No menu items!
24.1 C
Buenos Aires
Friday, April 16, 2021
HomesidebareditorialeDialogo inevitabile

Dialogo inevitabile

Altrove sinonimo di moderazione, tolleranza e saggezza, il termine “dialogo” è diventato, nel Venezuela bolivariano, una sorta di mala parola, triste evocatrice di inganni. E questo per via dell’uso, sempre strumentale e spesso decisamente truffaldino, che il governi di Hugo Chávez prima e Nicolás Maduro poi ne hanno fatto in passato. “Dialogare” non è fini qui stato, per il regime chavista, che un modo per guadagnar tempo nei momenti di crisi. Ed è per questo che, in Venezuela, gran parte dell’opposizione guarda oggi con sospetto e scetticismo i colloqui in corso in Norvegia. Pochi credono ad un dialogo che tuttavia – a dispetto dei molto poco incoraggianti precedenti – resta l’unica possibile via d’uscita ad una crisi che, come scrive Moises Naim in questo commento pubblicato da El País di Madrid, è causa di enormi e non più tollerabili sofferenze….Leggi…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0