No menu items!
17.2 C
Buenos Aires
Sunday, May 16, 2021
HomerassegnaWhat a mess in Texas

What a mess in Texas

Impossibile è stato, nell’osservare le catastrofiche conseguenze dell’ondata di freddo che ha colpito il Texas, non rammentare l’assai spavaldo slogan che, da sempre, sintetizza l’immagine che “the Lone Star State” ha di se stesso: “dont mess with Texas”, non metterti con il Texas, non lo disturbare, non lo provocare. Considerato che il termine “mess” sta anche per confusione, pasticcio, caos, non pochi lo hanno riesumato per descrivere le conseguenze (ed analizzare le ragioni) di un disastro che – solo in minima parte colpa della natura – ha lasciato senza luce e senz’acqua milioni di persone, sottolineando gli errori e le brutture di una politica che, in tema energetico e non solo, si è rivelata miope e miserabilmente autarchica. Sul tema un articolo di The Atlantic…leggi…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0