No menu items!
26.7 C
Buenos Aires
Tuesday, October 26, 2021
HomeSud AmericaColombiaIl villaggio che adottava i morti

Il villaggio che adottava i morti

Per anni – i molti, troppi anni che la guerra è durata in Colombia – Puerto Berrio, una cittadina lungo le sponde di quel Rio Magdalena che ha fatto da sfondo a tanti splendidi racconti di Gabriel García Márquez, ha raccolto ed “adottato” e sepolto i morti (morti ammazzati) portati dalla corrente. Ed in questo consiste l’ “adozione”: ciascuno di quei morti anonimi è stato trasformato, dai cittadini che  dopo averli strappati al fiume li aveva seppelliti cristianamente, in una sorta di santo protettore personale. Ora quei corpi dovranno restituirli nel nome della verità. Più concretamente: dovranno consegnarli alla Commissione di Pace che, in base agli accordi stilati anni fa, sta cercando di restituire ai poveri resti, non la vita, ovviamente, ma almeno un nome. Come racconta questo servizio di El País di Madrid scritto da Catarina Oquendo…leggi…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0