No menu items!
19 C
Buenos Aires
Wednesday, July 24, 2024

Aria di golpe

“Aquí, vamos a tratar de hacer lo mejor por defenestrar a un tipo que fue guerrillero”, qui faremo il possibile per defenestrare un tipo che è stato guerrigliero. Il “tipo que fue guerrigliero” è l’attuale president della Colombia Gustavo Petro, democraticamente eletto qualche mese fa. Ed a pronunciare la frate di cui sopra è stato – richiamando la recente defenestrazione del Presidente Carrillo in Perù, è stato il colonnello (in pensione) John Marulanda nel corso d’una trasmissione radio. Qualcuno sta pensando ad golpe in Colombia? Un Articolo di Camila Osorio su El País di Madrid.

Il rapporto tra il presidente Gustavo Petro e un ampio settore di militari in pensione sta attraversando il suo momento peggiore da quando il governo ha cominciato a governare lo scorso agosto. “Perché cospirano per un colpo di Stato? Perché sono terrorizzati all’idea di porre fine all’impunità”. Questo ha scritto il presidente della Colombia sul suo account Twitter giovedì scorso dopo aver condiviso in rete, via social, un’intervista del colonnello in pensione John Marulanda su W Radio. In essa, l’ex direttore dell’Associazione degli ufficiali in pensione delle Forze Militari della Colombia (Acore) ha detto, riferendosi alla crisi politica peruviana, che lì “le riserve hanno avuto successo nel difendere un presidente corrotto”. Si riferiva all’ex presidente di sinistra Pedro Castillo, che ha fallito nel suo tentativo di autogolpe l’anno scorso, e che Petro ha difeso più volte. “Qui, cercheremo di fare del nostro meglio per defenestrare un ragazzo che era un guerrigliero”, ha aggiunto Marulanda. L’ultima frase ha fatto scattare l’allarme.

Da quando Petro è asceso al potere l’anno scorso c’è il timore che i militari non accettino un governo di quattro anni nelle mani di un ex guerrigliero, cosa mai accaduta prima. Per ora, hanno accettato. La Colombia è orgogliosa di essere, con quella degli Stati Uniti, la democrazia più stabile del continente e non ha conoisciuto un colpo di Stato per decenni (se si esclude la breve dittatura del generale Rojas Pinilla nel 1953). Durante il governo dell’ex presidente liberale Ernesto Samper (1994-1998) si è parlato più volte di “rumore di sciabole”, ma la cosa non mai avuto un seguito. Petro, da parte sua, è riuscito a mantenere un rapporto cordiale con le forze armate in questi 10 mesi di governo, anche dopo aver nominato il rinomato investigatore anticorruzione Ivan Velasquez come  ministro della Difesa. Ma il loro rapporto è stato molto meno fluido con le forze già pensionate.

Dopo le dichiarazioni di Marulanda, Petro ha avvertito su Twitter di un possibile colpo di Stato, anche se la dichiarazione non proveniva da qualcuno ancora in funzione nelle forze armate colombiane. Anche il suo capo della Presidenza, Laura Sarabia, ha denunciato le dichiarazioni, affermando che il carattere democratico della forza pubblica non deve essere messo in discussione. “Non essere in disaccordo con il governo è molto diverso dall’istigare un colpo di Stato. E che qualcuno della riserva faccia quella chiamata non è solo un’aggravante, ma è un disonore per l’uniforme che indossava una volta. La tradizione democratica delle nostre Forze non deve MAI essere messa in dubbio”, ha detto sul suo account Twitter.

Tuttavia, come riportato da W Radio, Marulanda ha poi invertitoDa quando Petro è salito al potere l’anno scorso c’è il timore che i militari non accettino un governo di quattro anni nelle mani di un ex guerrigliero, la prima volta che questo accade nel paese. Per ora, hanno accettato. La Colombia è ripetutamente orgogliosa di essere la democrazia più stabile del continente, con gli Stati Uniti, e non ha avuto un colpo di Stato per decenni (se si racconta la breve dittatura del generale Rojas Pinilla nel 1953). Durante il governo dell’ex presidente liberale Ernesto Samper (1994-1998) si è parlato più volte di rumore di sciabole, cosa che non è mai successa. Petro, da parte sua, è riuscito a mantenere un rapporto cordiale con le forze armate attive in questi 10 mesi di governo, anche dopo aver nominato il rinomato investigatore anticorruzione Ivan Velasquez ministro della Difesa. Ma il loro rapporto è stato molto meno fluido con le forze ritirate.

Dopo le dichiarazioni di Marulanda, Petro ha avvertito su Twitter di un possibile colpo di Stato, anche se la dichiarazione non era di qualcuno che è attivo nelle forze armate colombiane. Anche il suo capo della Presidenza, Laura Sarabia, ha denunciato le dichiarazioni, affermando che il carattere democratico della forza pubblica non deve essere messo in discussione. “Non essere in disaccordo con il governo è molto diverso dall’istigare un colpo di Stato. E che qualcuno della riserva faccia quella chiamata non è solo un’aggravante, ma è un disonore per l’uniforme che indossava una volta. La tradizione democratica delle nostre Forze non deve MAI essere messa in dubbio”, ha detto sul suo account Twitter.

Tuttavia, come riportato da W Radio, Marulanda ha poi invertito. “Correggo quello che ho detto. Non si tratta di defenestrare il presidente Gustavo Petro come si è deferito al presidente peruviano Pedro Castillo”, ha chiarito. Ma ormai troppo tardi era per spegnere le fiamme dell’incendio.

L’intervista a Marulanda è avvenuta dopo che centinaia di ufficiali in pensione hanno manifestato in piazza Bolivar mercoledì. Lì hanno gridato “Via Petro!” più volte, e hanno portato striscioni che parlavano di “disprezzo progressista” alla forza pubblica. In questo tipo di manifestazioni c’è sempre il dubbio su quanto queste posizioni politiche contro il presidente si allineino o meno con le forze attive. Queste ultime non possono essere legalmente coinvolte in manifestazioni politiche, partiti o votare, mentre i pensionati possono farlo. E dal governo dell’ex presidente Álvaro Uribe (2002-2010) i pensionati sono stati grandi alleati dell’uribismo e i maggiori critici del petrismo…..

Leggi il resto dell’articolo, in spagnolo, su El País di Madrid

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0