No menu items!
21.6 C
Buenos Aires
Saturday, April 10, 2021
HomeCaribeCuba4-3-socialismo

4-3-socialismo

La nazionale cubana di calcio – espressione d’un paese dove è da sempre il baseball a farla da padrone – non è mai stata fortissima. Ma già nel 1986, anno del mondiale del Messico e della prima visita all’isola di Diego Armando Maradona, gran trionfatore del torneo con la selección argentina, Fidel Castro aveva – a dispetto di questa avversa tradizione – posto il paese di fronte ad una nuova e fondamentale tarea: ragiungere –  in linea con una tradizione che vede Cuba eccellere, ben al di sopra della media latinoamericana o caribeña, in pressoché tutti gli sport – livelli calcistici degni di una “super potencia futbolistica”. A distanza di un quarto di secolo, ormai, da quel solenne proclama, tuttavia, ben difficilmente i risultati potrebbero essere definiti esaltanti. Nella ultima “Copa de Oro”, giocata negli Stati Uniti, la nazionale cubana è stata eliminata dopo tre sconfitte consecutive, che l’anno vista subire 16 goal e marcarne soltanto uno. Costarica-Cuba 5-0, Messico-Cuba 5-0, Salvador-Cuba 6-1. Il tutto coronato – poiché, come noto, le disgrazie non vengono mai sole – dalla defezione di uno dei titolari della squadra, l’attaccante Yosniel Mesa.

Il Granma, organo del PCC, non ha esitato a definire “bochornosa”, vergognosa, l’esibizione. E ne ha anche individuato la causa principale: l’incapacità di trasformare la grande popolarità di questo sport – l’ultimo campionato mondiale in Sudafrica è stato seguito da migliaia di fans riuniti in sale cinematografiche che trasmettevano le partite su schermi giganti – in ansia di partecipazione e di gioco. O, come afferma il quotidiano “in un’opzione fisica, formatrice e ricreativa”.

Come uscirne? Secondo Oscar Sánchez Serra, autore dell’articolo, quello che occorre è, a questo punto, una “formula socialista di organizzazione”. Laddove per “formula socialista” s’intende qualcosa di intrisecamente saggio – essenzialmente: una via per far sì che i cubani comincino a praticare il calcio ed a prender condidenza con la palla fin da bambini – che, con il socialismo, ha tuttavia un rapporto quantomeno vago.  Pronta la replica di “radio-bemba” (la vox-populi che, trasmessa di bocca in bocca -bemba significa “labbrone”-  mette alla berlina i potenti): vuoi vedere che adesso mettono anche i goal nella “libreta” di razionamento?

Ecco, in ogni caso, l’originale dell’articolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0