No menu items!
19.2 C
Buenos Aires
Saturday, December 3, 2022
HomeSud AmericaBrasileVinca o perda, Bolsonaro è una malattia cronica

Vinca o perda, Bolsonaro è una malattia cronica

In un op-ed per il New York Times, lo storico Andre Pagliarini analizza il voto che, il 6 ottobre scorso, in Brasile  ha fatto da preludio al prossimo ballottaggio tra Luíz Inácio da Silva (Lula) ed il presidente uscente, Jair Messiah Bolsonaro. E rileva come, nonostante il vantaggio di Lula – un vantaggio che, presumibilmente, il prossimo 30 ottobre, si concretizzerà in una finale vittoria nella corsa presidenziale – il voto dei brasiliani abbia confermato una molto inquietante verità. Vincenti o perdenti, Bolsonaro ed il bolsonarismo non sono stati affatto un incidente della Storia. Ecco quel che scrive


Profetizzato dai sondaggi della vigilia e da molti desiderato da milioni di persone, il ripudio di Jair Bolsonaro non si è avverato nelle urne. Il Brasile viaggia lungo il bordo d’un abisso.

Elettoralmente parlando, le cose non andate poi così male. Domenica scorsa, Luiz Inácio Lula da Silva, l’ex leader sindacale di centro-sinistra che ha governato abilmente il Brasile dal 2003 al 2011, ha preso circa il 48 per cento dei voti, una buona performance entro il margine di errore dei sondaggi finali. Ma Bolsonaro ha superato quello che era da molti il tetto del suo consenso, prendendo 43 per cento – molto al di sopra delle previsioni – creando i presupposti per un ballottaggio molto più combattuto ed incerto del previsto. E, quel che è peggio, molti degli ex ministri e alleati di Bolsonaro hanno, cavalcando l’onda di questo successo, conseguito significative vittorie nelle elezioni parlamentari e locali.

I risultati hanno mostrato al di là di ogni dubbio che Mr. Bolsonaro non è un incidente della storia. Come tale (come un colpo di fortuna) era forse possibile qualificare la sua sorprendente elezione quattro anni fa, quando entrò a Planalto grazie diffuso sentimento anti-sinistra. Ora non più. Alla base dei suoi vaghi appelli a “Dio, patria e famiglia” c’è un fondamento di sostegno, diffuso in tutto il paese e che ingloba un ampio spaccato della società. Indipendentemente dal risultato alla fine del mese, gli spettri che Bolsonaro ha evocato e la politica che ha coltivato sono qui per rimanere.

Gli inizi di Bolsonaro nella politica brasiliana furono ignominiosi. Capitano dell’esercito, era assurto all’attenzione nazionale a metà degli anni ’80 quando le forze armate stavano iniziando una ritirata tattica dalla vita politica dopo due decenni di dominio militare. Un importante giornale aveva allora rivelato come Bolsonaro, risentito per la scarsa retribuzione, stesse progettando il bombardamento d’una caserma a Rio de Janeiro. L’obiettivo, ha detto il giornalista con notevole immediatezza, era quello di mettere in imbarazzo l’impopolare ministro dell’esercito.

Dopo una raffica di pubblicità e un’indagine interna in cui Bolsonaro era parso minacciare il giornalista per aver testimoniato contro di lui, l’incidente era stato in gran parte dimenticato. Ma quella iniziale spacconata è rimasta un tipico tratto della personalità di Bolsonaro, un soldato poco brillante le cui esagerate ambizioni politiche spesso irritavano i ranghi militari di più alto livello. Nonostante ciò, il suo background militare si dimostrò utile dal punto di vista elettorale. Tanto che nel 1988, dopo il ripristino della democrazia brasiliana, iniziò una carriera politica come rappresentante degli interessi e delle prospettive dell’ala più dura e nostalgica degli apparati militari.

