No menu items!
13 C
Buenos Aires
Wednesday, August 4, 2021
HomeSud AmericaVenezuelaChávez e il “maiale”

Chávez e il “maiale”

Henrique Capriles Radonsky ha vinto le primarie della “Mesa de Unidad Democratica (MUD). Ha vinto alla grande, conseguendo oltre il 63 per cento degli oltre 3 milioni di voti depositati nelle urne. E da qui parte la campagna presidenziale che, il prossimo 7 ottobre, lo vedrà sfidare Hugo Chávez. Parte come? Il modo migliore per rispondere a questa domanda è ascoltare le prime parole che il presidente in carica ha dedicato al suo prossimo avversario. (clicca qui per un profilo del vincitore scritto da Paolo Manzo).

Per Chávez, Capriles  non è che un “majunche” – insulto liberamente traducibile in schifezza, porcheriola – il cui destino già sta scritto nei libri di Storia. Il leader bolivariano non solo lo batterà, ma lo ridurrà in polvere, non senza aver prima provveduto a smascherarlo. “non nasconderti, majunche, non travestirti. Hai la coda da maiale, le orecchie da maiale, grugnisci come un maiale. E questo perché tu sei un maiale…”. Parole alate. Parole che, una volta di più riflettono la pacata eleganza della personalità dell’uomo che guida il Venezuela e le vertiginose altezze nelle quali si muove il suo pensiero politico. Parole che accompagnano la più generale campagna di discredito – una campagna che non ha risparmiato neppure le origini “giudee” di Capriles – lanciata dall’intellettualità chavista contro il suino-candidato.

I sondaggi danno per il momento un buon vantaggio a Chávez (circa il 58 per cento dei voti). E dalla sua il presidente bolivariano ha, notoriamente, l’intera macchina statale e l’uso discrezionale di gran parte degli introiti del petrolio. Ma il cammino è ancora lungo. E chissà che, lungo il cammino, una parte consistente dell’elettorato non si scopra stanca dell’egolatria di un presidente che ha trasformato in “mito nazionale” la sua non propriamente eroica biografia e che sembra capace di esprimersi solo per insulti. Sarebbe bello poter leggere, un giorno, sui libri di Storia: Hugo Chávez, presidente del Venezuela autonominatosi erede autentico di Simón Bolivar, sconfitto da un maiale nelle elezioni dell’ottobre 2912…

Ma lasciamo la parola al medesimo Chávez. Ecco il video:

1 COMMENT

  1. Molto azzeccata l’immagine. Giusto nel caso che qualcuno volesse capire chi, tra Chavez e Capriles, e’ iul vero “maiale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0