Prima della classe

0

Considerata un tempo il più disperato dei disperati casi di economie allo sbando, la Bolivia di Evo Morales è oggi (FMI dixit) un’isola di serenità nel cuore delle tempeste che vanno – con gravità variabile, ma in modo piuttosto uniforme – attraversando i cosiddetti paesi emergenti. Mentre l’Argentina del “modelo” kirchnerista sprofonda nella crisi, il Brasile entra in recessione ed il Venezuela del defunto Hugo Chávez – che, pure, Morales mai ha cessato di considerare un maestro e una guida – si dibatte sull’orlo d’un abisso marcato dai più alti tassi di inflazione del mondo, la Bolivia naviga ben più tranquille e promettenti acque. Merito d’una gestione economica che, per la sua moderazione e per la sua responsabilità fiscale, si è meritata gli elogi di tutti i templi della finanza internazionale. Com’è accaduto che economie guidate da governi che, come Venezuela, Argentina e Bolivia, compartono, con analogo linguaggio, molto simili filosofie politiche abbiano potuto ottenere, sul piano economico, tanto divergenti risultati? Ecco come lo spiega, sul New York Times, il corrispondente dall’America Latina William Neuman.   

Leggi anche: Il Fondo Monetario elogia l’ecomina boliviana

Share.

Leave A Reply