando sullo sfondo di un governo sempre più inefficace. Dal dicembre 2019, l’Argentina è governata dal Frente de Todos (Fdt), una coalizione di tre fazioni del partito Peronista. I leader delle fazioni sono il presidente Alberto Fernandez, il vicepresidente Cristina Fernandez de Kirchner e il ministro dell’Economia Sergio Massa. Le dispute interne hanno stravolto queste fazioni fin dall’inizio, il che ha gravemente minato l’efficacia del governo. Per complicare ulteriormente le cose, gli eventi degli ultimi mesi hanno indebolito i leader della coalizione. A dicembre, un tribunale ha condannato Fernandez de Kirchner a sei anni di carcere dopo averla giudicata colpevole in un caso di frode da 1 miliardo di dollari relativo a lavori pubblici (può ancora appellarsi e non andrà in prigione nel prossimo futuro). A marzo, i dati sull’inflazione più alti del previsto hanno pesantemente intaccato la credibilità di Massa, che aveva assunto il Ministero dell’Economia con la promessa di abbassare i prezzi. In aprile, Fernandez annunciò che non avrebbe cercato la rielezione dopo aver affrontato settimane di pressioni da parte del suo partito per non candidarsi alle elezioni presidenziali di ottobre a causa della sua scarsa popolarità. Questa combinazione di dispute interne e fattori esterni ha impedito al governo argentino di attuare misure efficaci per combattere l’inflazione, ridurre la povertà e stimolare una crescita economica sostanziale, e ha alimentato il sostegno popolare per i candidati presidenziali dell’opposizione.

Javier Milei, un a tenebrosa incognita. Peronisti fuori dal ballottaggio?

L’Argentina terrà le elezioni primarie in agosto, dove tutti i partiti eleggeranno i loro candidati per le elezioni presidenziali di ottobre. Se nessun candidato vince il 45% dei voti nelle elezioni presidenziali, o il 40% e una distanza di dieci punti dal secondo candidato, un ballottaggio delle elezioni tra i due principali candidati avrà luogo nel mese di novembre. Secondo i sondaggi, la coalizione conservatrice Juntos Por el Cambio (JxC) probabilmente vincerà le elezioni presidenziali, anche se il partito è diviso internamente tra centristi e pre-candidate di destra. I sondaggi mostrano anche un crescente sostegno per il candidato libertario, Javier Milei, che ha promesso di rivedere il modello economico argentino abolendo la banca centrale e rendendo gli Stati Uniti. dollaro valuta legale dell’Argentina invece del peso, tra le altre misure drastiche. Alcuni sondaggi hanno messo la coalizione al potere in terza posizione, il che significa che il suo candidato potrebbe non qualificarsi per le elezioni di novembre, così lasciando argentini a scegliere tra un conservatore e un candidato presidenziale libertario per la prima volta nella storia del loro paese.

Leggi l’intero articolo, in inglese, sul sito di RANE Worldview….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0