No menu items!
17.5 C
Buenos Aires
Sunday, September 19, 2021
HomeAmerica CentraleNicaraguaCardenal, un poeta contro i Somoza (vecchi e nuovi)

Cardenal, un poeta contro i Somoza (vecchi e nuovi)

È morto Ernesto Cardenal, grande poeta nicaraguense. Per lui parlano – e parleranno in eterno – le poesie che hanno accompagnato le sue battaglie politiche. Prima, partendo dalla paradisiaca isola di Solentiname, contro la sanguinosa dinastia dei Somoza. Poi come ministro dei governi sandinisti che di quella dittatura erano – o dovevano essere – l’antitesi. Ed infine contro l’attuale regime di Daniel Ortega. Ovvero: contro l’ultima e triste degenerazione, o meglio, contro il tradimento di quella, per tanti versi entusiasmante, stagione politica.

Anche in occasione della morte di Cardenal, il nuovo Somoza, Daniel Ortega, non ha perso occasione per dal prova della propria umana meschinità e della propria miseria politica. Prima decretando tre giorni di lutto nazionale e , poi, dando via libera a suoi sgherri perché ne profanassero le esequie al grido di “traditore”.

Alla morte di Ernesto Cardenal (ed alla miseria di Ortega), la poetessa nicaraguense ha dedicato questi versi:

El régimen de la nueva dictadura

Ordenó tres días de luto nacional

Tres días de bandera a media hasta

Para vós, Ernesto Cardenal

Ya muerto te perdonan la vida

Estarían dispuesto a concederte

Toda la órdenes y la condecoración del reino

A enflorar la calle al paso de tu cortejo fúnebre

La muerte de cualquiera de nosotros

Los que armados de palabras los avergonzamos

Y difundimos sus crímenes

Es para ellos ocasión para lucir magnánimos

Creen que muertos pueden enterrarnos

No se entaran que su homenaje

Sólo revela su mezquindad

De honrar a los muertos

Y condenar a los vivos.

Gioconda Belli, ovviamente, ha scritto questa poesia prima che le squadracce di Ortega profanassaro la cerimonia funebre nella cattedrale di Managua. In materia di mezquindad, Daniel Ortega riesce sempre a sorprendere – ed a sorprenderein peggio – anche coloro che più lo disprezzano.

Da leggere:

Sergio Ramirez: Despedida a mi vecino

Le sei vite di Ernesto Cardenal, di Andrea Semplici

Ernesto Cardenal en siete pistas y tres libros

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0