No menu items!
20.2 C
Buenos Aires
Wednesday, December 8, 2021
HomerassegnaUSA, lavoratori alla riscossa

USA, lavoratori alla riscossa

In un op-ed per il New York Times, il premio Nobel per l’economia Paul Krugman analizza gli attuali squilibri tra domanda ed offerta nella economia post-Covid. Ed avanza l’ipotesi che la scarsità dell’offerta che sembra oggi caratterizzare – difficile dire quanto temporaneamente – l’attuale crisi possa essere la conseguenza di un aumento (il primo nel corso dell’ultimo mezzo secolo, o quasi) della forza contrattuale dei lavoratori americani. Ecco quel che scrive Krugman:

…La situazione del lavoro, al contrario, sembra una vera e propria riduzione dell’offerta. L’occupazione totale è ancora cinque milioni al di sotto del suo picco pre-pandemico. L’occupazione nel settore del tempo libero ed il turismo è ancora giù, più del 9 per cento. Eppure tutto ciò che vediamo suggerisce un mercato del lavoro molto ristretto. Da un lato, i lavoratori stanno lasciando il loro lavoro ad un ritmo senza precedenti, un segno che sono sicuri di trovare nuovi posti di lavoro. Dall’altro, i datori di lavoro non stanno solo piagnucolando sulla carenza di manodopera, ma stanno cercando di attirare i lavoratori con aumenti di stipendio. Negli ultimi sei mesi i salari dei lavoratori del tempo libero e del turismo sono aumentati a un tasso annuo del 18 per cento, e ora sono ben al di sopra della loro tendenza pre-pandemica.

Il mercato del lavoro ha anche incoraggiato i membri del sindacato, che sono stati molto più disposti del solito a scioperare dopo aver ricevuto offerte di contratto che considerano inadeguate.

Ma perché stiamo vivendo quella che molti chiamano la Grande Rassegnazione, con così tanti lavoratori che o si dimettono o chiedono salari più alti e migliori condizioni di lavoro per rimanere? Fino a poco tempo fa i conservatori davano la colpa ai benefici per i disoccupati, sostenendo che questi benefici stavano riducendo l’incentivo ad accettare posti di lavoro. Ma gli stati che hanno annullato quei benefici in anticipo hanno visto nessun aumento di occupazione rispetto a quelli che non hanno fatto, e la fine nazionale dei benefici migliorati il mese scorso non sembra aver fatto molta differenza per la situazione di lavoro.

Quello che sembra invece accadere è che la pandemia ha portato molti lavoratori degli Stati Uniti a ripensare le loro vite e chiedere se valeva la pena di rimanere in posti di lavoro schifosi troppi di loro avevano….

Leggi tutto l’articolo, in inglese, sul New York Times

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0