No menu items!
25.2 C
Buenos Aires
Wednesday, December 8, 2021
HomeAmerichePandora Papers, presidenti in paradiso

Pandora Papers, presidenti in paradiso

Trentacinque presidenti in carica – tra i quali tre latinoamericani, il cileno Sebastián Piñera, l’ecuadoriano Guillermo Lasso, il dominicano Luis Abinader – centinaia di politici di alto livello, congregazioni religiose e artisti di fama mondiale, miliardari e persino il governatore di una banca centrale; una costellazione di personaggi, latinoamericani o non, ha fatto uso nel corso degli anni di paradisi fiscali. Questo è quel che rivela il Consorzio Internazionale dei Giornalisti di Ricerca (ICIJ), anticipando i risultati della ricerca di 14 uffici finanziari raccolti un archivio di 11,9 milioni di archivi. Questa massa di informazioni, chiamata i “Pandora papers” è stata rivista e contrastata  – scrive in questo articolo di prima pagina El País di Madrid – da un team di 600 giornalisti a cui hanno partecipato, oltre al quotidiano spagnolo, The Washington Post, The Guardian, la BBC e numerosi media di tutto il mondo. Nonostante risieda nella regione più diseguale del pianeta, scrive El Pais, “questa elite ha utilizzato una rete di trust, società interpellate e archivi commerciali opachi in siti come le Isole Vergini Britanniche o Panama per evitare lo scrutinio pubblico di una parte sostanziosa dei loro beni. Un’intera trama che ora, con la pubblicazione dei Pandora Papers, viene a galla”.

I risultati, di impatto mondiale, assumono particolare rilevanza in America Latina, dove ogni anno sfuggono al fisco circa 40 miliardi di dollari dirottati verso paradisi fiscali. Nei prossimi giorni El País e gli altri media che hanno partecipato a questa iniziativa, pubblicheranno dei 35 presidenti o ex presidenti che figurano nei documenti, 14 appartengono a questa regione. La maggior parte sono di taglio conservatore. Tra questi spiccano tre capi di Stato in attività e che hanno in comune di essere stati imprenditori facoltosi. Come detto: il cileno Sebastián Piñera, l’ecuadoriano Guillermo Lasso e il dominicano Luis Abinader. Emergono anche 11 ex mandatari, come i colombiani César Gaviria e Andrés Pastrana; il peruviano Pedro Pablo Kuczynski; l’honduregno Porfirio Lobo; il paraguaiano Horacio Cartes o i panamensi Juan Carlos Varela, Ricardo Martinelli e Ernesto Pérez Balladares….

Leggi l’intero articolo in spagnolo

Anche da leggere:

Quando i potenti volevano nascondere la propria riccheeza si rivolgevano a questa impresa di Panama – il capitolo latinoamericano del rapporto del ICIJ

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0