Nel tempo, i suoi appelli assunsero un tenore ancor più marcatamente reazionaria, abbracciando la spinta conservatrice e la più fanatica parte della teologia del cristianesimo evangelico. La politica di Bolsonaro – un miscuglio di bigottismo, autoritarismo, moralismo religioso, neoliberalismo e complottismo – erano stati in gran parte messi da parte nel cupo ricordo degli anni della dittatura militare. Ma 13 anni di governi progressisti del Partito dei Lavoratori hanno generato malcontento a destra. Per questo settore del Brasile, le ripetute vittorie elettorali della sinistra erano state un gioco sporco ed avevano screditato la nozione stessa di democrazia. Ed a capo di questa spinta reazionaria, dotato d’una inimitabile e fanfaronesca forze ideologico-oratoria, c’era Jair Messiah Bolsonaro. Un uomo che, nella più grande democrazia dell’America Latina, era diventato la voce di decine di milioni di persone

Il voto di domenica ha reso ancor più evidente questa triste situazione. I candidati sostenuti dal Sig. Bolsonaro hanno superato i pronostici ovunque, rivendicando importanti vittorie contro i candidati sostenuti da Lula in centri fondamentali come San Paolo e Rio de Janeiro. In effetti, il primo turno di votazioni suggerisce non solo che il progetto politico che ha prevalso nel 2018 – in una parola, il “Bolsonarismo” – è vivo e vegeto, ma anche che ha spazio per crescere. Considerando la gestione disastrosa della pandemia, le sue costanti minacce alla democrazia brasiliana e l’ondata di scandali di corruzione che circondano lui e la sua famiglia, questa è una prospettiva cupa.

Cupa, ma non una inspiegabile. Anche se ci sono molte cose che non sappiamo – il censimento, ritardato dalla pandemia e dal sabotaggio istituzionale, ha più di un decennio – alcune cose sono chiare. Mentre il Bolsonaro ha mantenuto il suo vantaggio schiacciante nelle parti occidentali e nordoccidentali del paese, l’aspetto più notevole dell’elezione era come pulito è caduto lungo le linee stabilite di sostegno regionale. Nel sud-est, un bastione tradizionale della politica conservatrice, il sig. Bolsonaro ha prosperato. Nel nord-est, una ridotta per il Partito dei Lavoratori, il sig. da Silva eccelleva. Il successo del Bolsonaro è stato quello di mantenere ed estendere la tradizionale base conservatrice di sostegno, entusiasmandola con le sue amare denunce ai progressisti, al sistema giudiziario, ai giornalisti e alle istituzioni internazionali.

Nonostante la dimostrazione di forza di Bolsonaro, il risultato più probabile rimane una vittoria di Lula da Silva. Dopo tutto, nessun secondo classificato al primo turno di votazione ha mai vinto il ballottaggio. I candidati che hanno finito terzo e quarto – il centro-destra Simone Tebet e il centro-sinistra Ciro Gomes – sosterranno Lula. Il talento e l’energia con cui Lula va conducendo la sua campagna, evidente nel messaggio messaggio ottimista che ha scritto su Twitter una volta che i risultati sono stati chiari, è un altro vantaggio.

Ma estendere la campagna è una proposta pericolosa. I sostenitori del sig. Bolsonaro hanno già compiuto numerosi atti di violenza contro i sostenitori del sig. da Silva. Non sarebbe sorprendente se il”Bolsonarismo”, un movimento che alimenta di retorica violenta, rivendica più vite prima di ottobre. 30. Nel frattempo, il Presidente Bolsonaro, dotato di tempo e maggiore credibilità dal suo sorprendente successo, può continuare a tramare contro la democrazia brasiliana.

Diversi ostacoli rimangono lungo la via d’una presa di potere di Bolsonaro. Ma di certo l’ex presidente ha appena eliminato uno di grande rilevanza.

Clicca qui per leggere l’articolo originale in inglese

Previous article
Next article

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0