Tag Archives: George W. Bush

Peggio di lui nessuno

Non si sa se esistano. E, se esistono, assai probabile è che una delle vecchie cabine telefoniche – struggente ricordo di tempi meno complicati – sia più che sufficiente ad ospitarne una molto ipotetica assemblea plenaria. Una cosa di loro si può tuttavia dire: oggi come oggi, quando sono a malapena trascorsi i primi due […]

Read More 0 Comments

Yankees come home III

C’è un cadavere – il cadavere non d’un uomo, ma d’una politica – sepolto nel giardino di quella che, lo scorso 14 d’agosto, è tornata ad essere l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America all’Avana. E le cronache del tempo narrano come ad interrarlo fosse stato, in un giorno di dicembre dell’anno del Signore 2004, l’allora responsabile […]

Read More 0 Comments

Il Grande Fratellino

O, se si preferisce. un Fratello un po’ meno grande. O, ancora, piu in concreto: spia qualcosa meno di quel che spii oggi. Nell’agosto del 2007, quando aveva da poco lanciato la sua candidatura alla Casa Bianca, Barack Obama tenne un molto pubblicizzato discorso sulla lotta al terrorismo. Ed usò parole molto dure contro il […]

Read More 0 Comments

Bush vive e tortura insieme a noi

C’era una volta un presidente chiamato George W. Bush. E, per la verità, ancora c’è. In qualche misura, anzi, c’è oggi più che mai. C’è, e proprio in questi giorni è spettacolarmente riemerso – come un cattivo ma incancellabile ricordo o, ancor meglio, come un mal represso senso di colpa – dalla semi-clandestinità nella quale […]

Read More 0 Comments

Iraq, dieci anni dopo

Dichiarata vinta da George W. Bush già il primo Maggio del 2003, la guerra in Iraq ha compiuto ieri dieci anni di vita. Ed ancora continua. O meglio: s’è ormai trasformata in una condizione di endemica violenza, in un permanente stato di sanguinoso disordine la cui fine ancora è impossibile intravvedere. Sul tema un editoriale […]

Read More 0 Comments

Clinton, Bush e Dorian Gray

Passa il tempo ed aumentano i bypass (quelli che, da qualche anno, consentono al suo non più giovanissimo cuore di continuare a battere), ma William Jefferson Clinton rimane quello che sempre è stato: un ineguagliabile maestro di politica applicata, un incantatore di serpenti senza piffero, ma capace d’usare dati, statistiche, fatti e parole come fossero […]

Read More 0 Comments