No menu items!
8.5 C
Buenos Aires
Wednesday, August 4, 2021
HomeSud AmericaArgentinaMalvinas, trent'anni dopo

Malvinas, trent’anni dopo

Cristina ha commemorato ieri il trentesimo anniversario della guerra (e, per l’Argentina, della sconfitta) delle Malvinas, inaugurando a Ushuaia, nella Terra del Fuoco, il mausoleo dedicato ai 654 soldati argentini caduti nel conflitto. Tre decenni sono passati, ma la ferita – evidentemente infiammata non solo dalla scadenza del trentesimo anniversario, ma anche (soprattutto?) dalla possibilità che nelle acque territoriali delle Falkland-Malvinas vi siano giacimenti di petrolio – resta più che mai aperta. E ieri la “presidenta” è tornata a rivendicare con forza e con molto nazionalistici accenti la sovranità argentina sull’arcipelago. Una sovranità da conseguire, questa volta, non attraverso una guerra, ma attraverso il “dialogo ed il rispetto degli interessi degli abitanti dell’isola”. E proprio qui sta il vero – ed allo stato delle cose irrisolvibile – nodo. Gli abitanti dell’arcipelago – i cosiddetti “kelpers”, meno di tremila coraggiosi che, da quasi 200 anni, vivono in uno dei luoghi più inospitali del pianeta terra – sembrano sapere molto bene, in realtà, quali siano i loro interessi. Semplicemente: loro sono e vogliono restare sudditi di sua maestà britannica. E, con più d’una buona ragione diffidano di chi afferma di voler “difendere i loro interessi”, ma nei fatti nega loro il più elementare dei diritti. Ovvero: quello ad un posto ad un eventuale tavolo di trattative con la Gran Bretagna.

Per l’Argentina, in ogni caso, non si tratta solo di commemorare una guerra perduta, o di rivendicare la propria sovranità sull’arcipelago.  Come la stessa Cristina Fernández ha sottolineato nel suo discorso di ieri, si tratta anche – soprattutto, per molti aspetti – d’una questione di “verità e di giustizia”.  La guerra fu, infatti, in quell’aprile del 1982, una delle molte infamie d’una dittatura militare assassina e, all’epoca, cinicamente protesa a far leva sullo spirito nazionalistico e patriotico per rinvigorire un potere sempre più indebolito dalla protesta di massa. Ora un rapporto la cui pubblicazione è stata approvata dalla stessa Cristina – il cosiddetto Rapporto Rattenbach – solleva finalmente il velo non soltanto sulle vere ragioni di quella guerra, ma anche sulle torture e sugli abusi che i comandi militari argentini praticarono sulle truppe. Insomma: le Malvinas sono argentine, ma in questa storia non sono sempre i colonialisti della perfida Albione i più cattivi della storia…

Molto belli alcuni degli articoli che Pagina 12 ha dedicato a quest’ultima parte della vicenda (vale a dire ai crimini che i comandi militari perpetrarono contro i loro stessi soldati . Eccone alcuni:

“Cuesta entender que también fuimos victimas” – di Fernando Cibeira

“Me hizo comer entre el proprio escrémento” – di Victoria Ginzberg

“El enemigo estaba entre nosotros” – di Nora Veiras

Frio y hambre en las islas – di Laura Vales

Heroes estaqueados – di Mario Wainfeld

Malvinas: prejuicios y deuda – di Federica Lorenz

 

Da leggere anche l’inserto de La Nacion: La guerra íntima

 

Per comprendere le contraddizioni del conflitto leggere, su El País di Madrid, la polemica tra John Carlin (Thatcher, libertadora argentina?) e Martín Caparrós (Gracias, Lady Thatcher?)

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0