No menu items!
10.7 C
Buenos Aires
Saturday, July 13, 2024
HomeSud AmericaCileKasteuforia a Santiago

Kasteuforia a Santiago

Superando tutte le più ottimistiche previsioni, il più a destra – il più “pinochetista” per molti aspetti – dei partiti cileni ha conquistato la maggioranza assoluta nel nuovo Consiglio Costituzionale. E potrà redigere (o non redigere) a suo piacimento la nuova Costituzione. In questo articolo, The Clinic descrive il clima di euforia col quale José Antonio Kast e i suoi seguaci hanno accolto il risultato delle urne.

L’atmosfera era di festa. A soli venti minuti dall’inizio del conteggio dei voti per l’elezione al Consiglio costituzionale, all’interno della sede del Partito Repubblicano, situata nel Presidente Errázuriz, a Las Condes, si percepiva già l’euforia di un trionfo, con applausi e il tradizionale cantico “C-H-I”.

La celebrazione non era da meno. La collettività fondata da José Antonio Kast ha ottenuto, con il 99,44% di seggi scrutati, 3.451.066 voti, 22 candidati eletti su 72 postulanti, almeno un rappresentante per ogni regione, ad eccezione di Aysén, e con Luis Silva, candidato per la Regione metropolitana, come prima maggioranza nazionale. Un risultato ancora migliore di quello che ci si aspettava all’interno del negozio politico, dove si proiettavano almeno 5 eletti.

Lo scenario è favorevole per i repubblicani, che hanno fermamente difeso la posizione di non redigere una nuova Costituzione. Sono diventati il partito più rappresentativo all’interno del futuro organo di redazione, l’unico a ottenere più di un milione di voti e hanno assicurato un fattore chiave: il potere di veto all’interno dell’organo di redazione.

Una delle strategie del Partito Repubblicano durante la campagna è stata quella di capitalizzare le principali preoccupazioni della cittadinanza, soprattutto di fronte alla crisi di sicurezza che colpisce il paese e che è stata al centro di interrogativi per l’attuale governo.

La celebrazione ufficiale è iniziata alle 20.30 con un’intonazione dell’inno nazionale, bandiere del Cile sventolanti e con alcune brevi parole del presidente del Partito Repubblicano, Arturo Squella e della segretaria generale, Ruth Hurtado.

Poi è arrivato l’ingresso di José Antonio Kast, che ha indossato un vitello blu scuro con una cravatta rossa e ha avuto un importante dispiegamento a livello nazionale durante la campagna dei consiglieri costituzionali.

“Possiamo dire che siamo contenti, perché abbiamo raggiunto un traguardo importante”, ha detto nel suo discorso l’ex candidato presidenziale, ma ha avvertito: “Oggi non è il momento di celebrare o dividere il paese, è tempo di lavorare in unità per il bene del Cile”.Applaudito dal pubblico e tra canti di “si sente, si sente, Kast presidente”, il leader repubblicano ha avuto anche parole dure per l’amministrazione del presidente Gabriel Boric.

“Oggi anche il Cile, non noi, il Cile ha sconfitto un governo fallito, e questo va detto forte e chiaro. Al governo che è stato incapace di affrontare la crisi dell’insicurezza, la crisi migratoria e la crisi economica”, ha detto….

Leggi l’intero articolo, in spagnolo, su The Clinic

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0