No menu items!
19 C
Buenos Aires
Wednesday, July 24, 2024
HomeAmerica CentraleNicaragua…e alla fine Daniel sparò sulla Croce Rossa

…e alla fine Daniel sparò sulla Croce Rossa

Dissolvendo la Croce Rossa – responsabile d’aver assistito i feriti delle manifestazioni anti-governative del 2018 – e sequestrandone i beni, la coppia Daniel Ortega-Rosario Murillo ha raggiunto una nuova frontiera d’infamia. “Ortega, Somoza son la misma cosa” grida ancor oggi la gente che, in Nicaragua, protesta contro la dittatura. Ma si tratta d’uno slogan palesemente destinato ad una rapida obsolescenza. Ancora un paio di passi ed il matrimonio al potere avrà ultimato il sorpasso rispatto alla vecchia ed infame dinastia di dittatori. La freccia già sta lampeggiando

Avete presente l’espressione “sparare sulla Croce Rossa”? Presumo di sì. E presumo anche che di questa espressione, usata perlopiù in termini metaforici, conosciate appieno l’inequivocabile significato. Chi “spara sulla Croce Rossa“ è un essere vile e mediocre, una slavata versione del ben noto Maramaldo che, illo tempore, uccise “un uomo morto”; un prepotente pusillanime che, per far mostra della propria forza – una forza che in realtà non possiede – si scaglia contro il più facile ed indifeso degli obiettivi. Orbene: proprio questo, sparare (e non metaforicamente) sulla Croce Rossa, è quel che, in Nicaragua, ha fatto ieri la pariglia di personaggi – un classico caso, per restare ai modi di dire, del ben noto “Dio li fa e poi li accoppia” – che di quel paese è, da 16 anni, la dittatoriale guida.

Ortega: dalla speranza ad un crescendo d’infamia

Mi riferisco, ovviamente al matrimonio Daniel Ortega e Rosario Murillo, rispettivamente presidente e vicepresidente di quel Nicaragua sandinista che non moltissimo tempo fa, tra il 1979 ed il 1990, fu, per molti e per molto buone ragioni, simbolo di liberazione e di speranza. Giusto per rinfrescar la memoria: Daniel Ortega era stato, in quegli anni – primus inter pares tra i nove comandanti che avevano guidato l’insurrezione contro il lungo e sanguinoso regno dei Somoza – presidente d’un paese che, uscito da 43 anni d’una dittatura prima creata e poi sostenuta dagli Usa, aveva, tra mille difficoltà e molti errori, cercato nuove strade verso la democrazia. E che, proprio per questo era stato, negli anni di Ronald Reagan, bersagliato e attaccato. Per chiarire, restando nella metafora iniziale. In quegli anni la “Croce Rossa” in questione era proprio lui, anzi, erano proprio loro, Daniel Ortega ed il suo governo democratico sandinista. Ed era contro di loro che lo zio Sam, il gran Maramaldo dell’America Latina, andava senza ritegno sparando a zero. Direttamente, come quando, nel 1980, la Cia minò tutti i porti del Paese, o indirettamente, organizzando e finanziando – talora sfidando le stesse leggi degli Stati Uniti, come dimostrò lo scandalo Iran-contras – gruppi di guerriglieri.

Ora le parti sembrano essersi, almeno in parte, invertite. In parte, perché se adesso a sparare è, in combutta con la consorte, il bersaglio d’allora, Daniel Ortega, la vera vittima della sparatoria, il vero agnello sacrificale resta, in realtà, il medesimo: il popolo del Nicaragua, il suo inappagato bisogno di democrazia, di libertà e di giustizia. Il tutto all’interno di quella che ora, grazie agli Ortega, non è più una metafora, ma un eufemismo. Daniel Ortega e Rosario Murillo non si sono infatti limitati a sparare alla Croce Rossa (quella vera, fondata da Henry Dunant nel 1863, dopo la battaglia di Solferino, al fine di assistere super partes, nel nome dell’umana dignità, i feriti di tutte le guerre). La Croce Rossa l’hanno, nella sua rappresentanza nicaraguense, semplicemente chiusa, cancellata, soppressa e vilipesa, accusandola di “orrendi” crimini.  E, già che c’erano, ne hanno anche – con una legge approvata da un Parlamento-fantoccio – sequestrato tutti i beni

