No menu items!
21.7 C
Buenos Aires
Wednesday, October 27, 2021
HomeNord AmericaCanadaCanada, tombe senza nome

Canada, tombe senza nome

Li volevano “civilizzare”. Li hanno assassinati. Un altro orride capitolo riemerge – questa volta in Canada dalle nebbie di un passato che la Storia ufficiale ha fatto di tutto per tener nascosto. Ecco come questa storia viene ora raccontata in questo articolo della World Policy Review.

Quattro mesi fa, il Tk’emlups te Secwepemc First Nation in Canada ha fatto notizia in tutto il mondo quando ha annunciato d’aver scoperto 215 tombe senza nome vicino all’ex Kamloops Indian Residential School nella Columbia Britannica. Il mese successivo, la Cowessess First Nation annunciò un ritrovamento simile di 751 tombe senza nome vicino alla Marieval Indian Residential School nel Saskatchewan. Altri 160 furono presto trovati nel sito della Kuper Island Residential School, vicino a Vancouver, con molte altre comunità indigene che iniziarono a cercare siti simili.

I membri della comunità di Secwepemc, così come altri membri delle comunità che stavano montando le proprie ricerche, si sono affrettati a notare che queste scoperte erano solo l’inizio. Dalla metà del XIX al tardo XX secolo, le scuole residenziali canadesi separarono circa 150.000 bambini indigeni dalle loro famiglie e li trasferirono in una rete di oltre 130 collegi, la maggior parte dei quali finanziati dal governo e gestiti da chiese cristiane. L’intento era quello di “civilizzare” i bambini indigeni attraverso un programma di assimilazione forzata, dopo di che, si presumeva, si sarebbero integrati con una società che li considerava corpi estranei.

Questo tipo di approccio includeva molti degli elementi che definiscono un genocidio elencati nella Convenzione delle Nazioni Unite: l’uccisione indiscriminata di appartenenti ad un gruppo etnico, gravi danni fisici o mentali, l’allontanamento forzato di bambini dalle cure dei genitori. I bambini indigeni in molte di queste scuole sono stati vittime di abusi dilaganti, malnutrizione e persino sperimentazione medica forzata, lasciando i sopravvissuti con dolorose cicatrici mentali e fisiche.

E non si tratta di storia antica: l’ultima scuola residenziale statale chiusa nel 1996. Il programma è ben documentato, anche dalla Commissione canadese per la verità e la riconciliazione, che ha notato nel suo rapporto finale nel 2015 come le scuole residenziali fossero la prova di “genocidio culturale” e ha richiesto ulteriori indagini. Gli indigeni, attingendo alle proprie esperienze di abuso nelle scuole o alle esperienze dei loro parenti, hanno anche affermato da tempo che la violenza estrema si è verificata all’interno delle mura delle scuole residenziali.

Molti canadesi non integralisti risposero alla copertura mediatica intorno a tombe senza nome con shock, dicendo che non avevano mai saputo di questo aspetto della storia canadese. Molti sono stati ispirati a intraprendere azioni dirette, organizzando marce in tutto il paese per sostenere i sopravvissuti delle scuole, sotto la bandiera, “Ogni bambino conta.” Anche le associazioni professionali hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche sulle tombe senza nome e sul trattamento delle popolazioni indigene in senso più ampio; per esempio, la Canadian Historical Association ha rilasciato una dichiarazione esprimendo la sua opinione che la storia della violenza contro i popoli indigeni in Canada giustifica pienamente l’uso del termine “genocidio”. Ma molti altri canadesi non indigeni hanno semplicemente negato le accuse di genocidio e hanno insistito che, in ogni caso, questi crimini si sono verificati in passato, quindi i gruppi indigeni devono solo andare avanti….

Leggi tutto l’articolo in inglese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Most Popular

Recent Comments

Sandro Berticelli on Maduro, una catastrofica vittoria
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Corrado on Cielito lindo…
Corrado on Tropico del cancro
Corrado on Evo dixit
Corrado on L’erede
Alligator on Aspettando Hugodot
A. Ventura on Yoani, la balena bianca
matrix on Chávez vobiscum
ashamedof on Chávez vobiscum
stefano stern on Chávez e il “maiale”
Antonio Moscatelli on Gennaro Carotenuto, cavallinologo
pedro navaja on La strada della perdizione
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
pedro navaja on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Alessandra on Benaltrista sarà lei…
A.Strasser on Benaltrista sarà lei…
Arturo Sania on Benaltrista sarà lei…
giuilio on Maracanazo 2.0