No menu items!
26.7 C
Buenos Aires
Tuesday, October 26, 2021
HomesidebarapprofondimentiI 4 perché d’un massacro

I 4 perché d’un massacro

Almeno 116 morti e circa 80 feriti, tutti detenuti. Questo è il saldo che ha lasciato questo mercoledì l’ultimo scontro tra bande rivali al Centro di Privazione della Libertà Numero 1 a Guayaquil, in Ecuador, un evento che è diventato il più sanguinoso della storia carceraria del paese. Martedì mattina, un gran numero di esplosioni di armi da fuoco e di esplosioni in vari padiglioni del distretto hanno attivato gli allarmi delle autorità. Dopo un intervento della polizia, gli agenti hanno trovato cadaveri di persone uccise con armi da fuoco e i resti di esplosioni di granate nei padiglioni del penitenziario. Secondo la stampa locale, diverse vittime sono state mutilate. In cinque casi ci sono state decapitazioni. In altri, l’amputazione di braccia e gambe.

Nella mattina di questo giovedì le autorità hanno ripreso il controllo “totale”, secondo il Servizio Nazionale di Assistenza Integrale agli Adulti Privati di Libertà e Adolescenti Trasgressori (SNAI).

Questo è il terzo ammutinamento che si registra in una prigione ecuadoriana nel 2021, dopo quelli di febbraio e luglio, che hanno lasciato 79 e 22 morti, rispettivamente.

Così un articolo di BBC-New illustra le “quattro ragioni” del massacro (clicca qui per leggere la versione originale in spagnolo)

1 – lotta per il potere

Il presidente Guillermo Lasso ha definito “deplorevole” che le bande criminali “pretendano di trasformare le prigioni in un territorio di disputa di potere”, prima di decretare lo stato di emergenza nazionale nelle prigioni. Poi l’accusa ha confermato che i principali fattori scatenanti degli scontri sarebbero stati la lotta “per avere il potere” in carcere e l’intenzione delle autorità di trasferire i capi delle organizzazioni criminali in altre carceri del paese.

Nei centri penitenziari ecuadoriani operano varie bande criminali, ognuna delle quali cerca di acquisire il massimo potere dalle prigioni e sono legate al narcotraffico messicano. “Una è la megabanda di Los Choneros, che è legata al cartello di Sinaloa; altre sono i Tiguerones, i Lobos e i Largartos, che sono legati al cartello di Jalisco Nueva Generación“, dice alla BBC Mundo il colonnello Mario Pazmiño, Ex direttore dell’intelligence militare e ora analista della sicurezza e della difesa.

“Queste bande si scontrarono per un controllo territoriale. Cercarono di impadronirsi del Padiglione 5, dove era già una struttura criminale. Questo ha innescato uno scontro. Alcuni sono stati uccisi inizialmente e poi è venuto la rappresaglia”, ha riassunto.

Solo nel Padiglione 5 ci furono più di 60 morti. Ma la violenza si diffuse rapidamente in altri punti del Centro di Privazione della Libertà Numero 1.

I Choneros, i Lobos e i Largartos, tra le altre bande, non si contendono solo la leadership della prigione. Il portale specializzato Insight Crime spiega che i gruppi criminali ecuadoriani operano tradizionalmente in modo frammentato, agendo principalmente come subappaltatori di organizzazioni criminali straniere.

2 – narcotraffico

Il direttore del Centro di Intelligenza Strategica dell’Ecuador, Fausto Cobo, ha detto a Reuters che la violenza è “collegata ad altre questioni gravi” quando gli è stato chiesto se gli scontri fossero legati al narcotraffico. “Questo è un argomento che va al di là della questione carceraria, questa è una minaccia contro lo Stato ecuadoriano”. Quello che le bande ecuadoriane si contendono non è un bottino qualunque. Come sottolinea anche Insight Crime, negli ultimi anni l’Ecuador è diventata l'”autostrada della cocaina verso gli Stati Uniti e l’Europa.” Secondo fonti di antinarcotici citate dal portale, a seguito dei cambiamenti di strategia dei narcotrafficanti colombiani, “più di un terzo della crescente produzione di cocaina in Colombia arriva attualmente in Ecuador”.

