No menu items!
21.5 C
Buenos Aires
Saturday, April 10, 2021

Faccio da solo

Barack Obama userà, nei tre anni di presidenza che gli restano, tutto il suo “potere esecutivo” – ovvero tutte le possibilità di legiferare per decreto – al fine d’aggirare l’ormai catalettico stato di politica immobilità nel quale è caduto un Congresso diviso. Primo passo: l’aumento a 10,10 dollari del salario minimo per i dipendenti federali. Nel suo Discorso sullo Stato dell’Unione, Obama ha individuato nell’aumento delle diseguaglianze economiche e nella paralisi della mobilità sociale – vero motore del “sogno americano” – il più grave e strategico tra i problemi che il Paese deve affrontare. E si è detto deciso ad agire a dispetto del “gridlock” congressuale. Una giusta scelta. Ma anche una scelta che –come sottolinea un editoriale del New York Times dal molto significativo titolo “The Diminished State of the Union” – deve fare i conti con i limiti del potere esecutivo.

Clicca qui per il testo completo, ed il video, del discorso di Obama

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0