L’orrendo crimine di curare i feriti

Quali sono gli “orrendi” ed imperdonabili crimini di cui sopra? Basicamente, l’aver offerto assistenza ai manifestanti che, nel 2018, protestarono in tutto il paese, non solo per i feroci tagli alle pensioni ed all’intero sistema assistenziale, ma anche contro l’inequivocabile deriva dittatorial-tirannica del Paese. Quanti siano stati, in quei giorni i morti ammazzati dalle forze (regolari o paramilitari) del governo, non si sa con esattezza. Calcoli approssimativi – ed approssimativi quasi certamente per difetto – parlano di almeno 300 vittime e di molte migliaia di feriti. Quelli, per l’appunto, che la Croce Rossa ha assistito.

Per questo, la Croce Rossa è stata messa alla porta. E prima della Croce Rossa, un analogo destino era toccato, in pratica, a tutte le ONG attive nel Paese. Come si è arrivati a questo punto? In che modo le speranze degli anni ’80, si sono trasformate nell’incubo di questo governo che spara sulle ambulanze? La storia è lunga, triste e, in pressoché ogni sua parte, decisamente infame. Tanto lunga, triste e infame che impossibile è raccontarla tutta nello spazio d’un post. Basti dire che la trasfigurazione del sandinismo – movimento di liberazione – in orteghismo cominciò subito dopo la sconfitta elettorale del 1990, con quella che è passata alla storia come la “gran piñata”, l’appropriazione fraudolenta di proprietà dello Stato da parte di Ortega e dei suoi accoliti. Ed è continuata prima attraverso la progressiva epurazione del FSLN da ogni forma di dissenso (degli altri otto comandanti della rivoluzione, solo il più mediocre, Bayardo Arce, è sopravvissuto alla orteghizzazione del partito) e poi attraverso il famigerato “pacto” con il super-corrotto governo di Arnoldo Alemán (“pacto” grazie al quale Ortega evitò di finire sotto processo per i tormenti sessuali inflitti ad una figliastra minorenne). Ed infine, dopo il ritorno al potere, nel 2007, di un sandinismo che ormai non era che la deturpata immagine di se stesso, con il progressivo asservimento di tutti i poteri dello Stato.

Peggio chi spara o chi ruba? Daniel e “Tachito” Somoza a confronto

È in questa veste – la veste dei padroni – che ieri la coppia presidenziale ha sparato alla, anzi, ha “cancellato” la Croce Rossa, involontariamente richiamando un interessante parallelo storico. Narrano infatti gli annali come, dopo il catastrofico terremoto che, nel dicembre del 1972, distrusse Managua, l’ultimo rampollo della dinastia dei Somoza, Anastasio “Tachito” Somoza Debayle, avesse, non sparato sulla Croce Rossa, ma derubato la medesima (e, con la medesima, il popolo tutto in un momento di straziante sofferenza). Ovvero: come si fosse appropriato, per poi rivederlo sul libero mercato, di gran parte del plasma sanguigno inviato per soccorrere i feriti della tragedia.

Quale delle due è peggio? Sparare o rubare? Nel dubbio meglio ripetere quello che, sfidando la morte, i manifestanti del 2018 gridarono in tutte le piazze del Nicaragua: “Ortega Somoza, son la misma cosa”, Ortega, Somoza son la stessa cosa. Almeno per ora. Perché la coppia Ortega-Murillo sembra, a tutti gli effetti, pronta al sorpasso…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0