Home Americhe Ambientalisticidio

Ambientalisticidio

0

Chi difende l’ambiente muore. Questo è quel che, dati alla mano, rivela l’ultimo rapporto di Global Witness. Ed è proprio l’America Latina – con la Colombia in posizione di comando – la parte del pianeta dove la mattanza si consuma con più frequenza e con più ferocia.

La crisi climatica – si legge nel rapporto – è una crisi contro l’umanità.

Dal 2012, Global Witness sta raccogliendo dati sugli omicidi di difensori della terra e dell’ambiente. E da allora, un quadro cupo è stato messo a fuoco, con le prove che indicano come mentre la crisi climatica si intensifica, vada parallelamente anche la violenza contro coloro che proteggono la loro terra e il nostro pianeta. È ormai chiaro che lo sfruttamento irresponsabile e l’avidità alla base della crisi climatica stanno anche scatenando la violenza contro i difensori della terra e dell’ambiente.

Nel 2020 – rivela ancora il rapporto – abbiamo registrato 227 attacchi letali – una media di più di quattro persone a settimana – che l’hanno reso ancora una volta l’anno più pericoloso per chi difende le proprie case, la propria terra e i propri mezzi di sussistenza, e gli ecosistemi vitali per la biodiversità e il clima.

Come sempre, questi attacchi letali avvengono nel contesto di una più ampia gamma di minacce contro i difensori, tra cui intimidazione, sorveglianza, violenza sessuale e criminalizzazione. Le nostre cifre sono quasi certamente sottostimate, con molti attacchi contro i difensori non segnalati.

Nel 2020, oltre la metà degli attacchi ha avuto luogo in soli tre paesi: Colombia, Messico e Filippine.

Per il secondo anno consecutivo, la Colombia ha visto il maggior numero di omicidi nel 2020, con 65 difensori della terra e dell’ambiente uccisi. Questi hanno avuto luogo nel contesto di attacchi diffusi ai difensori dei diritti umani e ai leader delle comunità in tutto il paese, nonostante le speranze dell’accordo di pace del 2016. I popoli indigeni sono stati particolarmente colpiti, e la pandemia del COVID ha solo peggiorato la situazione. I difensori dell’ambiente sono stati spesso colpitiad nelle loro case, grazie al fatto che i governi avevano ridotto le misure di protezione adottate dopo le minacce ricevute dalle vittime.

In Messico, abbiamo documentato 30 attacchi letali contro i difensori della terra e dell’ambiente nel 2020, un aumento del 67% dal 2019. Il disboscamento era alla base di quasi un terzo di questi attacchi, e la metà di tutti gli attacchi nel paese erano diretti contro le comunità indigene. L’impunità per i crimini contro i difensori rimane scandalosamente alta – fino al 95% degli omicidi non finiscono in procedimenti giudiziari.

Nelle Filippine, il deterioramento della situazione dei diritti umani è stato sempre più condannato a livello internazionale. L’opposizione alle industrie dannose è spesso affrontata con violente repressioni da parte della polizia e dell’esercito. Nei nostri dati, oltre la metà degli attacchi letali erano direttamente collegati all’opposizione dei difensori ai progetti di estrazione, taglio e diga.

Gli anni di mandato del Presidente Duterte sono stati contrassegnati da un drammatico aumento della violenza contro i difensori. Dalla sua elezione nel 2016 fino alla fine del 2020, sono stati uccisi 166 difensori della terra e dell’ambiente – un aumento scioccante per un paese che era già un luogo pericoloso per difendere l’ambiente…

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Exit mobile version