No menu items!
10.7 C
Buenos Aires
Saturday, July 13, 2024

Evo vs Lucho

Per il MAS, Movimiento al Socialismo, la forza che ha dominato la politica boliviana nell ‘ultimo ventennio, sembra esser giunta l’ora dello scisma. Il tutto sullo sfondo delle reciproche accuse di tradimento che vanno scambiandosi l’attuale presidente Luis Arce ed Evo Morales, fondatore del movimento ed alla guida del paese tra il 2006 ed il 2019. Come e perché quella che fu, per la Bolivia. una storia di successo si è trasformata, in vista delle presidenziali del 2025, in un incubo senza possibilità di risveglio. Un articolo di Fernando Molina per El País di Madrid

L’ora dello scisma definitivo del partito che ha dominato la politica boliviana dall’inizio del secolo si avvicina insieme alle elezioni presidenziali del 2025. La lotta che oppone il leader del Movimento al Socialismo, Evo Morales, e il presidente, Luis Arce, ha aperto un nuovo capitolo questa settimana mentre il MAS prepara il suo congresso nazionale. Secondo la cerchia ristretta di Arce, Morales sta per espellere dal partito l’attuale presidente. “Si sta preparando un palcoscenico per espellere Lucho Arce e il nostro fratello vicepresidente David Choquehuanca dalle fila del nostro strumento politico”, ha dichiarato il ministro della Presidenza, Maria Nela Prada, in una conferenza questo mercoledì.

Le critiche dei seguaci di Morales al governo di Arce sono aumentate e ora denunciano che il governo sta cercando di “eliminare” e “avvelenare” il suo leader. Martedì, la dirigenza del MAS aveva affermato che Luis Arce aveva “tradito” il partito di governo e Evo Morales e messo in guardia dalla “preoccupazione” che Arce fosse diventato “il peggior nemico” del partito. “Il tradimento è ciò che fa più male”, ha detto in una conferenza stampa il vicepresidente del MAS, Gerardo García, nella città di La Paz.

“Lui [Arce] non è il nemico. Non possiamo confondere le basi con l’obiettivo di avanzare in ambizioni personali o di espellere il nostro presidente”, ha risposto Prada, che è la più vicina collaboratrice del mandatario. “L’unico veleno è la divisione; tutti questi tentativi di dividere il movimento popolare”, ha aggiunto.

Come parte della preparazione dell’annunciata espulsione di Arce, il MAS ha proibito a qualsiasi suo membro che fosse funzionario pubblico, cioè subalterno del presidente, di partecipare ai congressi di corrente, anche nel congresso nazionale che deve stabilire la strategia per eleggere il prossimo candidato presidenziale. La misura non è legale, secondo l'”arcismo”, perché “impedisce la democrazia interna”. In un tweet, Evo Morales ha cercato di giustificarla con l’argomento che i congressi del MAS “sono per controllare le nostre autorità e per questo non possono essere gestiti dai soggetti controllati”.

L’ex presidente accusa apertamente il governo, che qualifica come “destra interna”, di volerlo assassinare e coinvolgerlo in crimini. Finora non ha presentato prove. Gli attribuisce anche reati come protezione al narcotraffico e corruzione. I suoi sostenitori hanno creato l’etichetta “io non voglio suicidarmi” per alludere ironicamente a due presunti suicidi avvenuti di recente nell’ambito di indagini su truffe e tangenti.

I seguaci di Arce sostengono, da parte loro, che non hanno profonde differenze ideologiche con i loro ex compagni e che l’unica cosa che separa i due gruppi è l’ambizione di Morales di tornare al potere. Senza alludere direttamente al capo del suo partito, Arce ha avvertito più volte che è in atto una cospirazione contro di lui, che passa dividendo le forze sociali che hanno sostenuto la sua elezione due anni e mezzo fa con il 55% dei voti. Allo stesso tempo, lui e il suo vicepresidente Choquehuanca stanno costruendo una propria rete di aderenti nei sindacati che formano la spina dorsale del MAS. Secondo l'”evismo”, il meccanismo di cooptazione governativa è la fornitura di posti di lavoro pubblici, che spiega i frequenti problemi di corruzione.

Sebbene la candidatura presidenziale del suo ministro dell’economia “storico” sia stata imposta da Evo Morales, le relazioni tra i due politici si sono rapidamente deteriorate dopo la vittoria di Arce, che non ha menzionato il suo mentore nel suo discorso inaugurale e ha formato un gabinetto senza i suoi ex collaboratori. Poco dopo, Morales tentò, senza successo, di intervenire nelle prime decisioni governative. D’ora in poi, le tensioni si sono costantemente intensificate fino a quando il dialogo non è stato interrotto.

L’ex vicepresidente Álvaro García Linera, considerato il principale intellettuale del MAS, è un convinto sostenitore di un accordo che salvaguardi l’unità della sinistra boliviana. García Linera crede che, diviso in due espressioni politiche, il movimento indigeno non riuscirà a vincere nelle prossime elezioni e perderà il potere per “molto tempo”. Pensa anche che la lotta interna, che era “una questione di élite politiche”, abbia iniziato a influenzare le aspettative dei cittadini, causando l’aumento dell’incertezza e il pessimismo che registrano i sondaggi. Teme che questi sentimenti si traducano in apatia politica, soprattutto in un momento di difficoltà economiche, e che ciò costi ad entrambi i leader. “Arrivare così alle elezioni del 2025 potrebbe costarci una sconfitta catastrofica per le forze dell’opposizione”, ha avvertito.

Clicca qui per leggere l’originale, in spagnolo, su El País di Madrid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0