L’Ecuador aveva visto altri incidenti nelle carceri, ma questo è stato il più mortale.

L’anno scorso la polizia nazionale ha sequestrato 128,4 tonnellate di droga, il più grande sequestro dell’ultimo decennio, secondo i dati del ministero del governo ecuadoriano.,Questi dati mostrano che il traffico di droga in Ecuador è in aumento. “Le bande devono mantenere il controllo, in particolare nelle carceri di Guayaquil, perché questa è la strada principale e il punto di partenza: il Golfo di Guayaquil e il porto di Guayaquil”, spiega l’ex capo dell’intelligence Pazmiño. “Da lì esce più della metà di tutta la cocaina che arriva dalla Colombia”, aggiunge.

Pazmiño ricorda che siccome a Guayaquil operano sia il cartello di Sinaloa che quello di Jalisco Nuova Generazione, ogni band associata “deve spaventare” il suo rivale. “Hanno bisogno di stabilire un controllo territoriale e questo lo fanno con fuoco e sangue. Questa situazione non si vede solo nelle carceri, ma è un riflesso tangibile di ciò che si vive in alcuni quartieri della città di Guayaquil, dove si vedono lotte permanenti per l’altro problema: il microtraffico”.

3 – corruzione

Secondo il rapporto “La crisi del sistema penitenziario in Ecuador”, pubblicato nel 2006 dalla Facoltà Latinoamericana di Scienze Sociali (FLACSO), nelle carceri ecuadoriane opera un sistema di corruzione fondato su un rapporto personalistico tra funzionari ed interni. Il colonnello Mario Pazmiño afferma che, 15 anni dopo, non solo è ancora così, ma che la corruzione si è intensificata. “Quindici anni fa non c’era una tale penetrazione della criminalità organizzata transnazionale nel paese. Credo che questo tipo di azione nel sistema carcerario sia stato incrementato dalla presenza delle megabande che controllano direttamente il sistema carcerario”, afferma. Secondo l’esperto, le bande gestiscono un primo cerchio, in cui c’è la Polizia Nazionale, ma anche circoli che coinvolgono le guide penitenziarie e gli stessi amministratori di questi centri “minacciati dalle megabande”, precisa.

Lo scorso luglio, Fausto Cobo, allora direttore dello SNAI, l’istituzione che gestisce tutte le prigioni in Ecuador, ha avvertito che la crisi nelle prigioni del paese è l’effetto dell’influenza e dell’infiltrazione del narcotraffico in tutti i livelli dello Stato.

Una delle forme di corruzione nelle carceri ecuadoriane è il contrabbando di merci. Poiché il cibo distribuito nei centri è tipicamente di cattiva qualità, molti detenuti dipendono dalle loro famiglie per nutrirsi. La mancanza di controllo in prigione è una delle possibili cause dell’incidente. Ma il reddito del cibo non è gratis.

“Far passare una bottiglia d’acqua può costare circa US$4”, spiega Pazmiño. E il commercio non si limita ai prodotti alimentari: “Una cartuccia può costare fino a $5, una pistola fino a $4.000, un fucile può essere sopra i $15.000 e un telefono US$500. Comunque, tutto ha un prezzo”.

4 – sovraffollamento

Sebbene sia stato ridotto rispetto agli anni precedenti, il sovraffollamento continua a rendere difficile la corretta gestione delle carceri ecuadoriane. Secondo il Comitato permanente per la difesa dei diritti umani (CDU), la capacità carceraria ecuadoriana è di 28.500 persone. Ma nel maggio 2019, quando il governo decretò il primo stato di emergenza, il numero di detenuti ammontava a 41.836, un sovraffollamento del 42%.

Da allora, il numero si è ridotto, ma non abbastanza. Secondo i dati dello SNA, i circa 38.000 detenuti attualmente detenuti rappresentano un sovraffollamento del 33%. E le prigioni di Cuenca, Guayaquil e Latacunga concentrano il 70% di tutti questi detenuti. Come spiega il sito specializzato Insight Crime, la sovrappopolazione delle carceri è

che si traduce in problemi di diritti umani e nella mancanza di controllo sui sistemi penitenziari.

Previous articleAMLO chiede perdono
Next articleHombrenuevenstein

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0