Un vuoto morale di nome Trump

0

Al pari di molti altri commentatori, in questo suo op-ed per il New York Times, Ross Douthat, analizza le responsabilità di Donald Trump e della sua retorica xenofobo-razzista – nonché la sua complicità con la National Rifle Association – di fronte ai massacri di El Paso e di Dayton. Ma, diversamente dagli altri, individua una ancor più essenziale e “non ideologica” affinità tra l’attuale presidente degli Stati Uniti d’America ed i perpetuatori delle stragi. Un’affinità molto ben riassunta in questo capoverso:

….But the connection between the president and the young men with guns extends beyond Trump’s race-baiting to encompass a more essential feature of his public self — which is not the rhetoric or ideology that he deploys, but the obvious moral vacuum, the profound spiritual black hole, that lies beneath his persona and career….

Leggi tutto l’articolo

Share.

Leave A Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.