No menu items!
7.6 C
Buenos Aires
Wednesday, August 4, 2021

Forget Newtown

Un anno fa, quando Adam Lanza, un giovane squilibrato ed armato fino ai denti seminò la morte tra i banchi della Sandy Hook Elementary School di Newtown, nel Connecticut, era a molti sembrato che quei 20 bambini (e quei sei adulti) assassinati avessero, infine, fatto il miracolo. Ovvero: che il loro sacrificio avesse finalmente posto all’ordine del giorno la questione di una legge capace di controllare, a livello federale, l’epidemia di stragi, provocata dall’illimitata circolazione di armi da fuoco negli Stati Uniti d’America. Ma così non è stato. Passata l’emozione del momento, il Congresso Usa non ha approvato (né, in pratica, ha discusso) alcuna legge in materia. E nei singoli Stati sono state, sì – come testimonia questa analisi del New York Times – entrate in vigore molte nuove normative, ma per la grande maggioranza destinate a liberalizzare, e non a limitare, la circolazione di armi da fuoco.

Sicché, a degnamente celebrare questo primo anniversario, è non sorprendentemente giunta – ancora una volta dal Colorado, già marcato, 15 anni fa, dalla strage della Columbine High School e, molto più recentemente, dalla mattanza in un cinema di Aurora -– la notizia d’una nuova sparatoria in una scuola: la Arpahoe High School, alla periferia di Centennial. Niente morti (tranne lo sparatore, abbattuto dalla polizia) questa volta. “Soltanto” una decina di feriti (uno grave) e molta paura. Ma la storia continua….

Sul tema, dal New York Times, uno sconsolato op-ed di Joe Nocera.

E, da Bloomberg BusinesWeek, “Why Gun Control is Basically Dead”.

Da Salon: c’e’ una logica un questa follia. Il potere economico dietro l’ossessione per le armi 

Dal New York Time Magazine: “Inside the power of NRA”.  Perché dopo Newtown nulla è cambiato

Previous articleL’ora dei forni
Next articleMichelle 2.0

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0