No menu items!
22.6 C
Buenos Aires
Monday, February 26, 2024
HomerassegnaC’è qualcosa di marcio nella Corte

C’è qualcosa di marcio nella Corte

Si susseguono le rivelazioni sull’allegra continuità dei rapporti – a base di lussuose vacanze, compraventite di beni immobili, regali d’ogni tipo - tra Clarence Thomas, forse il più reazionario dei membri della Corte Suprema, ed una serie di assai sospetti amici-benefattori. Il tutto senza un minimo di reazione da parte del Chief Justice Roberts. L’istituzione che deve garantire lo Stato di Diritto sembra ritenere se stessa al di sopra della legge…Un articolo di Huffington Post.

La reputazione della Corte Suprema e del Chief Justice John Roberts sono “in gioco” se non si muovono ad adottare un codice di condotta vincolante dopo nuove rivelazioni sui pagamenti effettuati dal miliardario Harlan Crow per sostenere la famiglia del giudice Clarence Thomas, Sen. Dick Durbin (D-Ill.) detto il Giovedi.

Un rapporto di ProPublica rivelò che Crow, un miliardario conservatore coinvolto negli sforzi per portare la Corte Suprema a destra, pagò la retta scolastica privata del nipote di Thomas, che Thomas crebbe come figlio dopo che il padre del ragazzo andò in prigione con l’accusa di droga. Thomas non ha riferito il sostegno fornito da Crow sulle sue informazioni finanziarie, nonostante abbia riferito di un contributo di un altro donatore ad un certo punto.
Crow ha pagato la scuola del nipote di Thomas, lo stipendio della moglie, la casa di sua madre, frequenti viaggi in jet privato e vacanze di lusso quasi annuali, oltre ad altri regali assortiti.

“Spero che il Chief Justice Roberts legga questa storia questa mattina e capisca che qualcosa deve essere fatto”, ha detto Durbin a Manu Raju della CNN. “La reputazione della Corte Suprema è in gioco qui. … La sua reputazione come leader di questa corte è davvero un problema pure.”

“A che punto la puzza diventa grave quanto basta perche SCOTUS interrompa l’insabbiamento e la faccia finita con la mala fede?” ha scritto in un tweet il Sen. Sheldon Whitehouse (D-R.I.). “Per il Chief Justice questo dovrebbe essere un caso semplice e semplice fa risolvere: affitto della mamma, lezioni di famiglia, vacanze e regali – e tutto in segreto? Qualsiasi altro impiegato del governo sarebbe stato, per molto meno, licenziato.”

Esercitare pressioni pubbliche su Roberts sembra essere l’unica linea d’azione per i Democratici al momento. Solo uno dei 49 Repubblicani del Senato sostiene qualsiasi tipo di legislazione per richiedere alla corte di adottare un codice di condotta vincolante e i Repubblicani della Camera sono similmente contrari.

I democratici della Commissione Giudiziaria del Senato non possono nemmeno denunciare la legislazione sulla riforma etica, o citare in giudizio Thomas o Roberts, a causa dell’assenza diella Senatrice Dianne Feinstein. La rappresentante democratica della California, membro più anziano del Senato, non è al lavoro dal mese di febbraio e va recuperandosi da un caso di herpes zoster.

Sen. Richard Blumenthal (D-Conn.) è finora l’unico membro della commissione giudiziaria del Senato a chiedere un mandato di comparizione per Thomas e per il Dipartimento di Giustizia per lanciare un’indagine sulla presunta violazione delle leggi etiche e di divulgazione di Thomas. Non è chiaro se altri membri del comitato vogliano adottare un approccio così aggressivo come la corte ostenta la sua capacità di eludere le leggi etiche.

Ma Durbin ha suggerito che la commissione continuerà a spingere per la legislazione etica.

“Il Congresso, e il nostro Comitato, ha l’autorità di agire”, ha detto Durbin in una dichiarazione di giovedì. “E questo è ciò che la Commissione Giudiziaria continuerà a perseguire.”

Durbin in precedenza aveva chiesto a Roberts di comparire davanti alla commissione o di nominare un altro giudice per rispondere alle domande sul rifiuto della corte di adottare un codice di condotta vincolante. Roberts rifiutò, citando la separazione dei poteri.

Leggi l’originale, in inglese, su Huffington Post

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0