Home Americhe L’Ucraina è vicina

L’Ucraina è vicina

0

Molti dei leader politici dell’America Latina – ed in particolare quelli che, come Bolsonaro ed AMLO, si identificano, a destra o a sinistra, presiedono più o meno autoritarie forme di governo populista – hanno reagito con molta timidezza (o addirittura indifferenza), all’invasione russa in Ucraina. E qualcuno – come, per l’appunto AMLO e Bolsonaro – ha addirittura mantenuto molto amichevoli relazioni personali con Vladimir Putin. A dispetto d’una tanto tiepida attitudine, tuttavia, all’orizzonte vanno profilandosi, causa la tragedia ucraina, e nonostanti delle molto scarse relazioni commerciali tra Russia ed America Latina, pesantissime conseguenze economiche per l’intero continente. Come sottolinea James Bosworth in questo articolo pubblicato da World Policy Review…


Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro e la sua controparte messicana, Andres Manuel Lopez Obrador, non sono d’accordo su molto quando si tratta di politica estera, anche se a volte mostrano stili populisti simili. Bolsonaro è il più classico esemplare di reazionario pronto a scagliarsi contro ogni minaccia di  “socialismo” ed è, a suo tempo, stato un fedele alleato regionale dell’ex presidente degli Stati Uniti. Donald Trump. AMLO, come di norma viene chiamato Lopez Obrador, tende invece, nonostante il suo conservatorismo fiscale e sociale in politica interna, a piegarsi a sinistra a livello internazionale. È amico del presidente cubano Miguel Diaz Canel e del presidente venezuelano Nicolas Maduro, ed ha fornito asilo all’ex presidente boliviano Evo Morales nel 2019 quando Morales ha lasciato il suo paese d’origine dopo un’elezione contestata.

È degno di nota, quindi, che sia Bolsonaro che AMLO sembrano essere d’accordo sulla questione dell’invasione russa Ucraina. Entrambi sono rimasti relativamente in amichevoli rapporti con il presidente Vladimir Putin. Entrambi hanno evitato di condannare direttamente l’invasione illegale e violenta di Putin d’una nazione sovrana in Europa, nonché i numerosi crimini di guerra e le violazioni dei diritti umani che le forze russe hanno commesso durante quell’attacco. Entrambi hanno impedito ai loro governi di intraprendere azioni concrete che punissero la violazione imperialista delle regole e delle norme internazionali da parte della Russia.

Il sostegno dei due leader a Putin non aiuterà la Russia a vincere la guerra in Ucraina, a evitare la condanna internazionale o a eludere le sanzioni imposte dalla stragrande maggioranza degli Stati membri dell’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo. Non è nemmeno chiaro quanto la loro benevolenza personale verso Putin rappresenti le posizioni ufficiali dei loro paesi, con il Messico e il Brasile che hanno votato per condannare l’invasione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Tuttavia, Bolsonaro e AMLO sono illustrativi di una sfida più ampia per la classe politica dell’America Latina quando si tratta di scollegarsi tra la debole risposta diplomatica della regione all’invasione russa dell’Ucraina e il grave impatto economico che la regione dovrà affrontare a causa della guerra. Con poche eccezioni, la condanna delle azioni di Putin è stata tiepida nella regione, quando i leader politici hanno commentato l’invasione. E l’azione concreta contro la Russia, compresa la firma delle sanzioni attuate dagli Stati Uniti, dal Canada e dall’Europa, è stata praticamente inesistente, anche tra i paesi che hanno condannato l’invasione. I leader latinoamericani potrebbero tentare di schivare le ramificazioni politiche della guerra, ma tre rapporti pubblicati la scorsa settimana evidenziano come l’impatto dell’invasione possa sconvolgere le economie regionali per il prossimo anno.

Un rapporto della Banca Mondiale stima che l’America Latina e i Caraibi vedranno le loro economie crescere solo del 2,5 per cento nel 2022 e dell’1,9 per cento nel 2023, con Messico e Brasile tra i più deboli tra queste proiezioni. C’è il rischio significativo di alcuni paesi della regione entrare in recessione, in particolare come gli Stati Uniti. continua ad aumentare i tassi di interesse in mezzo rallentamento della crescita. Inoltre, anche se la maggior parte dell’America Latina è passata dalla pandemia, il potenziale di un rallentamento economico in Cina a causa delle restrizioni COVID-19 colpirebbe ulteriormente le economie della regione. E alti livelli di inflazione consumeranno qualsiasi crescita nei paesi che riescono ad evitare la recessione…..

Allo stesso modo, l’OCSE ha pubblicato nuove stime che prevedono una crescita globale di appena il 3 per cento nel 2022, in calo rispetto alla sua previsione del 4,5 per cento nei mesi precedenti l’invasione. Gli autori del rapporto scrivono: “Questo rallentamento della crescita è un prezzo di guerra che sarà pagato con redditi più bassi e meno opportunità di lavoro”. Mentre alcuni paesi esportatori di materie prime, tra cui il Brasile, hanno ottenuto una spinta dai prezzi più elevati a causa della guerra, la situazione per il consumatore medio, anche in quei paesi esportatori, sarà ancora abbastanza difficile….

Continua a leggere l’articolo nella versione originale in inglese……

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Exit mobile version