No menu items!
10.8 C
Buenos Aires
Wednesday, August 17, 2022
HomeSud AmericaBrasileGuerra in Amazzonia

Guerra in Amazzonia

Eliane Brum, columnist di El País di Madrid, rivela quel che davvero significa la scomparsa, in Amazzonia, del giornalista britannico Dom Philips e di Bruno Pereira, uno dei più noti indigenisti brasiliani. Semplicemente: quella che è in corso nella più grande foresta del pianeta – il suo “polmone” verde come comunemente viene chiamata – è a tutti gli effetti, afferma Eliane, una guerra. Anzi: è per molti aspetti – contrariamente all’Ucraina che, pur nella sua attualissima ferocia, è ancora tutta nella logica del secolo passato – la vera guerra mondiale del XXI secolo. E falso è affermare che questa guerra contro l’ambiente e contro il futuro dell’umanità si va combattendo in assenza dello Stato. Lo Stato brasiliano – uno Stato di cui Bolsonaro si è appropriato – è a tutti gli effetti parte belligerante in difesa e nel nome di quelli che di Bolsonaro sono, in zona, la base elettorale: “ladri di terra, assassini di uomini e della natura”.


Lunedì 6 giugno mi sono svegliata con la notizia che da 24 ore il mio amico Dom Phillips era scomparso nella Valle dello Yavarí, una delle regioni più pericolose dell’Amazzonia. Era con Bruno Pereira, uno dei più importanti indigenisti della sua generazione. Tre giorni dopo, fui svegliata da una contadina che chiedeva aiuto perché due famiglie si erano addentrate nella giungla: dei sicari avevano crivellato le loro case. Due settimane prima, altre due case della stessa comunità erano state date alle fiamme ed adulti e bambini erano stati presi in ostaggio. In seguito, ho ricevuto una richiesta di aiuto per evacuare un leader della regione minacciato di morte a causa dell’escalation della violenza. Mi sono fermata, ho respirato e ho dovuto scegliere quale fosse la priorità. Dover scegliere tra scomparsi, vittime di attentati e minacciati di morte è un’indegnità. Questa indegnità si chiama guerra.

Descrivo la mia settimana per mostrare che la scomparsa, e la probabile morte, di Dom e Bruno, evento che ha mobilitato la stampa e il mondo, non fa eccezione. Significa soltanto che la guerra in Amazzonia ha, per una volta, colpito un cittadino dell’emisfero settentrionale, un giornalista rispettato, un uomo bianco. E questo è un fatto nuovo che indica come un limite sia stato superato, aumentando così il rischio per tutti.

Il deliberato ritardo di Bolsonaro nell’avvio delle ricerche, poi intensificate solo grazie alla pressione interna ed esterna, così come il ricorrente discredito dal presidente brasiliano riservato alle vittime nelle sue dichiarazioni pubbliche, non è una questione di negligenza o di incompetenza, ma di metodo. A meno di quattro mesi dalle elezioni, Bolsonaro ha mostrato come vengono trattati i difensori della foresta, anche quando c’è uno shock mondiale, e ha implicitamente fatto sapere che continuerà a sostenere la sua base in Amazzonia, composta da ladri di terreni pubblici, legname e proprietari di miniere illegali. Persone rispettabili affermano che lo Stato è assente in Amazzonia. Non condivido questa visione. Lo Stato è molto presente. Bolsonaro si è appropriato dello Stato e lo ha corrotto a livelli senza precedenti, smantellando la protezione, controllando gli organi di difesa e lasciando libero il bar agli sfruttatori della giungla.

Tuttavia, la guerra condotta da Bolsonaro contro la più grande foresta pluviale del mondo e i suoi popoli non ha raggiunto l’Europa per aver colpito un giornalista britannico. Questa guerra ha avuto un impatto sulla vita di ogni persona sul pianeta da quando è iniziata. La guerra che la Russia di Vladimir Putin infligge all’Ucraina è ancora una guerra del XX secolo. I conflitti più lunghi e difficili da vincere, quelli del XXI secolo, si svolgono nelle enclavi naturali, veri e propri centri di un pianeta immerso in una catastrofe climatica. Dom Phillips e Bruno Pereira sono le sue ultime vittime, ma sicuramente non le ultime. Il clamore mondiale che ha iniziato in suo nome deve trasformarsi in coinvolgimento nella guerra che ci è toccato combattere. L’unico modo per mantenere in vita i difensori della natura è che siano così numerosi che, per metterli a tacere, sia necessario ucciderci tutti.

Clicca qui per leggere l’originale in spagnolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0